Appello all'azione per fermare gli sgomberi delle famiglie palestinesi a Gerusalemme est - CIDSE

Appello all'azione per fermare gli sgomberi delle famiglie palestinesi a Gerusalemme est

Dichiarazione congiunta di CIDSE e ACT Alliance EU


CIDSE e ACT Alliance EU sono profondamente preoccupati per l'escalation della violenza a Gerusalemme est ea Gaza, nonché per gli sgomberi di famiglie nei quartieri di Sheikh Jarrah e Silwan. Chiediamo l'immediata cessazione di tutte le violenze e sollecitiamo l'UE e gli Stati membri a proteggere le famiglie palestinesi di Gerusalemme Est a rischio di sfratto imminente e chiediamo al governo israeliano di sospendere immediatamente gli sgomberi.  

All'inizio del 2021, il tribunale distrettuale israeliano di Gerusalemme si è pronunciato a favore della compagnia di coloni Nahalat Shimon International, emettendo ordini di sfratto a 8 famiglie palestinesi dell'area di Karm Al Ja'ouni a Sheikh Jarrah. A causa delle attuali violenze la Corte suprema ha rinviato l'udienza che deciderà il destino di quattro famiglie che rischiano di essere sfrattate a maggio.i Circa 87 persone, tra cui 28 bambini, rischiano di perdere la casa della famiglia, durante la continua pandemia di Covid-19 e il mese sacro del Ramadan. ii

Allo stesso modo, 18 famiglie sono a rischio di sfratto nel quartiere di Batan Al-Hawa a Silwan a seguito della sentenza del tribunale israeliano a favore dell'organizzazione di coloni Ateret Cohanim. Di conseguenza, 108 palestinesi stanno affrontando la minaccia imminente di sfratto e più di 430 persone rischiano di essere sfollate dal quartiere dai coloni israeliani nel lungo periodo.iii  

Sfratti - mettendo in totale 970 persone a rischio di sfollamento a Gerusalemme estiv - fanno parte di quello che l'UN OCHA (Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari) ha descritto come un "ambiente coercitivo" che crea una pressione tremenda sui residenti palestinesi.v Gli sfratti, insieme alle demolizioni di case, gli arresti e le politiche discriminatorie di zonizzazione, istruzione e alloggio stanno rendendo la vita dei palestinesi a Gerusalemme est sempre più impossibile.vi Di conseguenza, gli sfratti possono portare le persone a essere effettivamente costrette a trasferirsi in una parte diversa del territorio occupato, con il rischio di perdere la residenza a Gerusalemme Est e di essere separate dalla famiglia e dalla comunità. Politiche come queste rafforzano ulteriormente sia i palestinesi che gli israeliani in una situazione di discriminazione strutturale e disuguaglianza. 

Lo sgombero forzato e lo sfollamento sono in contraddizione con le disposizioni pertinenti in materia di diritto internazionale umanitario (DIU) vincolanti per il potere occupante, come il divieto di distruzione di proprietà e istituzioni dedicate all'istruzione viie devi interrompere immediatamente. Gli sfratti contraddicono anche la Carta delle Nazioni Unite e le Risoluzioni 478 e 2334 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite secondo le quali Gerusalemme Est rimane un territorio illegalmente annesso da Israele e considerato sotto occupazione.  

È particolarmente allarmante che gli sfratti facilitino il trasferimento della popolazione palestinese a favore dei coloni israeliani, aprendo la strada alla violazione dell'articolo 49 (6) della Quarta Convenzione di Ginevra che vieta a una potenza occupante di trasferire la sua popolazione nel territorio occupato. Inoltre, la deportazione o il trasferimento di tutta o parte della popolazione del territorio occupato all'interno o all'esterno di questo territorio è tra i crimini di guerra elencati nello Statuto di Roma della Corte penale internazionale (Art 8 (2) (b) (viii)).viii  

Michael Lynk, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati dal 1967, ha sottolineato che "gli ordini di sfratto non sono casuali ma sembrano strategicamente incentrato su un'area di Gerusalemme Est conosciuta come il bacino storico. Sembrano mirare a spianare la strada alla creazione di più insediamenti israeliani illegali nell'area e a segregare e frammentare fisicamente Gerusalemme Est dal resto della Cisgiordania.. "ix Questa frammentazione è accelerata dal recente progresso nella costruzione e pianificazione di nuovi insediamenti illegali a Givat Hamatos e Har Homa E.  

I ministri degli esteri dell'UE hanno evidenziato le demolizioni e gli sfratti di Gerusalemme est come uno degli sviluppi particolarmente allarmanti sul terreno che minacciano di rendere impossibile la soluzione dei due Stati.x In questo contesto, CIDSE e ACT Alliance EU sollecitano l'UE e gli Stati membri a:  

  1. Invita il governo israeliano a sospendere immediatamente gli sfratti.  
  2. Adottare misure immediate per proteggere i palestinesi a Gerusalemme est a rischio di trasferimento forzato di massa in violazione del diritto internazionale umanitario. 
  3. Chiedere alle autorità israeliane, secondo la raccomandazione del Segretario generale delle Nazioni Unite, di rivedere l'applicazione delle leggi e delle politiche di pianificazione per garantire che siano conformi agli obblighi di Israele ai sensi del diritto internazionale umanitario e del diritto internazionale dei diritti umani.xi 
  4. Follow-up delle raccomandazioni formulate nelle relazioni dei capi missione dell'UE su Gerusalemme est. 
  5. Invita il governo israeliano a fermare immediatamente l'espansione degli insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati (OPT).  
  6. Sostenere attivamente la responsabilità per le violazioni del diritto internazionale da parte di tutte le parti, inclusa la protezione del lavoro e dell'indipendenza della Corte penale internazionale (CPI).  

Foto di copertina: cordone israeliano che chiude il quartiere di Sheikh Jarrah.
Credito: Sarit Michaei, B'tselem.


[I] Queste sono le famiglie Al-Sabbagh, Al-Kurd, Skafi, Al-Qasim, AlJa'ouni, Hammad, Dajani e Daoudi.
[Ii] Per informazioni più dettagliate sulla situazione attuale che devono affrontare i residenti palestinesi di Sheikh Jarrah, vedere Al-Haq e altri, "Appello urgente congiunto alle procedure speciali delle Nazioni Unite sugli sgomberi forzati a Gerusalemme est" (10 marzo 2021).
[Iii] Ibidem, p. 13-14.
[Iv] Portavoce dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani: Rupert Colville, maggio 2021). (https://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=27067&LangID=E).
[V] OCHA, Impatto umanitario degli insediamenti nei quartieri palestinesi di Gerusalemme Est: l'ambiente coercitivo (10 luglio 2018) (www.ochaopt.org/content/humanitarian-impact-settlements-palestinian-neighbourhoods-east-jerusalem-coercive).
[Vi] Vedi ad esempio B'tselem, Gerusalemme Est, (https://www.btselem.org/jerusalem,); Ir Amim, Rapporto sull'istruzione: cinquant'anni di abbandono (2017) (https://www.ir-amim.org.il/sites/default/files/Education_Report_2017-Fifty_Years_of_Neglect.pdf).
[Vii] Rapporto del comitato speciale per indagare sulle pratiche israeliane che incidono sui diritti umani del popolo palestinese e di altri arabi dei territori occupati. Insediamenti israeliani nei Territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme est, e il Golan siriano occupato, Rapporto del Segretario generale, 1 ottobre 2020 (https://ohchr.org/Documents/Countries/PS/A_75_376_AUV.pdf).
[Viii] Ciò afferma anche che il trasferimento da parte delle forze di occupazione di parti della propria popolazione civile nel territorio che occupa si trasforma in un crimine di guerra.
[Ix] L'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, `` Esperto delle Nazioni Unite chiede l'annullamento dell'ordine di sfratto di Israele contro 16 famiglie palestinesi '' (11 gennaio 2021) (https://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=26648&LangID=E).
[X] Conclusioni del Consiglio sul MEPP, 3443a sessione del Consiglio Affari esteri, Bruxelles (18/01/2016) (www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2016/01/18/fac-conclusions-mepp/); Conclusioni del Consiglio sul MEPP, 2985a sessione del Consiglio Affari esteri a Bruxelles, (8/12/2009) (https://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/en/foraff/111829.pdf accessed 19 April 2021) e conclusioni del Consiglio sul MEPP, 3209th Riunione del Consiglio Affari esteri a Bruxelles, (10/12/2012) (https://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_Data/docs/pressdata/EN/foraff/134152.pdf).
[Xi] Rapporto del comitato speciale per indagare sulle pratiche israeliane che incidono sui diritti umani del popolo palestinese e di altri arabi dei territori occupati. Insediamenti israeliani nei Territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme est, e il Golan siriano occupato, Rapporto del Segretario generale, 1 ottobre 2020 (https://ohchr.org/Documents/Countries/PS/A_75_376_AUV.pdf).

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange