L'UE flirta con i negoziati per un Trattato vincolante su imprese e diritti umani ma evita un impegno sostanziale, mentre GLI USA tentano di far deragliare il processo – CIDSE

L'UE flirta con i negoziati per un Trattato vincolante su imprese e diritti umani ma evita un impegno sostanziale, mentre GLI USA tentano di far deragliare il processo

Il CIDSE ha seguito i negoziati per un Trattato vincolante sulle società transnazionali e altre impresepremi alla 7a sessione a Ginevra dal 25 al 29 ottobre 2021. Leggi il comunicato stampa qui sotto:

Quest'anno ha visto un sostanziale cambiamento di ritmo nei negoziati del Consiglio per i diritti umani per uno strumento giuridicamente vincolante per regolare le attività delle società transnazionali e di altre imprese. Le trattative si sono svolte di persona per la prima volta dall'inizio della pandemia di COVID-19. Per la prima volta, gli stati si sono impegnati in una discussione linea per linea solida e dettagliata sulle disposizioni della terza bozza rivista, limitando i commenti e le dichiarazioni generali.

Il CIDSE e le sue organizzazioni membri elogiano la Presidenza ecuadoriana per l'organizzazione di una sessione negoziale alla quale hanno partecipato sia gli Stati che la società civile. "L'impegno dello Stato mostra che la terza bozza rivista può fare davvero la differenza per le comunità colpite da abusi aziendali", ha affermato Elise Kervyn, Senior Advisor di CIDSE. “Le attività commerciali spesso rappresentano una grave minaccia per i lavoratori, le popolazioni indigene e gli ecosistemi. Sono il motore principale del cambiamento climatico e non c'è via d'uscita dalle molteplici crisi che affrontiamo senza regole forti per le aziende”, ha aggiunto.

Attendiamo con impazienza la costituzione del gruppo degli Amici della Presidenza, come annunciato dal Presidente Relatore. Vogliamo ricordare che qualsiasi lavoro futuro sul testo dovrebbe essere trasparente, aperto e coinvolgere regolarmente e in modo significativo l'organizzazione della società civile.

Lodiamo anche gli interventi vitali e costruttivi dei delegati di Palestina, Panama, Camerun e Namibia. Il loro impegno mostra che il consenso può essere costruito attorno a disposizioni progressiste per garantire prevenzione, riparazione e giustizia. D'altro canto, gli interventi delle delegazioni brasiliana, cinese, iraniana e russa hanno costantemente minato lo spirito dei negoziati e il mandato del gruppo di lavoro.

Gli Stati Uniti hanno aderito ai negoziati per la prima volta, chiedendo approcci alternativi attraverso strumenti "vincolanti o non vincolanti". Tale posizione rivela la mancanza di considerazione per i negoziati, guidati da stati, comunità colpite e movimenti sociali per sette anni. Gli Stati Uniti hanno sostenuto più volte che il testo era "troppo prescrittivo", ma non ha fornito alcun suggerimento concreto per migliorarlo. Mentre si lamentano della prescrizione, accogliamo favorevolmente la chiarezza, la guida e la precisione.

Nella sua dichiarazione di apertura, la delegazione dell'UE ha affermato il suo impegno per i diritti umani e l'ambiente e la necessità di approcci consensuali, ma non è riuscita a partecipare concretamente alle discussioni e a sostenere la costruzione del consenso. Sorprendentemente, i delegati dell'UE, per la prima volta, hanno suggerito modifiche al testo per salvaguardare importanti disposizioni sui difensori dei diritti umani, sul genere e sull'ambiente. Tuttavia, questo è tutt'altro che sufficiente. Il CIDSE ei suoi membri hanno esortato l'UE ei suoi Stati membri a ottenere un mandato per partecipare ai negoziati negli ultimi sette anni. Ribadiamo questo appello. La proposta della Commissione Europea sul governo societario sostenibile, attesa nelle prossime settimane, non può essere usata come scusa per non impegnarsi a livello globale.

CIDSE ei suoi membri hanno preso la parola per sostenere il processo e avanzare suggerimenti testuali concreti durante i negoziati. Insieme ai nostri membri, alleati e partner, abbiamo portato testimonianze dall'Africa occidentale e dal Guatemala sull'impatto delle aziende sulle comunità e sui territori locali.

Come dice Rita Uwaka, di Friends of the Earth Nigeria, parlando di accaparramento di terre: “Se questo trattato può offrire reali misure di riparazione, allora può essere assicurata una vera giustizia”. Il CIDSE prende sul serio questo messaggio e continuerà a sostenere uno strumento internazionale che possa fare una vera differenza per la nostra famiglia umana e la nostra casa comune.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange