Inside COP26: come stanno andando i negoziati sull'ambizione climatica? – CIDSE

Inside COP26: come stanno andando i negoziati sull'ambizione climatica?

In questa intervista, Anika Schroeder, responsabile delle politiche sui cambiamenti climatici presso MISEREOR, l'organizzazione tedesca membro del CIDSE, condivide i suoi pensieri e le sue riflessioni sulle discussioni sulle ambizioni climatiche durante la COP26. Anika ha partecipato a 11 COP e, come in ogni edizione, il suo impegno principale è quello di difendere i diritti delle persone più colpite dal cambiamento climatico, spesso quelle che vivono in povertà e che hanno contribuito meno alla crisi climatica. 

Cosa significa ambizione climatica e perché è rilevante nei negoziati di quest'anno?  

Anika Schroeder, Misereor.

Ciò significa l'impegno ad agire in tutti e tre i pilastri dell'Accordo di Parigi: mitigazione, adattamento e gestione di perdite e danni. Si riferisce anche al livello di impegno ad assumersi la responsabilità finanziaria per la crisi climatica e a contribuire alla riduzione delle emissioni, all'adattamento ai cambiamenti climatici e al sostegno ai paesi per far fronte a perdite e danni in altri paesi. La maggior parte delle persone intende anche politiche di mitigazione del clima quando parla di ambizione. Naturalmente, quest'ultimo non è ancora coinvolto nella segnalazione delle ambizioni di oggi in quanto non ci sono ancora impegni assunti dai paesi. 

Di cosa si è discusso fino ad ora? 

Le parti hanno concordato di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C e persino di 1.5°C -se possibile- rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo. Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) è chiaro: è necessario e possibile limitare il riscaldamento al di sotto di 1.5°C. Ma gli Stati devono solo informare le altre parti sui loro piani e riferire sul livello di successo. Prima dei negoziati di Glasgow, l'atmosfera terrestre si sarebbe riscaldata fino a 2.7°C entro la fine del secolo. Con nuove iniziative e alcuni obiettivi più ambiziosi presentati dai partiti durante questa COP, otterremmo solo un po' meno riscaldamento. Le emissioni nel 2030 saranno ancora il doppio della quantità necessaria per rimanere al di sotto di 1.5°C (con una probabilità del 50%). 

Pensi che otterremo solo impegni dalle parti sull'ambizione climatica? 

Credo che possiamo avvicinarci un po' dopo questo COP rispetto a prima. Ma non sarebbe giusto per le persone più colpite definirlo un risultato equo. Penso che abbiamo superato questo punto con tutta l'inazione e le false promesse del passato, possiamo solo fermare le ingiustizie più gravi. Mancano ancora impegni chiari per il finanziamento dopo il 2024. Mancano ancora ambizioni reali e mentre i colloqui sono ancora in corso, non sappiamo ancora se le parti apriranno o chiuderanno alcune possibili scappatoie nell'art. 6 Regolamento dell'accordo di Parigi. La luce all'orizzonte è che questa è la prima COP in assoluto in cui si parla di ciò che è necessario, come ad esempio, porre fine (non ridurre) le cattive pratiche, come il finanziamento dei combustibili fossili.

 Cosa possiamo aspettarci per la prossima COP se le parti non concludono il loro lavoro a Glasgow? 

Se il Rulebook non può essere chiuso alla COP26, abbiamo un grave problema di fiducia nei negoziati internazionali e perderemo tempo in discussioni che si concentrano più e più volte sulle stesse cose strane invece di concentrarsi sull'azione necessaria. 

Ma non importa cosa, la cosa più importante è, e rimarrà, il compito in ogni paese: eliminare gradualmente i combustibili fossili spostandosi verso le energie rinnovabili, fermare le pratiche distruttive di uso del suolo, fermare l'economia distruttiva e gli stili di vita in cui la protezione dell'uomo i diritti e la cura del creato sono linee rosse in tutte le decisioni; e, naturalmente, sostenere i paesi e le persone a prepararsi e affrontare gli impatti della crisi climatica. 

Infine, che tipo di iniziative dovrebbero intraprendere le organizzazioni/attori cattolici per promuovere l'ambizione climatica dopo la COP26? 

Per citarne solo alcuni, in primo luogo, dovremmo essere sostenitori del clima e assicurarci che la Chiesa usi la sua influenza per parlare e fare pressione sui governi e sulla cooperazione e chiedere soluzioni reali, non importa da dove vieni. L'atmosfera e gli oceani non possono sopportare più emissioni. In secondo luogo, i fondi vengono messi a disposizione dei più bisognosi e spesi in modo che funzionino davvero sul campo; per questo motivo, se possibile, lavorate con i vostri governi sostenendo la giusta distribuzione di questi fondi. E terzo, pratica ciò che predichi: la Chiesa e le sue organizzazioni non spenderanno nemmeno una moneta in società distruttive. Scansiona il tuo portafoglio e passa ad alternative favorevoli al clima e alla creazione. 

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange