Due anni dopo il Sinodo dell'Amazzonia: le voci delle donne indigene più rilevanti che mai – CIDSE

Due anni dopo il Sinodo dell'Amazzonia: le voci delle donne indigene più rilevanti che mai

Nell'ottobre 2019, oltre duecento persone si sono riunite per tre settimane a Roma per il Sinodo sull'Amazzonia per discutere di Ecologia Integrale, Amazzonia e Chiesa. Questo importante incontro mirava a mettere al centro della riflessione della Chiesa la vita di 34 milioni di persone, nonché la protezione di tutte le forme di vita in questa regione e della sua biodiversità, come contributo chiave alla cura della nostra casa comune. Ha aperto un dialogo importante con le comunità locali e ha alzato la voce. A due anni dal Sinodo per l'Amazzonia, condividiamo ancora alcune di queste testimonianze che sono ancora molto attuali.  

La serie "Voices of Women: Amazon Synod", di cui condividiamo tranne di seguito, è stata originariamente pubblicata da Ufficio Maryknoll per le preoccupazioni globali, membro di CIDSE con sede negli Stati Uniti.

Visolela Rosalinda “Rosa” Namise

Proprio prima del Sinodo per l'Amazzonia, la missionaria laica di Maryknoll, Kathy Bond, ha intervistato le donne indigene e le donne invitate a partecipare. Una di queste donne indigene era Visolela Rosalinda “Rosa” Namises, attivista sociale, per l'uguaglianza di genere e per i diritti umani e capo del popolo /Khomanin in Namibia. Quando viene richiesto 'Cosa vorrebbe dire a Papa Francesco e a tutti coloro che si sono riuniti a Roma per il Sinodo sull'Amazzonia sul valore delle tradizioni e della spiritualità indigene in un mondo spezzato?' lei rispose:

“Voglio dirvi grazie per questa opportunità che raramente ci viene data come donne e soprattutto donne dal punto di vista delle culture indigene […] So che i vostri insegnamenti prima non erano cattolici. Erano indigeni. Le preghiere, le benedizioni con l'acqua, l'incenso che noi cattolici usiamo oggi, specialmente nel battesimo, provengono tutti dagli indigeni. Se perdiamo l'Amazzonia, se perdiamo il nostro stile di vita indigeno, se uccidiamo le nostre madri e i nostri padri – i detentori di questa saggezza – e se non li proteggiamo, ciò danneggerà le generazioni a venire, compresi i nuovi sacerdoti che diventare vescovi e papa. Vi chiedo mentre deliberate di trovare un piccolo spazio nei vostri cuori per proteggere l'Amazzonia, per proteggere i modi di vivere delle popolazioni indigene”.  

Medicina dolce

Un'altra donna indigena intervistata prima del Sinodo era Sweet Medicine Nation, una guaritrice di medicina nativa americana del lignaggio Chickasaw. Vivendo da 50 anni nella verde foresta dell'Oregon, ha lavorato per dare voce a quelle cose della natura che non possono parlare. 

Medicina dolce: “Quello a cui parlerei in un Sinodo è parlare per tutti coloro che non hanno voce [e modo] per stare in un Sinodo: gli alberi, l'acqua e gli animali. […] Parlerei per gli animali che si stanno estinguendo a causa della nostra avidità. […] Vorrei parlare della vulnerabilità del nostro voler controllare le cose che sono naturali. […] Direi che vengo qui come rappresentante del mondo delle nazioni che oggi non possono stare davanti a te e [direi] considerare chi e cosa è la legge superiore. La legge naturale esisteva prima che avessimo il linguaggio. E chi siamo noi per sentirci come se avessimo la legge superiore quando è nelle mani di Dio, nelle mani del grande Mistero. Cosa ci succede? Dobbiamo custodire e proteggere la conoscenza e la saggezza del nostro consiglio interiore prima ancora di consegnarci ad altri consigli. Vorrei chiedere a ciascuno di voi [al Sinodo sull'Amazzonia] di considerare quando deliberate e prendete decisioni che state guardando al totale di coloro che vi sono stati affidati. Il pesce non può tornare a casa se quando alleviamo, inquiniamo laghi, fiumi e oceani. Alleviamo pesce. Non vogliono essere allevati, vogliono essere liberi proprio come te e me. Dobbiamo ricordare la compassione e il non giudizio. … Non capiamo le vie degli altri finché non camminiamo nei loro mocassini”.

In qualità di rappresentante della rete Cry for Life (Rede um Grito pela Vida), impegnata nella lotta alla tratta di esseri umani nella regione amazzonica del Brasile, suor Roselei Bertoldo è stata una delle invitate a partecipare al Sinodo. Attraverso il suo coinvolgimento nel processo che ha portato al Sinodo, ha ascoltato le voci delle donne in tutta l'Amazzonia che nominano situazioni di morte, ad esempio, la distruzione dell'ambiente e delle comunità indigene. “Le donne dell'Amazzonia portano a galla tutte queste realtà: migrazione interna e immigrazione internazionale, mancanza di lavoro e di opportunità di vita. Anche l'espulsione delle comunità nelle regioni rurali a causa di mega progetti come dighe idroelettriche, miniere e agro-business distrugge le culture locali». 

Roselei Bertoldo

'Porterò a Papa Francesco le voci di queste donne che dicono che la Chiesa non può tacere di fronte a tali violazioni. Nel processo di evangelizzazione, la Chiesa deve proteggere la vita. Quando le donne sono violate, quando i loro corpi sono violati, il Corpo di Cristo è violato. Molte donne dicono che la Chiesa è presente, si prende cura delle persone, delle loro culture e della terra. Laddove però la Chiesa cattolica non è più presente, ad esempio, dove sono state fondate chiese evangeliche, c'è chi dice che si sia registrato un aumento dell'estrazione illegale e dello sfruttamento. Vogliamo dire a Papa Francesco che la Chiesa svolge un ruolo importante nel proteggere la vita in Amazzonia. Non è possibile parlare di evangelizzazione in Amazzonia senza considerare i problemi della violenza sulle donne, del femminicidio, della violenza sui giovani, degli abusi e dello sfruttamento sessuale'.

Al Sinodo dell'Amazzonia hanno potuto partecipare 36 donne. Suor Roselei Bertoldo: 'Noi donne abbiamo fatto grandi passi avanti. Potremmo non essere in grado di tradurre ciò che significano tutti in questo momento, ma siamo sicuri di aver lasciato un'eredità per le generazioni future aprendo nuove strade verso una chiesa dal volto femminile e femminista, una chiesa che costruisce e cresce, in modo che abbiamo comunità che si prendono cura della vita e della nostra casa comune.'  

Josianne Gauthier

Questa sensazione è stata ripresa dal segretario generale del CIDSE, Josianne Gauthier. Invitata a partecipare al Sinodo come ospite speciale, è stata profondamente commossa dalle donne presenti. “Queste donne, provenienti da tutte le parti dell'Amazzonia, riflettevano molti punti di vista e identità diverse: indigene, laiche e religiose. Erano forti, venivano ascoltati e imponevano rispetto e chiedevano azione. La forza bruta delle loro coraggiose testimonianze dentro e fuori i dibattiti sinodali, così come il loro inestimabile contributo alla vita della Chiesa in Amazzonia, mostrano un amore per l'umanità e per la nostra Casa Comune che si è manifestato con passione e urgenza. Ho imparato molto da ognuno di loro e so che anche questo fa parte del cambiamento profondo e illuminante della Chiesa che deve continuare dopo il Sinodo».

Fonte:  

  

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange