Un'equa eliminazione graduale dei combustibili fossili – CIDSE

Un'equa eliminazione graduale dei combustibili fossili

Una revisione dell'equità della società civile su un'equa eliminazione globale dei combustibili fossili, novembre 2021.


Mentre i negoziati sul clima entrano a pieno regime alla COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow, un nuovo rapporto, pubblicato da oltre 200 organizzazioni della società civile e movimenti sociali compreso CIDSE, si concentra sull'urgente necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili, in particolare dell'estrazione di combustibili fossili, e solleva questioni critiche di equità che sorgono nel contesto di questa eliminazione graduale. 

Basandosi sul precedente CSO Equity Review, il rapporto 2021 include: 

  • Una valutazione aggiornata dell'equità dei NDC (contributi determinati a livello nazionale) che rivela come gli attuali impegni per l'azione per il clima rimangano profondamente inadeguati e ingiusti. Mentre i paesi più ricchi (Stati Uniti, Regno Unito, UE, Giappone) rimangono molto al di sotto del contributo della loro giusta quota allo sforzo globale, alcuni paesi meno ricchi (Cina, India, Sudafrica, Kenya) hanno impegni di mitigazione che raggiungono circa - o più - le loro quote eque;
  • Tredici profili dei paesi per dimostrare la diversità delle sfide e delle opportunità nell'affrontare la produzione di combustibili fossili a livello nazionale e internazionale e mettere in evidenza i problemi del mondo reale che si verificano nei paesi chiave;
  • Un quadro introduttivo per affrontare le questioni di "equità dal lato dell'offerta" relative all'eliminazione graduale dell'estrazione di combustibili fossili, nonché una serie di possibili soluzioni che includono interventi sia nazionali che internazionali. 

Il rapporto formula cinque raccomandazioni per allineare equamente la produzione di combustibili fossili a 1.5°C:

  1. Rispettare gli impegni da tempo attesi dall'accordo di Parigi (e in precedenza), in particolare gli inquinatori più ricchi devono contribuire con la loro giusta parte alla risoluzione della crisi riducendo le emissioni più in profondità e più velocemente, mentre cooperano con le nazioni meno ricche fornendo finanziamenti per il clima per la tecnologia, l'adattamento, nonché come perdita e danno;
  2. Riconoscere i combustibili fossili come il principale contributore alla crisi climatica e creare nuovi percorsi e piattaforme internazionali per porre fine urgentemente all'espansione, ridurre gradualmente la produzione e accelerare le giuste transizioni per tutti i paesi e le comunità;
  3. Dare priorità alla cooperazione internazionale con i paesi dipendenti dai combustibili fossili che sono meno in grado di adattarsi fornendo risorse per i sistemi di energia rinnovabile, le giuste transizioni dei lavoratori e delle comunità, nonché una più ampia diversificazione e trasformazione economica;
  4. Rafforzare gli elementi costitutivi di un'eliminazione graduale delle quote eque, che potrebbe includere un First Movers Club di paesi impegnati a porre fine al finanziamento e all'estrazione di combustibili fossili, un Registro delle riserve globali di combustibili fossili per aumentare la trasparenza e la responsabilità, una Commissione dedicata a portare avanti discussioni diplomatiche verso un'eliminazione graduale e strumenti legali internazionali rafforzati come un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili per allineare equamente la produzione entro 1.5°C;
  5. Cambia le regole del commercio globale, degli investimenti, della finanza e della tecnologia per aumentare lo "spazio politico" per i governi che accelerano le politiche di emergenza ed esplorano nuovi programmi per incoraggiare il commercio che rispetta i diritti delle persone e del pianeta rispetto al profitto.


Vedi anche: Dichiarazione dei leader cattolici nei paesi del G20 sulla consegna dei combustibili fossili alla storiaOttobre 2021



Foto di copertina: Una donna svuota una ciotola di plastica piena di tapioca, derivata dalla pasta di manioca, su sacchi cuciti posati a terra vicino a una fornace a gas a Ughelli, Stato del Delta, Nigeria, 17 settembre 2020. Credito: Reuters / Afolabi Sotunde.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange