Il ruolo della donna nella Chiesa: alcune riflessioni sui recenti sviluppi - CIDSE

Il ruolo delle donne nella Chiesa: alcune riflessioni sui recenti sviluppi

Una pietra miliare importante o una piccola goccia nell'oceano?

A febbraio, Papa Francesco ha nominato suor Nathalie Becquart (membro delle suore Xavière, Missionarie di Gesù Cristo in Francia) come una delle due sottosegretarie della Segreteria generale del Sinodo dei vescovi. L'appuntamento è stato definito da molti “storico”. Era non la prima volta che Papa Francesco si è adoperato per elevare il ruolo delle donne nella Chiesa. Tuttavia, questa specifica posizione di sottosegretario non è mai stata ricoperta da una donna e dà il diritto di voto a suor Becquart in un organo che consiglia il Papa su questioni cruciali affrontate dalla Chiesa cattolica.

Questi cambiamenti sono l'inizio di una tendenza verso una maggiore uguaglianza di genere all'interno della Chiesa? O sono piuttosto una (troppo) piccola goccia nell'oceano? Per riflettere su questi sviluppi, abbiamo chiesto a tre donne vicine al CIDSE di condividere, ciascuna dalla propria prospettiva, cosa questo e altri recenti passi potrebbero significare per la dignità e i diritti delle donne nella Chiesa cattolica.

Suor Anne Béatrice Faye è suora della Congregazione delle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione di Castres e ha partecipato al Sinodo dei Vescovi per la regione Panamazzonica nel 2019; Susan Gunn è il Direttore di Maryknoll (membro CIDSE negli USA); Sandra Lassak è un teologo cattolico che lavora come consulente teologico per Misereor (membro CIDSE in Germania).

Cosa hai provato quando hai sentito per la prima volta la notizia della nomina della sorella Becquart?

Suor Anne Beatrice: “Ho provato sorpresa, emozione e orgoglio quando ho saputo che era stata nominata. Credo che questa scelta del Papa dimostri un reale cambiamento nel luogo decisionale all'interno della Chiesa; le mentalità stanno cambiando nel senso che la questione del posto della donna nella Chiesa non è portata solo dalle donne, ma arriva ora a tutta la Chiesa. Ponendo l'accento sul discernimento comune, Papa Francesco sta compiendo un gesto concreto, profetico, ma non isolato nella Curia romana ”.

Susan Gunn è stata anche entusiasta quando ha sentito la notizia: “Avere una donna coinvolta nel prendere decisioni su quali argomenti e chi includere negli incontri mi sembra logico, appropriato - il modo in cui dovrebbe essere. Più della metà degli 1.3 miliardi di cattolici nel mondo sono donne e l'appartenenza a ordini religiosi femminili è circa tre volte superiore a quella degli ordini maschili ".

Tuttavia, con l'orgoglio e l'eccitazione arrivarono anche altri sentimenti.

Susan Gunn: “Ci è voluto solo un battito di cuore perché una seconda emozione mi raggiungesse: l'imbarazzo. Ora la stampa scriverà ancora una volta cose sul ruolo delle donne nella Chiesa cattolica come "cosa ci è voluto così tanto tempo?" e "il cambiamento è finalmente a portata di mano?" La verità è che non so cosa sia passato così tanto tempo prima che questo appuntamento si realizzasse e non so se il cambiamento è a portata di mano. Come cattolica per tutta la vita negli Stati Uniti, mi sono abituata a voltare le spalle alla realtà della preponderanza di uomini in ruoli di leadership nella Chiesa e invece, concentrando il mio tempo e la mia attenzione su ciò che chiamo fede in azione, vivendo le beatitudini . Come ha detto Papa Francesco al popolo durante il suo visita in Iraq a marzo vivere le beatitudini può cambiare il mondo. Le beatitudini non sono una chiamata per un momento di eroismo, ma per imitare Gesù ogni giorno, ha detto Papa Francesco. "È così che il mondo è cambiato: non dal potere e dalla forza, ma dalle beatitudini".

Sandra Lassak: “La notizia che suor Nathalie Becquart è stata eletta come prima donna a ricevere il diritto di voto nel Sinodo dei vescovi sembrava essere un segno della volontà di attuare le riforme tanto necessarie all'interno della Chiesa cattolica. Ma a uno sguardo più attento diventa chiaro che né la nomina di donne a determinati incarichi né l'ammissione delle donne a ministeri laici di lettore e accolito sono veri e propri cambiamenti strutturali strutturali.

Papa Francesco ha infatti pubblicato a gennaio una lettera apostolica che modifica il Codice di Diritto Canonico in modo che ora le donne possano essere formalmente istituite nei ministeri laici di lettore e accolito. È questo riconoscimento ufficiale, formale significativo in qualche modo?

Susan Gunn: "Questo riconoscimento formale è significativo per me perché sono madre di tre figlie. Quando mio marito ed io stavamo cercando un posto dove vivere vicino a Washington, DC nei primi anni 2000, abbiamo scelto di non vivere nella diocesi di Arlington, appena a sud della città, perché le ragazze e le donne non erano autorizzate come chierichette. Il vescovo ha deciso di porre fine a quella restrizione nel 2006, ha detto, per consentire ai cattolici di "partecipare più riverentemente, più attivamente, più pienamente alla messa".

Cosa potrebbero significare le recenti nomine per la dignità e i diritti delle donne nella Chiesa in futuro?

Suor Anne Béatrice: “Sempre più consapevoli della propria dignità e leadership specifica, le donne sono sempre meno disposte a essere viste come uno strumento. Chiedono di essere trattati come persone, sia nella società che nella Chiesa. La mia speranza è che questa nomina apra altre porte per le donne nella Chiesa cattolica e rimuova l'ambiguità della loro possibilità di esercitare o meno un ministero ecclesiale e di condividere poteri decisionali nell'opera della missione. Unendosi ai consigli episcopali e ad alcuni ordini minori, possono aiutare la Chiesa a rendere più trasparente la sua missione. Con la loro dedizione, il dono di sé, l'accoglienza, l'attenzione ai più poveri, le loro voci possono essere ascoltate più pienamente. Come sottolinea Papa Francesco, “non possiamo capire una Chiesa senza donne, senza quelle donne attive nella Chiesa, con il loro profilo, che fanno accadere le cose…”. Serve la loro voce su questioni ambientali, pace, riconciliazione e giustizia ”.

Sandra Lassak: “Per me sono piuttosto foglie di fico o piccole consolazioni pastorali per quelle donne ancora impegnate in chiesa e parrocchie. Anche se l'inizio del pontificato di papa Francesco ha portato un senso di speranza e nuovi inizi per la Chiesa, questa è stata piuttosto delusa. Né sulle questioni di una moralità sessuale rigida e di controllo né in relazione alla discriminazione strutturale di genere è accaduto qualcosa di considerevole. Ciò che resta alle donne cattoliche è alzare la voce forte e chiara, organizzarsi insieme e creare in modo creativo e autodeterminato i propri spazi comuni di essere e di vivere nella chiesa al di là delle strutture sacralizzate del potere patriarcale - poiché fanno parte del chiesa stessa ".

Susan Gunn: “Consentire alle donne di partecipare più pienamente alla Messa e al processo decisionale non è solo un bene per loro, ma un bene per tutti. Come disse una donna indigena Lilla Watson alla Conferenza del Decennio delle Nazioni Unite per le donne a Nairobi nel 1985: "Se sei venuta qui per aiutarmi, stai sprecando il tuo tempo, ma se sei venuta perché la tua liberazione è legata alla mia, allora lascia che lavorare insieme."

Immagine: Sinodo sull'Amazzonia, 2019 © CIDSE

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange