Serie di documenti sulla politica di acquisizione della terra – CIDSE

Serie di brevi sulla politica dell'accaparramento di terre

CIDSE ha coordinato la produzione di questa serie, in collaborazione con CGLTE-OA e attori chiave coinvolti nella piattaforma africana "Our Land Is Our Life", insieme a organizzazioni internazionali della società civile in Austria, Belgio, France, Germania e Switzerland . La serie è finitalanciato ufficialmente oggi in occasione di un evento idrid in Sierra Leone.

Negli ultimi due decenni, la crescente domanda di materie prime agricole (ad esempio olio di palma, cereali, bestiame) e risorse naturali (ad esempio metalli, carbone, petrolio), ha portato le società transnazionali a impegnarsi in acquisizioni di terreni su larga scala (LSLAs). Dal 2000, in Africa sono stati effettuati più di 25 milioni di ettari di accordi di terra, mentre 14.3 milioni di ettari rimangono inutilizzati a causa di negoziati falliti. Queste operazioni avvengono a spese delle comunità locali. causando gravi conseguenze sociali e ambientali come l'inquinamento dell'acqua, del suolo e dell'aria, l'insicurezza alimentare, la divisione delle comunità, gli sgomberi forzati e la povertà. Quando cercano giustizia, le comunità indigene, così come i difensori dei diritti umani e dell'ambiente, affrontano lunghe cause legali con costi elevati e difficoltà di accesso alle informazioni e alle prove per i ricorrenti. Nel frattempo, l'opposizione locale incontra violenze, repressioni, arresti arbitrari, detenzioni e persino morti causate dalle forze di sicurezza statali e aziendali. 

La produzione di questi tre polizze politiche, coordinato dal CIDSE e organizzato dalla West African Global Convergence for Land, Water and Seeds Struggles (CGLTE-OA) con i partner della piattaforma africana "Our Land is Our Life", mira a sollevare le preoccupazioni degli LSLA come priorità del Partenariato Africa-UE in vista del vertice UE-Africa del 2022 e più in generale nel contesto del partenariato Africa-UE. Le storie degli LSLA in Sierra Leone (Addax/Sunbird Bioenergy SL Ltd e Socfin Azienda Agricola SL Ltd.) così come nella Repubblica Democratica del Congo (Feronia) invitano i governi europei e africani e le rispettive banche di sviluppo a cessare il finanziamento di tali operazioni che rischiano di orientare i conflitti e sostengono l'adozione di una legge UE sulla dovuta diligenza obbligatoria per regolamentare le attività aziendali.

La loro pubblicazione culmina con il Pellegrinaggio online per la giustizia organizzato dalla Chiesa dell'Africa occidentale in solidarietà con il 2021 caravan guidato dalla Convergenza globale dell'Africa occidentale per le lotte per la terra, l'acqua e i semi (CGLTE-OA) e i suoi partner. Entrambi gli eventi condividono storie personali e testimonianze delle lotte delle comunità dell'Africa occidentale colpite dall'accaparramento di risorse e dallo sfruttamento aziendale. Il lancio ufficiale avviene oggi, 10 dicembre, durante il evento "Acquisizioni di terreni su larga scala in Africa – Come prevenire la cattura aziendale, le violazioni dei diritti umani e i conflitti” che segna la fine del viaggio della carovana in Sierra Leone.





Contatto: Emmanuel Yap, Responsabile dei diritti fondiari (yap(at)cidse.org)



Il brief Addax è stato prodotto con il sostegno finanziario dell'Unione Europea.
I brief Feronia e Socfin sono stati prodotti con il sostegno finanziario dell'Unione Europea e della Cooperazione allo Sviluppo belga.
I contenuti sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dell'Unione Europea e l'opinione ufficiale dell'istituzione belga.


Credito fotografico: Pane per tutti

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange