Un decennio perso: le multinazionali hanno fallito nell'autocontrollo, è tempo di sostituire i principi volontari con leggi forti – CIDSE

Un decennio perso: le multinazionali hanno fallito nell'autocontrollo, è tempo di sostituire i principi volontari con leggi forti

Foto: Nazioni Unite.

Il mondo sta affrontando una doppia crisi: gli impatti della pandemia di coronavirus, che ha esposto l'onere del rischio nelle catene di approvvigionamento che ricade in modo non uniforme sui lavoratori e sulle comunità più poveri, e la crisi climatica e della biodiversità in corso, i cui impatti stanno ugualmente colpendo più duramente i più vulnerabili. Dobbiamo ora ricostruire un'economia che protegga le comunità, i lavoratori e l'ambiente, anche dagli impatti negativi delle aziende.

I Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (UNGP), approvate il 16 giugno 2011, sono state un quadro importante per stabilire la responsabilità degli Stati di proteggere i diritti umani (pilastro 1), la responsabilità delle imprese di rispettare i diritti umani (pilastro 2) e per facilitare l'accesso ai rimedi per le persone lese ( pilastro 3).

Tuttavia, non sono principi giuridicamente vincolanti, e non sono stati sufficientemente convertiti in norme vincolanti e applicabili. Ad oggi, la loro attuazione ha privilegiato le iniziative aziendali volontarie. Queste iniziative non sono riuscite a cambiare in modo significativo il modo in cui operano le aziende o a ottenere giustizia per le vittime di abusi aziendali e hanno creato condizioni di parità per le imprese.

Gli UNGP contengono anche alcune significative omissioni, compreso il diritto delle comunità a dire “no” all'attività aziendale sulla propria terra e sui propri territori (a prescindere da qualsiasi azione delle aziende per prevenire o mitigare gli impatti dannosi) e l'interdipendenza tra diritti umani e ambiente.

Oggi, le comunità del Sud del mondo continuano ad affrontare violazioni dei diritti umani e distruzione ambientale come risultato delle operazioni e delle catene di approvvigionamento di potenti multinazionali con sede nei paesi più ricchi, anche in Europa. Questi impatti includono la perdita di vite e mezzi di sussistenza di lavoratori, individui e comunità in tutto il mondo; inquinamento di inestimabili risorse naturali come fiumi, terreni e foreste; violazione dei diritti delle popolazioni indigene e di coloro che lavorano nelle aree rurali, perdita di biodiversità.

Ora è il momento di norme giuridicamente vincolanti e applicabili sui diritti umani e l'ambiente a livello nazionale, dell'UE e delle Nazioni Unite. Le aziende devono essere responsabili del danno che causano, contribuiscono o sono direttamente collegate, anche quando ciò avviene al di fuori dei confini nazionali. Le comunità e le vittime devono poter accedere alla giustizia per i danni che subiscono.

Chiediamo un forte Trattato vincolante delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, che riterrebbe le aziende responsabili dei diritti umani e degli abusi ambientali ai sensi del diritto internazionale. Sosteniamo inoltre le leggi nazionali e regionali che includono disposizioni rigorose in materia di responsabilità e accesso alla giustizia, come potrebbe essere la proposta di legge dell'UE sui diritti umani obbligatori e sulla due diligence ambientale.

Leggi forti garantiranno che le aziende che fanno la cosa giusta non sarà intaccato da società irresponsabili che operano secondo standard inferiori e che le imprese europee non trarranno profitto dagli abusi commessi in modo nascosto.

L'unico modo per cambiare il comportamento delle imprese è sancire il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente in un diritto internazionale vincolante.

ORGANIZZAZIONI FIRMATARIE

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange