Il mio dolore: la lotta per denunciare gli abusi sessuali nell'industria dei diamanti dello Zimbabwe - CIDSE

Il mio dolore: la lotta per denunciare gli abusi sessuali nell'industria dei diamanti dello Zimbabwe

Questa testimonianza è stata pubblicata in forma anonima. La testimonianza contiene una descrizione chiara e onesta della violenza e degli abusi sessuali e non è consigliata per i minori o per coloro che potrebbero sentirsi innescati. 

Sono una donna coinvolta nella Commissione cattolica per la giustizia e la pace in Zimbabwe.  

La storia dell'estrazione di diamanti può essere descritta solo come schizzata di sangue e l'estrazione di diamanti in Zimbabwe non fa eccezione. De Beers deteneva i diritti di esplorazione per i campi di diamanti di Marange fino alla scadenza di questi nel 2006 e il governo ha dichiarato i campi di diamanti aperti a chiunque. La corsa ai diamanti è iniziata.  

Alla fine del 2006, il governo ha cercato di "ripulire" la corsa ai diamanti facendo valere i diritti delle società che avevano licenze minerarie ed espellendo quelle che non lo avevano. Ciò che è seguito sono stati due anni di uccisioni, abusi sessuali, sfruttamento e violazioni dei diritti umani in una sconvolgente dimostrazione della persecuzione di uno stato nei confronti del proprio popolo. Alla fine le forze di difesa dello Zimbabwe furono schierate e, come riportato dallo Zimbabwe Independent, si scatenò l'inferno. Ci sono state segnalazioni schiaccianti da comunità di abusi sessuali.  

 Una forma particolare di abuso sessuale si è verificata regolarmente e non è mai stata denunciata pubblicamente. È stata messa in atto una politica che limitava l'ingresso alla comunità di Marange ai residenti, verificata tramite carte d'identità. L'esercito era schierato in vari punti di ingresso e avrebbe cercato chiunque arrivasse. Ai passeggeri sarebbe stato chiesto di scendere dai loro veicoli una volta arrivati ​​ai punti di controllo per la ricerca. Donne e uomini sono stati separati. Ufficiali militari donne furono assegnati alla ricerca di diamanti anche all'interno delle parti intime delle donne. Alle donne è stato chiesto di togliersi la biancheria intima, sdraiarsi e le ufficiali militari hanno cercato nelle vagine delle donne usando le dita nude per cercare diamanti.  

Il periodo del clean up the diamond rush è stato un momento di totale follia. Non c'era spazio per il dialogo, né sanità mentale. Ho deciso di recarmi in una parrocchia cattolica a Marange e, poiché non avevo la carta d'identità appropriata, mi sono travestita da suora. Fu in questa occasione che vidi cosa stava succedendo alle donne. Per me, per costruire un caso che potesse essere portato in tribunale, avevo bisogno di testimoni; Avevo bisogno di donne che potessero alzarsi e condividere la loro esperienza. Ma ogni volta che ricevevo dei testimoni, a un certo punto si ritiravano. Nella nostra tradizione è un tabù e un abominio per una donna condividere tali esperienze per paura di essere stigmatizzata e giudicata dalla società. In un caso, ho provato una volta a passare senza essere travestito da suora e ho usato i mezzi pubblici anticipando una perquisizione, non mi è stato permesso di passare ma non ho effettuato una ricerca.    

Per costruire un caso, ho dovuto costruire la fiducia e la sicurezza delle donne per articolare le questioni in un'aula di tribunale. Sebbene la Commissione abbia cercato di attirare l'attenzione su questo tipo di violazione, le donne di Marange non hanno mai condiviso questa storia in uno spazio pubblico. Infine, abbiamo deciso di progettare una strategia per aiutarli con il supporto psico-sociale. Stavo conducendo questo programma ma ferito e sanguinante. Come può un guaritore ferito guarire i feriti? Ho attraversato un periodo di depressione. Anche se ho cercato di condividere quello che stavo passando con persone che la pensavano allo stesso modo, anche per me è stato difficile aprirmi all'interno dei circoli familiari e della chiesa stessa.  

Questo trauma emotivo e psicologico di vedere perpetrare un'ingiustizia e non riuscire ad affrontarla è rimasto con me per molto tempo, e continuo a lottare con esso. Era colpa delle strutture, delle politiche e della volontà politica e riguardava anche l'incapacità dei deboli di alzare la voce per un sistema giusto e chiedere la loro protezione. Ricordo che a un certo punto ho ricevuto un audio che mi minacciava di stupro di gruppo, e ho sentito queste voci anche anni dopo la pulizia. Ero ossessionato dalla paura di essere brutalizzato e disumanizzato dallo stesso sistema che dovrebbe proteggermi.  

Negli ultimi anni, ho progettato programmi sulla trasformazione del settore della sicurezza nel tentativo di ristabilire la sanità mentale e la fiducia tra i civili e il settore della sicurezza. Eppure il trauma di sapere cosa è successo e di cui non si è mai parlato continua a perseguitarmi. A distanza di anni dalla regolarizzazione dell'attività estrattiva a Marange, le stesse donne continuano a subire l'impatto negativo dell'attività mineraria: condizioni di lavoro inadeguate, violenza fisica, emotiva e psicologica da parte di uomini che lavorano nelle miniere e abusano di droghe e alcol; matrimonio precoce e alto tasso di abbandono scolastico da parte delle bambine. E così la battaglia continua con alcuni sforzi per pubblicizzare la difficile situazione delle donne e per persuadere il governo e le aziende private a coinvolgere le comunità nella pianificazione e nell'attuazione delle attività minerarie. Continuiamo come difensori dei diritti umani a offrire supporto psicosociale per contrastare gli effetti negativi sulle donne: violenza domestica, perdita di vite umane, valori morali in decadenza, immoralità, matrimoni precoci, abuso di sostanze e prostituzione. Sosteniamo che il settore della sicurezza dovrebbe utilizzare strategie migliori per far rispettare la legge per la protezione delle donne. 

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange