L'impegno del CIDSE nella 6a sessione del Trattato vincolante delle Nazioni Unite - CIDSE

L'impegno del CIDSE nella 6a sessione del Trattato vincolante delle Nazioni Unite

Come parte del suo impegno a difendere i diritti umani al di sopra degli interessi aziendali, CIDSE, come ogni anno, segue da vicino il gruppo di lavoro intergovernativo aperto sulle società transnazionali e altre imprese commerciali in materia di diritti umani (OEIGWG), che quest'anno entra nel suo 6th Sessione, in corso dal 26 al 30 ottobre.
A causa delle pandemie COVID-19, la sessione è solo parzialmente fisica al "Palais des Nations" delle Nazioni Unite a Ginevra e molte parti interessate, inclusa la rete CIDSE, si connettono solo a distanza.  

Comunicato stampa
Comunicato stampa conclusivo del CIDSE (30 ottobre)

Attività a Ginevra del CIDSE, dei suoi membri, alleati e partner :
Report

Eventi collaterali
-> CAFOD (membro del CIDSE in Inghilterra e Galles) organizza mercoledì 28 un evento virtuale laterale "Scavare più a fondo: l'estrazione mineraria in Colombia e l'urgente necessità di un trattato ONU"th Ottobre 2020, ore 2-3 CEST sulla lotta in corso per costringere le società transnazionali e altre imprese a rendere conto degli abusi dei diritti umani, dei danni ambientali e delle cattive condotte aziendali che causano, contribuiscono o sono direttamente collegate nel sud del mondo. 
Ulteriori informazioni sono disponibili nella nota concettuale e nel volantino. 


Guarda il introduzione al webinar di David Boyd, relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani e l'ambiente sul caso di El Cerrejon in Colombia e il registrazione dell'evento collaterale.

Leggi l' intervista a con Luisa Rodríguez Gaitán e Jenny Paola Ortiz dal programma Centro di ricerca e educazione popolare / pace (CINEP / PPP) sul ruolo cruciale di un Trattato vincolante per casi come il Cerrejón in Colombia.

-> Franciscans International, il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sui rifiuti tossici e il Leigh Day, organizzerà un evento collaterale online giovedì 29 ottobre alle 2:XNUMX CET su "Violazioni dei diritti umani e degrado ambientale - cosa può portare il trattato". Vedere il volantino di seguito:


Qual è lo stato del processo del trattato? 
L'obiettivo finale dell'OEIGWG è preparare uno strumento legalmente vincolante per regolamentare le società transnazionali. Dopo la quinta sessione, la Missione permanente dell'Ecuador, a nome della Presidenza dell'OEIGWG, ha preparato un seconda bozza rivista dello strumento giuridicamente vincolante. La 6a sessione lavorerà sulle basi di tale bozza.  

Posizione del CIDSE nei confronti del trattato 
Il CIDSE è preoccupato per il fatto che l'UE non ha ancora un mandato dai suoi stati membri per negoziare il Trattato, né cerca di partecipare attivamente o impegnarsi nella sessione del trattato. Gli Stati membri si nascondono anche dietro il fatto che è presumibilmente solo di competenza dell'UE, e quindi non possono impegnarsi individualmente. Mentre alcuni stati affermano di volere un mandato per l'UE, la situazione non sta andando avanti e nessuno viene coinvolto nei negoziati, a volte nemmeno difendendo le proprie leggi nazionali. L'UE si sta anche nascondendo dietro il proprio processo di attuazione della legislazione sulla Due Diligence, usando questa scusa per non farsi coinvolgere. Per CIDSE è fondamentale sottolineare la complementarità tra livello nazionale, regionale e internazionale.  
Il CIDSE invita gli Stati a impegnarsi in modo costruttivo, con spirito di determinazione e senso di responsabilità per il bene comune, ad avanzare fino a quando il "mandato di elaborare uno strumento internazionale giuridicamente vincolante" stabilito dalla risoluzione 26/9 del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite non sarà adempiuto. In qualità di agenzie di sviluppo cattoliche attivamente coinvolte nello sviluppo di politiche e leggi in materia di affari e diritti umani, il CIDSE è determinato a continuare a offrire consulenza e sostegno ai propri governi e ad altri membri del Consiglio per i diritti umani per aiutarli a raggiungere questo importante obiettivo. 
Si può leggere il contributo completo di CIDSE qui in inglese, francese e spagnolo.   

Sostegno ai trattati da parte della società civile e impegno del CIDSE 
CIDSE è uno dei membri principali del Trattato Alleanza, una coalizione globale di gruppi e movimenti della società civile a sostegno dello sviluppo di uno strumento internazionale vincolante. 
CIDSE ha anche recentemente supportato il Dichiarazione della società civile africana sul partenariato tra Unione europea e Africa in cui invitano i responsabili politici europei e africani a muoversi per adottare un trattato ONU legalmente vincolante per garantire che le società transnazionali siano pienamente responsabili delle loro violazioni dei diritti umani e dei crimini ambientali. 
Insieme a FoE-E, FoE-I, TNI, Bindingtreaty.org e alla campagna globale, il 27 ottobre CIDSE ha pubblicato un annuncio sul Financial Times per esortare gli Stati e le organizzazioni regionali a impegnarsi attivamente nel processo delle Nazioni Unite e a lavorare per un'efficace e strumento legalmente internazionale:

Impegno della Chiesa per la regolamentazione aziendale  
Il CIDSE si ispira al costante impegno di Papa Francesco sulla necessità di regolamentare le società e la nostra casa comune. Inoltre, più di 230 vescovi in ​​tutto il mondo hanno firmato una dichiarazione internazionale per fermare gli abusi aziendali e per garantire la solidarietà globale. La loro chiamata è stata ribadita anche da suor Mary John Mananzan dalle Filippine che ha evidenziato in questo blog il ruolo cruciale delle donne nella lotta contro gli abusi aziendali e costituiscono una parte cruciale della lotta per la giustizia. A febbraio i vescovi dell'Africa occidentale hanno chiesto uno strumento vincolante regolare le attività delle società transnazionali.  

Ulteriori rfonti da CIDSE e Persone 

 
Video di CIDSE: Unisciti al movimento per un Trattato vincolante delle Nazioni Unite! 


Foto: Miniera di carbone, El Cerrejón, Colombia by Tanenhaus - CC BY 2.0

Condividi questo contenuto sui social media