Colloqui sul clima con Yeb Sano: "L'amore dovrebbe essere al centro della nostra difesa" - CIDSE

Colloqui sul clima con Yeb Sano: "L'amore dovrebbe essere al centro della nostra difesa"

Immagine: Nitin Bhardwaj/GreenFaith

Dal 31 ottobre al 12 novembre si svolgerà a Glasgow la 26a Conferenza delle parti sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (COP26). Dopo essere stato rinviato a causa delle restrizioni sulla pandemia lo scorso anno, questo vertice dovrebbe essere cruciale per i negoziati sul clima. Molte delegazioni del Sud del mondo hanno incontrato ostacoli per partecipare all'importante evento a causa della disparità di accesso al vaccino per il COVID-19 e delle restrizioni che ancora permangono nel loro Paese. In questo contesto, CIDSE condivide le esperienze dei nostri partner del Sud del mondo poiché riteniamo che le loro voci siano una delle più importanti.  

Dopo i difficili due anni che abbiamo vissuto a causa della pandemia di COVID 19, possiamo ancora ascoltare storie di perdita e frustrazione legate alla pandemia e agli eventi climatici in tutto il mondo. Yeb Saño, tuttavia, ha vissuto molti momenti difficili della sua vita anche prima della pandemia, alcuni dei quali lo hanno spinto a impegnarsi maggiormente per la giustizia climatica.  

Ad esempio, nel 2013 Saño, pluripremiato sostenitore della giustizia climatica e attualmente direttore esecutivo di Greenpeace Sud-Est asiatico, ha subito l'impatto e la catastrofe lasciati dal tifone Haiyan nelle Filippine, dove è anche uno dei paesi più pericolosi diventare un attivista ambientale come la violenza contro i difensori della terra e dell'ambiente nelle Filippine è un problema sistemico. “Il super tifone Haiyan è atterrato nella città natale della mia famiglia, ha lasciato un'enorme scia di devastazione, migliaia di persone muoiono in quel periodo. Abbiamo perso amici e persone care a causa del tifone”; ci racconta ricordando quel momento come cruciale nella sua carriera di advocacy. Prima ancora, nel 2004, una serie di tifoni ha colpito anche la comunità in cui lavorava e ha assistito alla morte delle persone: “Ho visto con i miei occhi come le persone hanno sofferto e come il disprezzo per la cura del nostro ambiente avesse portato alla catastrofe” , dice e aggiunge “quello che mi è rimasto impresso negli anni e mi ha davvero dato l'ispirazione per continuare a difendere ciò che è giusto, e parlare per chi non può parlare da solo”.  

Negli ultimi anni ha lavorato con diverse comunità nel sud-est asiatico su questioni legate alla crisi climatica, facendo campagne per la difesa delle foreste antiche o contro gli inquinanti da carbonio. Inoltre, come membro del Movimento Laudato Si', lavora aiutando le persone delle comunità vulnerabili nel cammino verso la conversione ecologica per un'ecologia integrale. "Ho investito così tanto tempo su questo perché questo mi ha anche permesso di passare molto tempo con le comunità più vulnerabili colpite dall'ingiustizia sociale a causa della crisi climatica e, naturalmente, ora della pandemia di COVID", condivide. Nell'ultimo rapporto dell'IPCC, pubblicato lo scorso agosto, si prevede che il sud-est asiatico, già considerato una delle regioni più vulnerabili del pianeta alla crisi climatica, subirà conseguenze particolarmente gravi, come l'innalzamento del livello del mare, le ondate di calore, la siccità e e frequenti scrosci di pioggia. 

“Tutte le sfide che affrontiamo, e tutte le difficoltà, tutti i dolori, tutta la frustrazione che vediamo intorno a noi che accade in qualsiasi momento della vita, e tutte le ragioni che ci fanno perdere il sonno la notte... queste dovrebbero essere gli stessi motivi che ci farebbero alzare dal letto la mattina. La speranza è l'unica cosa più forte della paura, la speranza è fare il primo passo, anche se non vedi il resto da solo. La speranza è credere in un futuro migliore, anche se non sei sicuro che verrà”, commenta Saño, che afferma anche che una delle cose che gli dà molta motivazione per continuare il suo lavoro nonostante ogni ostacolo è l'opportunità di dire ai suoi figli (un ragazzo di 17 anni e una figlia di 14 anni): "Ho fatto del mio meglio e sono stato in grado di fare il possibile per lasciarti un mondo migliore di quello che ho trovato, e migliore e più pacifico e più giusto”.  

Molte indagini affermano che la crisi climatica colpirà i paesi poveri, dove vivono diverse comunità vulnerabili, inclusi bambini, comunità indigene e razzializzate, tra le altre. Questi stessi gruppi di persone affrontano sfide ancora più grandi come la fame, l'accesso alle risorse di base oi servizi sanitari. “C'è una grande disparità tra le vaccinazioni che avvengono nel Nord del mondo rispetto al Sud del mondo. In particolare, nel mio Paese e poi nella regione del sud-est asiatico, abbiamo a che fare con una massiccia disuguaglianza in termini di vaccinazione", spiega Yeb quando gli viene chiesto perché non parteciperà alla COP26 quest'anno e aggiunge: "siamo ancora di fronte a un processo che è lento, un processo che non è stato consegnato in modo responsabile quanto necessario come dettato dalla scienza. La mia aspettativa realistica è che il tipo di ritardi politici che si sono verificati negli anni passati continuerà e ciò significa che dobbiamo trovare altri modi per risolvere il problema, dobbiamo trovare altri luoghi per far capire alla gente questa realtà e aprire gli occhi di persone all'urgenza della crisi climatica 

Sostenere la giustizia climatica in un paese che deve affrontare molte disparità è già una sfida, ma può anche essere un atto di grande emancipazione, come descritto da Yeb, "a volte lo facciamo perché siamo arrabbiati, a volte lo facciamo perché noi" re frustrato o deluso. Ma per me -e mi piace condividerlo soprattutto con i giovani- dovremmo farlo per amore. L'amore dovrebbe essere al centro della nostra difesa; l'amore dovrebbe essere al centro del nostro desiderio di vedere il cambiamento in questo mondo, ci alziamo per difendere la più grande crisi ecologica che abbiamo mai affrontato come famiglia umana, la crisi climatica può essere superata solo quando facciamo le cose per amore”.  

Alla domanda sulla connessione tra il suo lavoro di advocacy e il riconoscimento spirituale, Yeb Saño, che nonostante tutte le cose che ha visto e vissuto a causa dell'impatto della crisi climatica e dell'ingiustizia nel mondo, risponde senza dar luogo a dubbi: “Certo . C'è un problema nell'ambiente, ma il problema più grande che abbiamo è nei nostri cuori. Questa è una crisi spirituale, c'è molto lavoro che deve essere fatto lì perché questo riconoscimento spirituale sarà significativo solo se accadrà su una scala che colpisce più persone che mai e le persone tradurranno quel riconoscimento in azioni reali e, e reali -Cambiamento del mondo.” 

BONUS 

Libri per trovare ispirazione da Yeb Sano 

Uno dei miei libri preferiti è un libro spirituale. È un libro intitolato “La pace è ogni passo”, e l'autore è un monaco buddista, il suo nome è Thich Nhat Hanh. Leggo questo libro da più di 20 anni, mi ha dato molta forza, ispirazione e una prospettiva verso la pace nel mondo. Ho anche un'altra raccomandazione ed è in realtà qualcosa che mi è caro, un libro che ogni attivista del clima o sostenitore del clima dovrebbe leggere "Questo cambia tutto" di Naomi Klein. Quindi, chiunque abbia a cuore il futuro del mondo e come il cambiamento climatico influenzi tutti noi, e come possiamo evitare questa crisi, dovrebbe leggere il libro di Naomi Klein.  

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange