CIDSE si unisce alla dichiarazione sull'urgenza della trasparenza per quanto riguarda il database delle Nazioni Unite delle imprese israeliane - CIDSE

Il CIDSE si unisce alla dichiarazione sull'urgenza della trasparenza per quanto riguarda il database delle Nazioni Unite delle imprese israeliane

Il 18 marzo, il CIDSE, insieme a 41 organizzazioni della società civile, ha sostenuto l'Istituto del Cairo per i diritti umani nel rilasciare una dichiarazione alla 46a sessione del Consiglio dei diritti umani per ribadire l'importanza del database delle Nazioni Unite delle imprese impegnate in attività relative a Insediamenti israeliani.

I firmatari hanno invitato l'Ufficio dell'Alto Commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, a aumentare la trasparenza durante il processo di aggiornamento annuale e per fornire una tempistica chiara per la sua pubblicazione. Gli aggiornamenti annuali sono fondamentali affinché il database diventi un meccanismo di lavoro in grado di rafforzare il attuazione del diritto internazionale. Una volta che funziona come uno strumento vivente, il database può garantire la responsabilità in particolare per quanto riguarda l'obbligo degli Stati di garantire che le pratiche commerciali rispettino i diritti umani internazionali e il diritto umanitario, anche in situazioni di occupazione, come ribadito nei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (UNGPs).

Il documento sottolinea anche il ruolo fondamentale che le imprese hanno negli insediamenti illegali di Israele, e quindi nelle violazioni sistemiche e persistenti contro il popolo palestinese. Durante la pandemia COVID-19, Israele ha intensificato la demolizione illegale di case e proprietà palestinesi, che sono state effettuate utilizzando attrezzature fornite da società come JCB e Hyundai, tra le altre.

Vedi la lettera qui sotto:

All'attenzione di Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani

Signora Presidente,  

A causa della pervasiva impunità, l'impresa di insediamenti illegali di Israele continua ad espandersi mentre i palestinesi vengono sfollati e trasferiti con la forza, con il supporto di attori privati, comprese le imprese, il tutto in violazione del diritto internazionale. L'aggiornamento annuale del database, come richiesto da HRC 31/36, è essenziale per scoraggiare l'impegno commerciale con l'impresa di insediamento illegale di Israele, che costituisce una grave violazione del diritto internazionale umanitario e un crimine di guerra secondo lo Statuto di Roma. 

Le nostre organizzazioni sollecitano l'OHCHR ad aumentare la trasparenza riguardo al processo di aggiornamento annuale del database ea fornire una tempistica chiara per la pubblicazione dell'aggiornamento 2021. È importante che l'aggiornamento annuale sia completo aggiungendo tutte le attività commerciali con attività e rapporti con l'impresa di colonizzazione israeliana. 

Mentre il mondo sta affrontando gli impatti devastanti della pandemia COVID-19, Israele ha intensificato la sua demolizione illegale di case e proprietà palestinesi, raggiungendo un massimo di quattro anni. Le demolizioni di case fanno parte di una politica israeliana istituzionalizzata che facilita l'espansione degli insediamenti e de facto annessione. Le demolizioni sono state eseguite utilizzando attrezzature fornite da società, tra le altre, JCB e Hyundai.  

Tra marzo 2020 e gennaio 2021, Israele ha demolito 619 strutture, comprese 262 strutture residenziali, 211 delle quali erano abitate, risultando in lo spostamento di 1058 palestinesi, inclusi 524 bambini. 

Allo stesso tempo, Israele continua ad accelerare l'espansione di insediamenti illegali, unità abitative e infrastrutture associate, compresi i trasporti, in cui sono state evidentemente coinvolte società israeliane e multinazionali come la Basque CAF.  

Il Relatore Speciale sulla situazione dei diritti umani nei Territori Palestinesi occupati dal 1967 ha espresso la preoccupazione che nel primo report del database “Non sono state incluse alcune società con importanti rapporti di fornitura con gli insediamenti e / o l'occupazione”.

In effetti, le imprese continuano a svolgere un ruolo fondamentale nel sostenere gli insediamenti illegali di Israele e stanno contribuendo e beneficiando delle violazioni persistenti e sistemiche di Israele contro il popolo palestinese. 

Chiediamo agli Stati membri di: 

  1. Supportare l'OHCHR nell'adempimento del suo mandato nella sua interezza per aggiornare annualmente il database delle Nazioni Unite e garantire l'assegnazione delle risorse finanziarie richieste. 
  2. Fornire linee guida e consigli chiari agli attori privati ​​e alle imprese - in linea con il diritto internazionale - sui rischi e sulle ripercussioni legali del coinvolgimento in gravi violazioni del diritto internazionale qualora fossero coinvolti nell'impresa di colonizzazione israeliana. 
  3. Adottare le misure necessarie per garantire che le imprese elencate nel database e situate nel loro territorio e / o giurisdizione rispettino il diritto internazionale. 

Grazie.  

Firmatari con status ECOSOC  

  1. Istituto del Cairo per gli studi sui diritti umani
  2. AL-HAQ, Legge al servizio dell'uomo 
  3. Centro di assistenza legale e consulenza per le donne (WCLAC) 
  4. L'iniziativa palestinese per la promozione del dialogo globale e della democrazia - MIFTAH 
  5. Centro Al Mezan per i diritti umani 
  6. Progetto di responsabilità internazionale 
  7. Centro palestinese per i diritti umani (PCHR) 
  8. Media Center per i diritti umani e la democrazia "SHAMS"   
  9. Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH)  
  10. Aiuto popolare norvegese  
  11. CIDSE 

Organizzazioni senza ECOSOC status che condivide questa posizione 

  1. La coalizione civica per i diritti dei palestinesi 
  2. Centro europeo di supporto legale 
  3. Siriani per la verità e la giustizia - STJ  
  4. Just Peace Advocates / Mouvement Pour Une Paix Juste, Canada 
  5. Associazione Belgo-Palestinienne WB 
  6. Bytes For All, Pakistan 
  7. La Alianza Global Jus Sempre
  8. Movimento per la giustizia del Niagara in Palestina-Israele  
  9. Centro Ramallah per gli studi sui diritti umani (RCHRS)
  10. Comhlámh Justice 4 Palestine 
  11. Addameer Prisoner Support e Human Rights Association
  12. Samidoun Palestinian Prisoner Solidarity Network 
  13. Community Action Center, Università Al-Quds 
  14. Rete sindacale europea per la giustizia in Palestina (ETUN)
  15. Società di amicizia arabo-finlandese 
  16. Trócaire 
  17. SOMO (Centro di ricerca sulle imprese multinazionali) 
  18. 11.11.11 
  19. CNCD-11.11.11
  20. Union syndicale Solidaires
  21. Coordinamento europeo dei comitati e delle associazioni per la Palestina (ECCP) 
  22. Palestina solidariteit 
  23. Le Réseau Syndical International de Solidarité et de Luttes  
  24. Centro alternativo per i rifugiati  
  25. Broederlijk Delen 
  26. Associazione Francia Palestina Solidarité (AFPS)
  27. NOVACT - Istituto Internazionale per l'Azione Nonviolenta
  28. Plateforme des ONG francese per la Palestina 
  29. Entraide et Fraternité 
  30. CIG. CONFEDERACIÓN INTERSINDICAL GALEGA 
  31. Centro Ramallah per gli studi sui diritti umani (RCHRS) 

Immagine: “due ragazzi camminano con una bandiera” by Michael.Loadenthal è sotto licenza CC BY-NC-SA 2.0

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange