COMUNICATO STAMPA: Iniziativa legislativa europea sui diritti umani e la due diligence ambientale - CIDSE

COMUNICATO STAMPA: Iniziativa legislativa europea sui diritti umani e la due diligence ambientale

Le organizzazioni cattoliche e la Chiesa nell'UE accolgono con favore l'iniziativa legislativa europea sui diritti umani e la due diligence ambientale  

- Bruxelles, 10 febbraio 2021 -  

CIDSE (la famiglia internazionale delle organizzazioni cattoliche per la giustizia sociale), Pax Christi International e Justice & Peace Europe, con il sostegno della Commissione delle Conferenze episcopali dell'Unione europea (COMECE), accolgono l'iniziativa della Commissione europea per preparare nuove Legislazione dell'UE sulle catene di approvvigionamento. 

La legislazione proposta richiederebbe legalmente alle aziende di proteggere i diritti umani riconosciuti a livello internazionale e l'ambiente nello sviluppo, produzione e distribuzione di merci. Le organizzazioni cattoliche hanno presentato un contributo congiunto a una consultazione pubblica dell'UE in vista della futura legislazione.  

Con questa mossa storica, l'Europa diventerà la prima regione al mondo ad emanare tale legislazione, ritenendo le aziende responsabili di violazioni dei diritti umani e danni ambientali lungo tutta la loro catena di approvvigionamento. 

Secondo una recente studio su mandato della Commissione europea, solo una società su tre nell'UE sta attualmente implementando la due diligence. L'iniziativa legislativa proposta renderebbe obbligatoria la due diligence, contribuendo alla parità di condizioni per tutti.  

"Trovarsi di fronte a un imprevistodeA causa della crisi globale, ora abbiamo più che mai bisogno della due diligence obbligatoria della catena di fornitura per fermare gli abusi aziendali e garantire la solidarietà globale," ha dichiarato H. Em. Il Cardinale Jean-Claude Hollerich SJ, Presidente della COMECE, esprimendo sostegno per un'ambiziosa legislazione europea in materia di due diligence.   

I membri del CIDSE, Pax Christi International, insieme alle Commissioni Giustizia e Pace e altre istituzioni della Chiesa cattolica sostengono le comunità vulnerabili, i cui diritti umani sono spesso violati e i territori sono danneggiati dalle attività commerciali. Queste comunità sono ulteriormente marginalizzate dalla mancanza di accesso al ricorso legale e alla giustizia.  

Attraverso la consultazione dell'UE, le organizzazioni cattoliche invitano l'Unione europea ad adottare una legislazione che non solo offra una protezione significativa alle comunità colpite, ma contribuisca anche alla promozione del bene comune. Le nuove regole a livello di UE dovrebbero richiedere a tutte le aziende che operano all'interno dell'UE di mappare le proprie catene di approvvigionamento al fine di identificare, prevenire, mitigare e rendere conto dei diritti umani e dell'impatto ambientale. Tale legislazione dovrebbe anche contribuire alla riparazione dei diritti umani negativi e degli effetti ambientali causati dalle attività commerciali.  

Secondo il contributo congiunto, le nuove norme dell'UE dovrebbero anche indicare chiaramente gli obblighi degli Stati membri e della Commissione europea in materia di monitoraggio, applicazione e imposizione di sanzioni per non conformità. Per estensione, la legislazione dovrebbe garantire che le vittime di violazioni aziendali abbiano accesso ai tribunali, nel proprio paese e nel paese in cui ha sede la società madre o capofila.   

Nella loro risposta congiunta alla consultazione dell'UE, CIDSE, Pax Christi International, Justice & Peace Europe, con il sostegno della COMECE, sottolineano che qualsiasi futuro quadro giuridico europeo dovrebbe essere allineato con i processi multilaterali pertinenti, in particolare gli standard volontari esistenti e lavori in corso del gruppo di lavoro intergovernativo delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. Qualsiasi legislazione emergente dall'UE sugli obblighi di dovuta diligenza e che prevede l'accesso alla giustizia dovrebbe integrare e rafforzare il trattato vincolante delle Nazioni Unite attualmente negoziato dagli Stati membri delle Nazioni Unite.  

CONTATTACI  

Valentina Pavarotti 
Responsabile delle comunicazioni per CIDSE 
+ 32 (0) 2 282 43 73 
Pavarotti@cidse.org 

Condividi questo contenuto sui social media