Comunicato stampa CIDSE Vertice UE-UA – CIDSE

Comunicato stampa CIDSE Vertice UE-UA

Versione italiana

The L'UE e l'UA stanno costruendo un partenariato che ignora le reali esigenze del popolo africano.

The Il vertice UE-UA si svolgerà durante la settimana del 14 febbraio. Funzionari africani e dell'UE chiuderanno i negoziati del partenariato UE-UA e presenteranno i risultati: un pacchetto di investimenti e una dichiarazione congiunta. 

Per quasi due anni, CIDSE, insieme ai suoi partner europei e africani, ha sostenuto un migliore coinvolgimento della società civile nei negoziati del partenariato UE-UA. Nonostante alcuni piccoli tentativi, l'Unione Europea non è riuscita a includere le organizzazioni vicine alle voci della gente. Non coinvolgendo la società civile nel processo, l'UE e l'UA stanno costruendo un partenariato che ignora i bisogni espressi dal popolo africano. 

"Dobbiamo riflettere sulla mentalità coloniale e imperiale che ancora detta una parte significativa degli attuali dialoghi UE-UA. È essenziale esaminare più da vicino la misura in cui il partenariato UE-Africa ha contribuito a rispondere alle aspirazioni e ai bisogni del popolo africano. Invece di trattare i bisogni primari dell'Africa, come cibo e povertà, il Vertice sembra riferirsi irrealisticamente a temi che non appartengono alle priorità del continente africanoT." FR. Chika Onyejiuwa, AEFJN.  

In effetti, il programma del Vertice non include questioni sistemiche come l'agricoltura, la sovranità alimentare, gli abusi aziendali, l'accaparramento di terre e risorse, ma anche le relazioni commerciali squilibrate, il debito, il clima, la perdita di biodiversità, i diritti sociali, culturali ed economici, i vaccini e la salute iniquità. 

Mentre i piccoli agricoltori, i pastori, i pescatori artigianali e le comunità forestali dominano i dati demografici dell'Africa rurale e stanno mettendo in pratica con successo l'agroecologia, le decisioni politiche sono prese da attori esterni che mettono i loro interessi al primo posto e non supportano soluzioni reali - come l'agroecologia - per prosperare . 

"Consapevoli dei modelli di colonialismo nella società, al CIDSE abbiamo lavorato con il movimento guidato dall'Africa "Our Land is Our Life" e stiamo sostenendo il loro obiettivo di proporre le priorità del popolo africano per quanto riguarda i diritti alla terra e il cibo.” ha affermato Elise Kervyn, Senior Advisor di CIDSE. Questo movimento rifiuta il modello di partenariato UE-Africa tenendo un Vertice del popolo africano il 14 febbraio. L'evento si concentrerà sulle priorità vitali per il continente africano: agricoltura e agroecologia, abuso di suolo e corporativo. In particolare, la piattaforma invita i governi dell'UE e dell'UA a mettere l'agroecologia sul tavolo delle politiche e riconoscere il suo track record di successo nella produzione di alimenti sani con bassi costi di input, con un enorme potenziale per creare posti di lavoro, fornire diete equilibrate e creare comunità agricole più resiliente. Nel complesso, CIDSE insieme ai suoi partner ritiene che le relazioni internazionali debbano essere impostate per garantire che i diritti umani siano alla base di qualsiasi relazione futura tra popoli e paesi: il diritto al cibo, il diritto a un ambiente sostenibile, la terra ei diritti dei contadini. 

"Per gli africani, la terra determina la nostra identità di esseri umani, la nostra dignità, il nostro senso di appartenenza. In Africa, il cibo è un diritto umano fondamentale, non una merce nelle mani di pochi eletti che determinano i prezzi attraverso le loro industrie alimentari". Dichiarazione della società civile africana sul partenariato africano-Unione europea, 2020 

Note per i redattori: 

CIDSE sta organizzando a spazio multimediale virtuale al termine dell'African People Summit (lunedì 14 febbraio 17.00-18.00 CET), durante il quale i giornalisti potranno organizzare interviste personali ai relatori. Maggiori informazioni sono disponibili   

A cartella stampa sono inoltre disponibili informazioni e risorse di base   

Contatto per i media: Valentina Pavarotti, Communications Manager, pavarotti@cidse.org  

Foto di: Christophe Smets, La Boîte à Images

Condividi questo contenuto sui social media