Diritto di dire di no: imparare dalle lotte globali – CIDSE

Diritto di dire di no: imparare dalle lotte globali

Blog sul Webinar globale organizzato dal Thematic Social Forum on Mining and Extractive Economy sul "Right to Say No" (RTSN) il 27 luglio 2021.

Affrontare gli impatti distruttivi dell'estrazione mineraria
In tutto il mondo, le multinazionali si impegnano in attività minerarie su larga scala in nome della crescita economica e del progresso, con l'Europa che mantiene un ruolo dominante in questo settore come consumatore e importatore di materie prime. Alcuni degli impatti devastanti delle attività minerarie includono il degrado ambientale, la contaminazione dell'acqua, del suolo e dell'aria, le violazioni dei diritti umani e le divisioni della comunità. Sebbene esistano numerosi accordi commerciali e di investimento per proteggere gli investimenti delle imprese straniere, non esiste uno strumento internazionale vincolante per i diritti umani per garantire i diritti delle persone colpite da pericolose attività minerarie. Nel frattempo, i tentativi delle comunità di ritenere le società responsabili hanno portato a minacce, repressione, violenza e persino morti, con il 2020 che è stato l'anno con il maggior numero di omicidi sui difensori dei diritti umani.

Alcuni dei modi in cui le comunità hanno resistito all'estrazione mineraria sono stati discussi durante a Webinar globale organizzato il 27 luglio 2021 dal Forum sociale tematico sull'economia mineraria ed estrattiva sul "Diritto di dire di no" (RTSN). Il diritto di dire di no è il diritto delle comunità di dichiarare zone vietate all'attività mineraria, facendo valere di fatto il loro diritto di gestire, controllare e decidere in merito al proprio ambiente e ai propri territori. I relatori hanno presentato casi di studio dall'Europa, dall'America Latina, dall'Asia e dall'Africa, dove le comunità si sono organizzate con successo e hanno agito per terminare i progetti minerari o fermare le loro espansioni. I quattro casi si collegano a uno spettro più ampio di lotte nazionali, regionali e internazionali per le comunità locali e indigene per riconquistare la loro sovranità, il controllo e la gestione delle loro terre e risorse naturali.

La comunità lotta per riconquistare la sovranità della terra

Come pratica, l'estrazione mineraria ha le caratteristiche di un'impresa coloniale: abusare delle risorse naturali e delle persone per soddisfare il modello consumistico e capitalistico nei sistemi economici e politici dei paesi sviluppati. Nelle loro presentazioni, Farai Maguwu dal Centro per la governance delle risorse naturali (CNRG) in Zimbabwee Aung Ja, un difensore dei diritti umani di Birmania, ha evidenziato come le autorità statali e locali corrotte collaborino con le multinazionali di paesi come Australia, Cina e Regno Unito, contro l'interesse del proprio popolo. In Zimbabwe, le operazioni minerarie avvengono senza il consenso e la previa consultazione delle comunità locali, mentre repressione, violenza e intimidazione vengono utilizzate per sfrattare le persone dalle loro case. Attraverso l'empowerment della comunità, la ricerca legale e la documentazione dettagliata di questi incidenti, i locali sono stati in grado di esercitare il loro "diritto di dire di no" e fare pressione sugli attori politici, costringendoli ad ascoltare le loro richieste e ad agire.

Il ruolo delle donne nel fornire alternative alle operazioni minerarie
In Birmania, le donne hanno assunto un ruolo di primo piano nel "dire no" all'estrazione mineraria distruttiva, contribuendo allo sviluppo di nuove opzioni economiche e stili di vita ecologici come alternative. Attraverso campagne comunitarie, sensibilizzazione pubblica e mediatica, boicottaggio diretto e occupazione dello spazio, la comunità locale ha ottenuto il sostegno della comunità internazionale e ha sollevato la questione dell'estrazione illegale. In Brasile, Karina Martins, del Movimento per la Sovranità Popolare Mineraria, ha parlato dell'esperienza politica di resistenza dei “Territori liberi dalle miniere”. Promuovono nuove alternative economiche come l'agricoltura su piccola scala, la pesca e l'ecoturismo. Queste alternative possono garantire reddito e lavoro, sicurezza alimentare, conservazione della socio-biodiversità e beni comuni per le generazioni future. Le comunità devono superare le differenze linguistiche, etniche e religiose e unirsi come un movimento attivo e solidale.

Sfidare i nostri sistemi politici ed economici dominanti
Da Inghilterra, Annibale Rohades, di Gaia Foundation e Yes to Life No to Mining Global Solidarity Network, ha evidenziato le strade per far avanzare il "diritto di dire no" alle operazioni minerarie in Europa, comprese alternative come referendum (Trun, Bulgaria), impegno aziendale (Selkie, Finlandia) e “Dichiarare il diritto della natura” (Greencastle, Inghilterra). Secondo lui, la visione strumentalistica a breve termine della natura come raccolta di beni morti da raccogliere per il bene superiore si scontra con la visione olistica a lungo termine della natura che considera i legami culturali e spirituali di un territorio.

Chiedere un cambiamento sistemico
Concludendo, i quattro relatori hanno sottolineato come l'intero settore minerario debba subire un cambiamento radicale di paradigma per prevenire danni alla comunità e ulteriori disastri ambientali. Innanzitutto, le leggi dovrebbero essere attuate in modo efficace e significativo per regolamentare, limitare e vietare le operazioni minerarie illegali. Nel frattempo, la società civile deve esercitare il proprio potere monitorando e segnalando casi di abuso aziendale e distruzione ambientale. Internet e i social media possono essere strumenti potenti per sollevare il tema di RTSN creando reti e alleanze nazionali e internazionali per esercitare pressioni su attori politici e governi. È responsabilità delle autorità nazionali, degli attori internazionali e delle istituzioni religiose riconoscere e affrontare lo sfruttamento aziendale e le sue implicazioni. Questo è il momento di agire insieme in solidarietà con la nostra famiglia umana e di proteggere la nostra casa comune.


Questa campagna è stata co-organizzata con il sostegno finanziario dell'Unione Europea. Il contenuto di questo blog è di esclusiva responsabilità di CIDSE e non riflette necessariamente le opinioni dell'Unione Europea.


Foto di copertina: Aleksandar Pasaric – Pexels

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange