I governi devono agire con decisione sui nuovi ambiziosi obiettivi climatici - CIDSE

I governi devono agire con decisione su nuovi ambiziosi obiettivi climatici

Versione italiana

5 anni dopo l'Accordo di Parigi, nel mezzo della pandemia, la fede, i giovani e la scienza sollecitano i governi ad agire con decisione in merito a nuovi ambiziosi obiettivi climatici.

Un nuovo video, con le riprese dell'evento online "Fede, scienza e gioventù: un appello per un ambizioso vertice sul clima"(9 dicembre 2020) sottolinea questo appello radicale all'azione per il clima ora perché, come ha affermato la moderatrice del webinar Sandrine Dixson-Declève alla chiusura dell'evento, "La nostra missione è una missione per salvare questa casa che chiamiamo pianeta terra".


A che punto siamo oggi all'inizio del 2021 nella lotta al cambiamento climatico?

Nella lotta al cambiamento climatico, il 2021 dovrebbe essere un anno cruciale per attuare politiche climatiche trasformazionali, pratiche commerciali e comportamenti sostenibili sul campo senza ulteriori ritardi. Le parti si incontreranno a Glasgow dall'1 al 12 novembre 2021 (COP26) per aumentare ulteriormente le loro ambizioni; i prossimi mesi saranno quindi cruciali e qualsiasi ulteriore ritardo potrà avere un effetto ancora più devastante.

Al fine di mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto di 1.5 ° C secondo la scienza, l'accordo di Parigi impone a tutti i paesi di fornire impegni nazionali nuovi o aggiornati (o contributi determinati a livello nazionale, noti anche come NDC) che coprano gli obiettivi del 2030 prima della COP26 a Glasgow. Al termine del vertice delle Nazioni Unite sull'ambizione per il clima, tenutosi lo scorso dicembre, 190 partiti avevano presentato i loro primi NDC, mentre solo 8 hanno presentato il loro secondo NDC ad oggi; si tratta di Argentina, Grenada, Isole Marshall, Nepal, Papua Nuova Guinea, Suriname, Tonga e Emirati Arabi Uniti. L'UE ha concordato un obiettivo vincolante di una riduzione interna netta delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. Tuttavia, gli attuali NDC globali lo sono non abbastanza ambizioso e mancano i piani a lungo termine verso emissioni nette zero da quando hanno firmato l'accordo di Parigi nel 2015. La pandemia ha avuto un effetto dirompente sul processo di pianificazione e preparazione, secondo il latricerca del sondaggio est. Ad esempio, alcuni paesi? ha visto questo momento come un'opportunità ideale per portare avanti la transizione a basse emissioni di carbonio, con un forte stimolo verde, mentre altri sono stati gravemente limitati nelle loro opzioni politiche e hanno bisogno di sostegno.

CIDSE ritiene che, nonostante le attuali sfide dovute alla pandemia, tutte le discussioni ei piani per costruire una ripresa giusta e sostenibile siano un'incredibile opportunità per evitare di tornare alla "normalità" - perché la normalità era il problema e la causa del degrado ambientale - e costruire un nuovo sistema economico in cui le persone e il pianeta vengano prima del profitto e degli interessi d'élite di pochi.

Più specificamente, secondo CIDSE, tutte le parti dovrebbero:

  1. Non aspettare fino al prossimo aggiornamento NDC nel 2025 per dimostrare l'ambizione.
  2. Sviluppare strategie di attuazione nazionali effettive per ristrutturare l'economia globale e ridurre drasticamente le emissioni impegnandosi a eliminare gradualmente i combustibili fossili e accelerare una transizione giusta verso uno sviluppo a basse emissioni di carbonio alimentato da fonti di energia rinnovabile, per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1.5 ° C.
  3. I paesi più ricchi come l'UE dovrebbero ridurre drasticamente le proprie emissioni di almeno il 65% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e raggiungere la neutralità climatica entro il 2040.
  4. Costruire la resilienza climatica e la capacità di adattamento delle persone più vulnerabili ed emarginate e affrontare in modo efficace ed equo le perdite ei danni in cui non è più possibile un adattamento efficace.
  5. Aumentare e fornire costantemente l'obiettivo di sostegno finanziario per il clima di 100 miliardi di dollari con piani di ripresa a lungo termine per i paesi e le comunità più poveri e fissando un nuovo obiettivo per il 2025.
  6. Garantire che le risposte climatiche proteggano e ripristinino la biodiversità, la nutrizione alimentare e le condizioni di vita delle persone emarginate e più vulnerabili.
  7. Mantieni i diritti umani al centro delle risposte sul clima e promuovi l'attuazione e l'ambizione dei Gender Action Plan (GAP) che promuovono l'uguaglianza di genere.


Foto di copertina: "La calotta glaciale della Groenlandia ha perso la cifra record di 1 milione di tonnellate di ghiaccio al minuto nel 2019".
Credit: Michaela King

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange