“La definizione poco chiara di soluzioni basate sulla natura consente di promuovere soluzioni false e pericolose” – CIDSE

“La definizione poco chiara di soluzioni basate sulla natura consente di promuovere soluzioni false e pericolose”

Foto: UNDP Clima.

Myrto Tilianaki, responsabile per la sovranità alimentare e il clima presso CCFD-Terre Solidaire – l'organizzazione francese membro del CIDSE – ha partecipato alla COP26 a novembre per seguire i negoziati sull'articolo 6 dell'accordo di Parigi. In questa intervista, Tilianaki riflette sulle soluzioni basate sulla natura e sulla controversia che circonda le loro implicazioni per la conservazione della biodiversità e i diritti delle comunità indigene. 

Quali sono le soluzioni basate sulla natura?   

Il concetto di soluzioni basate sulla natura (NbS) è stato sviluppato dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) nel 2015-2016. Dovrebbe comportare "soluzioni" che collegano clima e biodiversità. Sebbene possa sembrare buono sulla carta, NbS è un concetto estremamente vago che include molte pratiche diverse. 

Abbiamo lavorato su un nota informativa con Réseau Action Climat (CAN – Francia) che mira a mappare pratiche benefiche e altre dannose per il clima e la biodiversità e che sono spesso indicate come soluzioni basate sulla natura. 

Qual è il problema principale con NbS?  

La definizione poco chiara di NbS è il problema principale di questo concetto, in quanto consente di promuovere soluzioni false e pericolose. Ci sono alcune "buone" pratiche che sono considerate NbS come l'agroecologia. Tuttavia, la maggior parte di queste soluzioni, come l'agricoltura intelligente per il clima, gli OGM, tra le altre, sono già state promosse da organizzazioni, tra cui CIDSE. La parola “natura” è usata qui per giustificare pratiche dannose e questo è al centro del problema. 

Alcune delle false soluzioni promosse sotto NbS:  

  • Pratiche che non vengono decise con e a beneficio delle popolazioni indigene e delle comunità locali, in particolare dei gruppi emarginati come le donne. 
  • Pratiche che mirano a calcolare e fornire crediti di compensazione in base alle capacità di cattura e stoccaggio degli ambienti naturali terrestri. Queste pratiche consentono il greenwashing e sono una pericolosa distrazione dalle riduzioni reali e immediate delle emissioni.  
  • Anche le pratiche di imboschimento e rimboschimento basate su piantagioni di monocolture con specie non autoctone sono dannose. Immagazzinano meno carbonio rispetto alle foreste naturali e diversificate, sono meno resistenti ai pericoli e alle malattie naturali e mettono a rischio la biodiversità. Inoltre, i paesi che consumano prodotti che causano la deforestazione importata (es. olio di palma, gomma, soia) devono fermare queste importazioni. 
  • Tecniche agricole "climaticamente intelligenti" che promuovono lo stoccaggio e la compensazione del carbonio.  
  • L'uso della bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS): queste tecnologie rimangono non testate, non provate e potenzialmente pericolose per l'integrità dell'ecosistema. 
  • Tecnologie ispirate alla natura, così come alcune innovazioni che utilizzano talvolta materiali naturali (es. OGM, biologia sintetica, agrocarburanti).  
  • Progetti infrastrutturali dannosi per la biodiversità o che determinano lo spostamento della popolazione, in particolare nel settore energetico (ad es. dighe idroelettriche). Oltre ai settori energetici non sostenibili (es. minerario, nucleare), alcuni progetti di energia rinnovabile possono anche avere impatti problematici sulla biodiversità se non ben gestiti.  
  • L'artificializzazione del suolo, che è un fattore determinante nella perdita di biodiversità e un fattore limitante per lo stoccaggio del carbonio. 

È anche importante notare che i maggiori promotori di NbS oggi sono le multinazionali, come Total Energies, che ha anche creato una propria unità NbS. Progetti di compensazione – simili a quello che Total Energies ha messo in atto nel Repubblica del Congo (Congo-Brazzaville) che mira a piantare 40.000 ettari di acacie, una monocoltura - sono proposti nell'ambito dell'approccio NbS. L'ONG Grain ha anche documentato aziende che promuovono NbS come Nestlé, SYSTEMIQ, Food e Land Use Coalition co-fondata da Yara, Unilever e Blackrock. 

In che modo le richieste di soluzioni basate sulla natura sono legate al lavoro delle organizzazioni cattoliche?   

È difficile rispondere a questa domanda; però, laudato si' si riferisce a soluzioni provenienti dalle persone e fa appello agli appetiti corporativi e capitalisti nei confronti della natura.  

Come organizzazioni cattoliche per lo sviluppo, lavoriamo con le persone sul campo e sosteniamo le lotte locali per la sovranità alimentare e una transizione giusta, quindi chiamare NbS è coerente con tutto il lavoro che abbiamo già intrapreso sull'agricoltura intelligente per il clima e anche su altre false soluzioni come sulla cattura aziendale e l'acquisizione della governance globale. 

Secondo il comunicato della società civile “Soluzioni reali, non net-zero” firmato da CCFD-Terre Solidaire e CIDSE: "Mostraci come proteggerai e ripristinerai gli ecosistemi della biodiversità, non perché il carbonio che contengono venga scambiato come le cosiddette "soluzioni basate sulla natura" nei mercati compensati, ma perché sono la base delle vite e dei mezzi di sussistenza e perché dobbiamo fermare perdita di biodiversità e collasso dell'ecosistema”. 

Posizioni degli alleati su NbS, a cui CCFD-Terre Solidaire sostiene e aderisce Amici della terraGrano, o CLARA

NbS è stato affrontato alla COP26?  

Le soluzioni basate sulla natura non sono state affrontate alla COP26, ma il termine è apparso ad un certo punto nella bozza di decisione della COP. Non ci sono state discussioni ufficiali su NbS poiché lo spazio per le discussioni su questo era l'IUCN. Tuttavia, NbS era fortemente presente all'interno della COP attraverso innumerevoli eventi collaterali. Ciò ha portato all'aggiunta provvisoria del termine "Soluzioni basate sulla natura", che tuttavia è stato subito rimosso dal testo. L'adozione del termine NbS nelle dichiarazioni ufficiali dell'UNFCCC o nelle decisioni della COP avrebbe potuto essere estremamente pericolosa in quanto costituirebbe un precedente, indicando che l'UNFCCC sta riconoscendo ufficialmente questo concetto.  

Dovrebbe invece essere proposto il seguente tipo di formulazione "soluzioni che affrontano/collegano congiuntamente la biodiversità e il clima". È chiaro che dobbiamo affrontare allo stesso tempo questioni relative al clima, alla biodiversità, ai diritti umani e ai diritti delle popolazioni indigene.  

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange