Il difensore dei diritti umani Luis Misael Socarras Ipuana scrive ai commissari Reynders e Breton – CIDSE

Il difensore dei diritti umani Luis Misael Socarras Ipuana scrive ai commissari Reynders e Breton

“Le aziende devono essere ritenute responsabili per il danno che causano, contribuiscono o traggono profitto.”


Gli indigeni Wayùu della Colombia hanno un profondo legame spirituale e culturale con il loro paesaggio. Le comunità Wayùu a La Guajira dipendono dal loro ambiente, incluso il fiume Arroyo Bruno, per la sopravvivenza delle loro comunità. Ma i loro mezzi di sussistenza e il profondo rapporto che hanno con il loro ambiente sono stati improvvisamente minacciati quando la miniera di carbone a cielo aperto di Cerrejón ha iniziato le sue attività.
La miniera, gestita da un consorzio di investitori internazionali tra cui i colossi BHP, Anglo-American e Glencore, ha avuto un impatto devastante sulle comunità locali e sul loro territorio, scaricando rifiuti tossici nei terreni circostanti e nei corsi d'acqua, tra cui l'Arroyo Bruno. Più di 20 comunità sono state sfrattate con la forza per far posto alle attività minerarie. Tra gli acquirenti di carbone della miniera figura l'Irish Electricity Supply Board, di proprietà statale.
Oggi il difensore dei diritti umani e rappresentante degli indigeni Wayùu, Luis Misael Socarras Ipuana*, ha scritto ai commissari europei Thierry Breton e Didier Reynders chiedendo che l'Unione europea agisca con forza per porre fine al ciclo di abusi che la sua e altre persone in tutto il mondo subiscono in casi come quello della miniera di Cerrejón. Secondo Luis Misael:

“La Guajira… è diventata una zona sacrificale per il bene delle multinazionali che forniscono combustibili fossili dannosi all'Europa nel bel mezzo della crisi climatica. Mentre soffriamo, le aziende europee stanno raccogliendo i benefici della distruzione del nostro paesaggio sacro attraverso le loro catene del valore”. 

La lotta per la giustizia delle comunità locali è stata accolta con violazione dei diritti umani e ottusa impunità, poiché le molteplici sentenze del tribunale a favore del popolo Wayùu sono state ignorate dallo Stato e dalle aziende. Attualmente, alcune delle imprese coinvolte stanno valutando la possibilità di ritirare i propri investimenti nella miniera, aumentando senza possibilità di ricorso per le comunità.

La Commissione europea dovrebbe presentare nella prima metà di dicembre il Governance aziendale sostenibile Direttiva, uno strumento giuridico per prevenire i diritti umani e gli abusi ambientali nelle catene globali del valore. La società civile ha chiesto che la legge includa anche disposizioni rigorose per ritenere le società responsabili e per consentire l'accesso alla giustizia per le persone colpite. Come ha detto Luis Misael:


 "Una legge senza disposizioni sulla responsabilità per ritenere le aziende responsabili e consentire i diritti legali alla giustizia per le vittime sarà un'enorme opportunità mancata e un ulteriore danno per la nostra gente". 

La lettera di Luis Misael arriva dopo i difensori dei diritti umani e dell'ambiente Bertha Zuniga Càceres,  Estere Kiobel,  Saeeda Khatoone Kalpona Akter ha scritto ai Commissari chiedendo una legge forte che permetta l'accesso alla giustizia per le comunità.


* Luis Misael Socarras Ipuana è un difensore dei diritti umani per gli indigeni Wayuu di La Guajira, Colombia. È membro dell'organizzazione Fuerza Mujeres Wayúu, che difende l'acqua e il territorio dagli impatti delle operazioni della società Cerrejón nel sud di La Guajira.



Foto: Miniera di carbone, El Cerrejón, Colombia by Tanenhaus - CC BY 2.0

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange