Equità e solidarietà per l'accesso ai vaccini Covid-19 - CIDSE

Equità e solidarietà per l'accesso ai vaccini Covid-19

Secondo i membri del CIDSE un'equa distribuzione dei vaccini è una questione di giustizia e solidarietà nello spirito di Fratelli Tutti 

Mentre la pandemia di Covid-19 è ancora lontana dall'essere finita, i vaccini rappresentano la luce alla fine del tunnel e una speranza concreta per porre fine alla crisi.  

Durante la pandemias, abbiamo imparato che siamo un'unica famiglia umana e dobbiamo lavorare insieme per superare questa crisi; siamo tutti interdipendenti e vulnerabili. Tuttavia, la distribuzione dei vaccini segue una logica diversa e i paesi più ricchi sono i primi in linea.  

Gli studi dimostrano che il 13% della popolazione mondiale si è assicurata circa la metà dei vaccini Covid. D'altra parte, ci si aspetta che in quasi 70 paesi poveri solo il dieci per cento della popolazione può essere vaccinato nel 2021. 

Molti si sono già espressi a favore di una distribuzione globale che guardi oltre gli interessi nazionali. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) paesi sollecitati litigare per la fornitura di vaccini per pensare alla situazione degli operatori sanitari nei paesi meno sviluppati. Il Vaticano ha emesso un dichiarazione per "ricordare ai leader mondiali che i vaccini devono essere forniti a tutti in modo equo ed equo, dare la priorità ai più bisognosi. "  

I membri del CIDSE lavorano con partner in tutto il mondo che hanno visto gli effetti della crisi sanitaria globale sui più vulnerabili. In molti paesi la pandemia ha portato all'arresto del lavoro, della produzione e dell'accesso a cibo e medicinali a causa della chiusura delle frontiere. Poiché la maggior parte delle persone nei paesi vulnerabili lavora nell'economia informale, le conseguenze includono licenziamento immediato, perdita di reddito e mezzi di sussistenza. Inoltre, in questa situazione, più a lungo litighiamo su chi riceve il vaccino, più a lungo la pandemia continuerà a minacciare la vita e il sostentamento dei più vulnerabili in tutto il mondo. 

KOO, Austria, evidenzia come la mancanza di accesso al vaccino peggiorerà drasticamente la disuguaglianza globale nel lungo periodo. I vaccini devono quindi essere disponibili per gli operatori sanitari e le persone a rischio in tutto il mondo. Possiamo ispirarci a Fratelli Tutti per combattere la pandemia, in cui Papa Francesco esorta la politica e le imprese a concentrarsi sulla bene comune e solidarietà. “Solidarietà significa molto di più che impegnarsi in sporadici atti di generosità. Significa pensare e agire in termini di comunità. Significa che la vita di tutti è prima dell'appropriazione dei beni da parte di pochi. Significa anche combattere le cause strutturali della povertà, della disuguaglianza, della mancanza di lavoro, della terra e degli alloggi, della negazione dei diritti sociali e del lavoro ”Fratelli Tutti, 116. 

Broederlijk Delen, Belgio, sostiene la campagna "Pandemia senza scopo di lucro”, Un'iniziativa dei cittadini europei per garantire che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, liberamente accessibile a tutti. 

Pirmin Spiegel, Direttore generale di Misereor (membro tedesco del CIDSE), sottolinea che c'è un urgente bisogno di COVAX iniziativa dell'OMS per essere sostenuta finanziariamente in modo che le vaccinazioni a livello nazionale possano essere avviate rapidamente anche nei paesi con un alto tasso di povertà. Egli sostiene anche una sospensione temporanea dei brevetti sui vaccini in modo che possano essere prodotti e acquistati in modo tempestivo.  

Secondo FOCSIV, (Membro italiano del CIDSE), che ha lanciato un appello alla Caritas italiana, la priorità al vaccino va data ai poveri. Sostengono che l'impatto del virus produce conseguenze sanitarie, psicologiche, sociali, economiche e politiche, purtroppo amplificate per i gruppi sociali più fragili e per i paesi poveri. 

Caoimhe De Barra, amministratore delegato di Trócaire (membro irlandese del CIDSE), sottolinea che molti dei paesi più poveri del mondo non saranno in grado di distribuire un vaccino alle loro popolazioni generali fino al 2022 o addirittura al 2023. Nonostante gli sforzi dell'iniziativa globale COVAX, i paesi più ricchi hanno le risorse per garantire accordi bilaterali con le aziende farmaceutiche e faranno vaccinare per prime le loro popolazioni, lasciando i paesi più poveri in fondo alla fila. Spiega che Tróocaire lavora in Somalia da oltre 30 anni ed è l'unico operatore sanitario nel distretto di Gedo. Qui non prevedono di ricevere alcun vaccino, nemmeno per medici, infermieri e ostetriche, fino al prossimo anno.  

In Olanda, Vastenactie, (uno dei membri olandesi del CIDSE) ci ricorda che mentre possiamo contare sul fatto che le persone nei Paesi Bassi saranno vaccinate in modo sicuro in pochi mesi, non dovremmo chiudere gli occhi su ciò che sta accadendo nel resto del mondo. Se c'è una cosa che Corona ci ha insegnato è che siamo tutti connessi e dipendenti l'uno dall'altro e alla fine, se ci voltiamo le spalle ora, ci verrà presentato il conto più tardi.  

Maryknoll (membro statunitense del CIDSE) chiamate negli USA per aderire all'iniziativa COVAX. La maggior parte dei paesi a basso e medio reddito riceverà il vaccino tramite GAVI Impegno di mercato avanzato COVAX (AMC), un piano globale per garantire un accesso giusto ed equo ai vaccini, a cui l'amministrazione Trump si è rifiutata di aderire, in parte a causa del suo legame con l'OMS. Il presidente eletto Joe Biden non si è ufficialmente impegnato a entrare a far parte di COVAX, ma secondo quanto riferito il suo team ha incontrato coloro che guidano lo sforzo.  

Uniti mani (Membro spagnolo del CIDSE) segnala che la mancanza di accesso ai vaccini contro il Covid-19 potrebbe diventare un'altra fonte di discriminazione e ingiustizia per milioni di persone.  

Ricordano le parole del Papa: “Rinnovo l'appello ai policy maker e al settore privato a prendere le misure adeguate per garantire l'accesso ai vaccini contro il Covid-19 e alle tecnologie essenziali necessarie per la cura dei malati”. “Di fronte a una sfida che non conosce confini, non si possono erigere barriere. Siamo tutti sulla stessa barca.

Foto: Flickr.com/Province of British Columbia

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange