Gli effetti delle acquisizioni di terreni su larga scala in Africa – CIDSE

Gli effetti delle acquisizioni di terreni su larga scala in Africa

Un nuovo studio di Misereor (membro del CIDSE in Germania) solleva questioni essenziali sulle massicce acquisizioni di terreni e le loro conseguenze sulle popolazioni locali.  

La domanda di materie prime agricole è in aumento. Questa tendenza continuerà per almeno qualche altro decennio a causa della crescita della popolazione, dell'aumento del consumo di carne e altri prodotti animali e della crescente domanda di biocarburanti. La produzione di beni agricoli richiede terreni fertili, la cui disponibilità è, tuttavia, globalmente limitata.  

La richiesta di terreni fertili ha portato gli investitori internazionali a fare acquisizioni di terreni su larga scala (LSLA). L'Africa è di gran lunga il continente più preso di mira in questo senso poiché il 37% del numero globale di accordi e il 34% dei terreni acquisiti a livello globale per scopi agricoli si verificano nel continente. 

Questo nuovo rapporto di Misereor mostra che gli LSLA potrebbero non funzionare meglio di agricoltura su piccola scala nonostante le grandi dotazioni di capitale. Coloro che coltivano i loro appezzamenti di terra nell'agricoltura di sussistenza utilizzando metodi ad alta intensità di lavoro e non si affidano esclusivamente alle monocolture generalmente ottengono rese per ettaro più elevate. Nonostante la maggiore efficienza del capitale e del lavoro, le grandi aziende agricole ottengono una produzione per ettaro inferiore.  

I sostenitori inquadrano LSLA come un'opportunità di sviluppo. Ma mentre LSLA può avere un impatto positivo sulla creazione di infrastrutture, gli effetti sull'occupazione e sulle ricadute rimangono limitati. D'altro canto, gli impatti negativi sono terribili e includono il perdita di accesso alla terra e un significativo disimpegno del lavoro. Conseguenze sociali si verificano spesso, soprattutto a causa della perdita di accesso alla terra e alle risorse naturali. Inoltre, il rapporto mostra che gli effetti negativi colpiscono in modo sproporzionato i gruppi che sono già emarginati, spesso con una differenziazione sociale più ampia rispetto a prima.  

Il fatto che gli LSLA producano conseguenze prevalentemente positive o negative per le comunità locali dipende fortemente da condizioni di investimento. Gli aspetti cruciali includono il rispetto del diritti fondiari delle comunità locali, compresi i diritti relativi alla terra comune, una verifica della fattibilità del progetto basata su informazioni locali e modelli di business che enfatizzano la partecipazione dei locali.   

I dati mostrano anche che gran parte del raccolto delle aziende agricole con più di 200 ettari viene esportata. Al contrario, i piccoli proprietari producono ortaggi, frutta e cereali sui loro solitamente meno di due ettari, principalmente per il loro consumo e il mercato locale. “Il passaggio dai sistemi dei piccoli proprietari alla produzione industriale è solitamente associato a un'efficace calo della produzione alimentare nella regione", spiega l'agronomo Markus Wolter di Misereor, che ha supervisionato lo studio. 

Infine, lo studio mostra che solo l'11% dei terreni acquistati in Africa è coltivato. "I piccoli proprietari perdono i loro campi a favore degli investitori, a volte vengono addirittura sfrattati, e quindi gran parte della terra non viene più utilizzata per l'agricoltura", spiega Markus Wolter. Le ragioni di questo potrebbero essere speculazione con suolo e acqua, ma anche una mancanza di informazioni sul potenziale di resa della terra o problemi di importazione dei mezzi di produzione. 

Puoi leggere lo studio completo per una panoramica più approfondita e per accedere alle raccomandazioni politiche.  

Immagine: Progetto di irrigazione in Mozambico © Save the Children

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange