Non esiste un vaccino per il cambiamento climatico: Chiesa, giovani e scienza chiedono un vertice sull'ambizione climatica che sia all'altezza del suo nome - CIDSE

Non esiste un vaccino per il cambiamento climatico: Chiesa, giovani e scienza chiedono un vertice sull'ambizione climatica che sia all'altezza del suo nome

“La crisi ci invita a ripianificare i nostri viaggi, a costruire nuovi modelli, verso una conversione ecologica” osserva il Cardinale Peter KA Turkson durante un panel di alto livello preparato dalla Commissione vaticana Covid-19

In un'epoca in cui il pianeta e le persone sono malate insieme, e in vista del vertice sull'ambizione per il clima (12 dicembre) e del 5th anniversario dell'Accordo di Parigi, è stato lanciato un coraggioso appello per un'azione ambiziosa per il clima nel panel di alto livello "Fede, scienza, gioventù - un appello per un vertice ambizioso sul clima" organizzato dalla Commissione vaticana Covid-19 e dai suoi partner. I relatori hanno riflettuto sulle opportunità e sulle sfide portate dalla crisi del Covid-19, come un'innegabile necessità di cambiare il sistema.  

Come sottolineato da Professor Schellnhuber (Istituto di Postdam per la ricerca sull'impatto climatico), solo pochi paesi sono in linea con gli impegni dell'accordo di Parigi, ma l'urgenza rimane. Inoltre “Non sfuggiremo al riscaldamento globale a causa della riduzione delle emissioni dalle misure corona. Dobbiamo farlo in modo sistemico, non in modalità di crisi ". disse il professore.

Indù Oumarou Ibrahim (AFPAT, Ciad) ha riflettuto sull'importanza di prendersi cura della natura e sul ruolo unico che gli indigeni hanno in questo. Ha rivolto un appello ai leader politici, al settore privato, ai giovani: “Non c'è business sostenibile, nessuna vita sostenibile, senza natura sostenibile. Se non rispettiamo la natura, la nostra salute sarà un grosso problema ". Ha sottolineato che è fondamentale agire poiché "non esiste un vaccino per il cambiamento climatico" e i politici dovrebbero guidare il cambiamento attraverso le loro scelte ed esempi. Ad esempio, non sono stati destinati fondi sufficienti per sostenere l'adattamento ai cambiamenti climatici soprattutto per le regioni più vulnerabili, mentre la pandemia ha dimostrato che è possibile mobilitare molti fondi.

Cardinale Peter KA Turkson, (Dicastero per la promozione dello sviluppo umano integrale), che finora ha svolto anche un ruolo cruciale nell'impegno del Vaticano per la giustizia climatica, ci ha anche ricordato l'urgenza di cambiare rotta, come delineato dall'Enciclica Laudato Si ': “Purtroppo non arriviamo a questo con un record che consenta noi per rallegrarci. Siamo sulla buona strada per superare i 3 gradi [Celsius] di riscaldamento ". Ha anche riflettuto sulla via da seguire: “La crisi ci invita a ripianificare i nostri viaggi, a costruire nuovi modelli. A questo ci invita il Santo Padre con il suo appello verso una conversione ecologica ”.

Secondo Chiara Martinelli del CIDSE, una delle principali organizzatrici del webinar e membro della Commissione Covid-19 vaticana - Integral Ecology Task Force (WG2), "Le sfide della pandemia non possono essere usate come scusa per ritardare o diluire azione per il clima. Piuttosto come un ulteriore imperativo per il cambiamento trasformazionale, per aumentare le ambizioni e le azioni per un futuro giusto e sostenibile a tutti i livelli. Come individui possiamo fare la nostra parte per andare verso un modo di vivere più sostenibile; i governi, preparandosi per i loro annunci per sabato, con il loro dovere di diligenza, hanno responsabilità specifiche ".

Note agli editori:

-Un video di sintesi sarà rilasciato dal CIDSE nei giorni successivi al webinar

-Scopri di più sul lavoro del CIDSE sulla giustizia climatica per saperne di più, clicca qui e sulla Commissione vaticana Covid-19 per saperne di più, clicca qui

Condividi questo contenuto sui social media