Riflessioni su sistemi alimentari e giustizia – CIDSE

Riflessioni su sistemi alimentari e giustizia

Intervista a Josianne Gauthier, Segretario Generale del CIDSE 

I sistemi alimentari delle Nazioni Unite pre-vertice si svolgerà la prossima settimana (26-28 luglio). Sarà un incontro importante per dare il tono prima dell'evento globale di settembre, che mirerà a "lanciare nuove audaci azioni per realizzare progressi su tutti i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, ognuno dei quali si basa in una certa misura su azioni più sane, sostenibili ed eque". sistemi alimentari”. 

Però, i centinaia di organizzazioni di base si oppongono al Food Systems Summit accusandolo di essere stato influenzato in modo sproporzionato dagli attori aziendali, e mancanza di meccanismi di trasparenza e responsabilità. CIDSE sostiene questa posizione. In questa occasione, il suo Segretario Generale, Josianne Gauthier, condivide alcune riflessioni sui sistemi alimentari e sulla giustizia. La sua intervista farà anche parte di un raduno virtuale globale [#FoodSystems4People”] con i produttori alimentari su piccola scala e le voci delle persone organizzato dalla Società Civile e dal Meccanismo delle Popolazioni Indigene per le relazioni con il Comitato delle Nazioni Unite per la Sicurezza Alimentare Mondiale (CSM).  

Potete vedere l'intervista completa qui e leggere la trascrizione:

Intervista a Josianne Gauthier

Quale sarebbe un sistema alimentare giusto per te?   

L'attuale sistema alimentare, purtroppo, è visto come un business. Il cibo è visto come una merce, come un oggetto di profitto, una merce, e questo è il difetto fondamentale del sistema alimentare in quanto non può garantire che il cibo sia garantito e visto come un diritto. L'intera logica deve cambiare, i sistemi alimentari dovrebbero essere basati sulla giustizia ed essere focalizzati sulle persone e non sui mercati. Perché ciò accada, la giustizia sociale nel suo insieme deve essere integrata nel sistema alimentare, così come la giustizia climatica, la giustizia intergenerazionale, l'uguaglianza di genere, l'uguaglianza razziale. Questi elementi assicureranno che la voce delle persone sia messa al primo posto e il pianeta sia rispettato.   

Qual è il ruolo delle multinazionali nella trasformazione dei sistemi alimentari? 

L'attuale sistema alimentare è in gran parte gestito da corporazioni e gli interessi privati ​​tendono a venire prima del bene comune. Questo è già un difetto fondamentale e una sfida. Le corporazioni saranno sempre presenti, fanno parte del nostro modello economico, del nostro sistema economico; siamo in questo rapporto con loro. Tuttavia, non dovrebbero avere l'ultima parola su dove dovrebbe andare il cibo, come viene coltivato, da chi viene coltivato, dove va, come viene distribuito. Ci dovrebbe essere una maggiore partecipazione, creando spazio per le persone, affinché le comunità abbiano voce nel sistema alimentare. Questo sarebbe importante per contrastare parte della cattura aziendale. Un altro elemento è il dover disporre di strumenti per fare attenzione alle violazioni dei diritti umani che si verificano a livello aziendale. Ad esempio, le leggi sulla due diligence aziendale e la protezione dei diritti umani sono tutte garanzie che devono essere messe in atto per assicurarsi che la cattura aziendale non sia dominante.   

Quale dovrebbe essere il ruolo delle donne nella definizione di nuovi sistemi alimentari?   

Come in molti degli attuali sistemi in vigore, la disuguaglianza di genere è un po' ovunque, ed è particolarmente vero nel sistema alimentare, in particolare perché nelle aree agricole le donne hanno meno accesso alla terra o meno diritti sulla terra. Il quadro giuridico potrebbe essere migliorato in molte determinate situazioni per garantire l'uguaglianza. Inoltre, le voci delle donne devono essere ascoltate, con i loro suggerimenti, le loro storie di successo; non solo come vittime o come beneficiari ma attori, veri artefici del cambiamento in questo processo. E hanno storie da raccontare, quindi si tratta di creare quello spazio e onorarlo e da una prospettiva di giustizia sociale più ampia.   

L'agroecologia è una valida alternativa da proporre?   

L'agroecologia si basa sulla conoscenza tradizionale della terra, la conoscenza delle stagioni, del ciclo della vita. C'è molta saggezza e scienza dietro. È anche un approccio molto integrale, perché prende in considerazione i diritti della comunità, il bene comune, l'elemento della giustizia intergenerazionale, i diritti delle donne, i diritti delle popolazioni indigene. C'è anche un maggiore rispetto per la biodiversità in quel modello, quindi ha davvero bisogno di essere esplorato molto di più. Deve ricevere molta più attenzione e anche più finanziamenti. Merita più ricerca intorno e più spazio, perché l'agroecologia è una soluzione reale e incredibile, e sta funzionando. Sta nutrendo le persone, quindi l'unico blocco che possiamo vedere è che ci sono interessi contro di essa. Non è l'interesse comune a dominare; se si proponesse l'agroecologia, si penserebbe di più in una prospettiva di giustizia sociale e bene comune. 

Video sulla contromobilitazione:

Immagine: “Le donne mostrano i loro prodotti agricoli” by Raccolta di foto della Banca mondiale è sotto licenza CC BY-NC-ND 2.0

  

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange