Analisi della terza bozza del Trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani – CIDSE

Analisi della terza bozza del Trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani

Uno studio del Prof. Dr. Markus Krajewski, Professore di Diritto Pubblico e Internazionale presso l'Università di Erlangen-Nürnberg (Germania) pubblicato da CIDSE.

Il fenomeno delle violazioni dei diritti umani e della distruzione dell'ambiente derivante dalle operazioni delle imprese europee e internazionali non è nuovo. Tuttavia, la situazione si è recentemente deteriorata con l'aumento della deforestazione, l'accaparramento di terre e attacchi letali ai difensori dei diritti umani e dell'ambiente a livello globale. Le linee guida volontarie e le risoluzioni di autoregolamentazione non si sono dimostrate sufficienti, poiché molte imprese rifiutano di assumersi la responsabilità dell'impatto delle proprie attività. Di conseguenza, la maggior parte delle comunità colpite dalle azioni delle operazioni aziendali si sono trovate senza alcuna forma di giustizia. Uno strumento giuridicamente vincolante per regolamentare, nel diritto internazionale sui diritti umani, le attività delle società transnazionali e di altre imprese commerciali è una parte essenziale della risposta alle minacce affrontate dalle persone e dall'ambiente. UN terza bozza rivista del LBI sarà negoziato a Ginevra dal 25 al 29 ottobre 2021. 

In questo nuovo studio pubblicato da CIDSE, Prof. Dr Markus Krajewski discute le disposizioni sulla responsabilità per le aziende, la giurisdizione applicabile, i diritti ambientali e la protezione dei difensori dei diritti umani, tra gli altri. Presenta un'analisi giuridica e suggerimenti testuali per migliorare l'attuale bozza su queste diverse questioni e conclude che la terza bozza rivista dovrebbe essere rafforzata in alcune aree, ma è matura per i negoziati. Il risultato è un commento e una guida approfonditi sulle disposizioni cruciali dell'attuale bozza di testo.  

Josianne Gauthier, segretario generale del CIDSE, ritiene che il messaggio centrale dello studio sia che la bozza potrebbe essere più precisa ed efficace per proteggere i diritti umani e l'ambiente. Concorda che i tempi sono maturi per il Trattato e che i governi dovrebbero cogliere l'opportunità.

I recenti sviluppi in Europa mostrano anche che è arrivato il momento di regolamentare i comportamenti delle aziende. La legge francese sul devor de vigilanza, la legge sulla responsabilità aziendale in Germania, la legge sul lavoro minorile nelle catene di approvvigionamento nei Paesi Bassi e le discussioni in altri paesi dell'UE dimostrano che esiste una crescente volontà politica di affrontare questo problema.  

Tuttavia, l'Unione europea manca dal tavolo dei negoziati sul Trattato vincolante dell'ONU. Alla Commissione europea manca ancora il mandato del Consiglio per impegnarsi nel processo e gli Stati membri sono stati per lo più assenti. Il CIDSE continua a invitare l'UE a impegnarsi attivamente e progressivamente nei negoziati, soprattutto in considerazione dell'imminente direttiva sul governo societario sostenibile. Come negoziati durante il 7th sessione si sposterà dalle dichiarazioni generali e verso sostanziali emendamenti testuali, CIDSE spera che questa analisi legale aiuterà gli Stati parti negoziali che mirano a migliorare il testo per rafforzare la protezione dei diritti umani e dell'ambiente e fermare l'impunità aziendale.  


Contatto: Giuseppe Cioffo, Corporate Regulation Officer (cioffo(at)cidse.org)

Credito fotografico: Ricardo Sturck


Condividi questo contenuto sui social media