Comunicato stampa: Due Diligence sulla sostenibilità aziendale – CIDSE

Comunicato stampa: Due Diligence sulla sostenibilità aziendale

Le ONG cattoliche chiedono ai legislatori dell'UE di rafforzare la proposta della Commissione


Il CIDSE e le sue organizzazioni membri accolgono con favore la pubblicazione della proposta di Direttiva sulla Due Diligence sulla sostenibilità aziendale da parte della Commissione Europea mentre invitano il Parlamento Europeo e il Consiglio a rafforzare il testo sul tavolo.  

L'attesissimo disegno di legge richiederà alle grandi aziende di condurre la due diligence sui diritti umani e sull'ambiente nelle loro catene del valore globali e di affrontare le violazioni aziendali. La proposta di direttiva dovrebbe ora essere discussa al Parlamento europeo nei prossimi mesi prima di passare al Consiglio dell'UE.  

"Questa legislazione potrebbe essere un elemento importante nel quadro giuridico globale per proteggere la nostra famiglia umana e la nostra casa comune da azioni aziendali dannose, ma la proposta della Commissione non va abbastanza lontano in termini di portata delle società, garantendo l'accesso alla giustizia per le persone colpite e in fornire obblighi esecutivi per evitare impatti climatici avversi”, ha affermato Josianne Gauthier, Segretario generale del CIDSE. 

Nel 2020, più di 230 vescovi cattolici di tutto il mondo ha firmato una dichiarazione chiedendo l'introduzione di una legislazione obbligatoria in materia di diritti umani e di due diligence ambientale. Nel 2021 è stato lanciato CIDSE e i suoi membri una campagna in corso chiedendo agli eurodeputati e ai responsabili delle decisioni dell'UE di garantire che la legislazione includa l'accesso alla giustizia e il risarcimento per le persone colpite. Eppure, nel 2021, a Sondaggio YouGov ha mostrato che il travolgente maggioranza dei cittadini dell'UE concordano sul fatto che le aziende dovrebbero essere ritenute legalmente responsabili dei danni all'ambiente e ai diritti umani che causano.  

La legge riguarda le aziende che impiegano più di 500 dipendenti e generano almeno 150 milioni di euro di fatturato e quelle con più di 250 dipendenti che operano in settori ad alto rischio. Secondo il disegno di legge, tali imprese saranno ritenute responsabili per il mancato rispetto dei loro obblighi di due diligence e per aver causato danni quando non sono state in grado di adottare misure sufficienti per prevenire tali danni. 

Tuttavia, la proposta non riesce a rimuovere gli ostacoli cruciali all'accesso alla giustizia per le persone colpite da abusi aziendali, come spese legali elevate, distribuzione ineguale dell'onere della prova nei tribunali e tempi legali iniqui.  

"La semplice due diligence obbligatoria in materia di diritti umani e ambiente e una disposizione generale sulla responsabilità, applicabile a una minoranza di aziende, non saranno sufficienti per fermare gli abusi aziendali”, secondo Giuseppe Cioffo, Corporate Regulation and Extractive Officer di CIDSE. “Abbiamo bisogno di misure concrete per garantire che l'impunità sia esclusa dal playbook delle aziende. Il Parlamento europeo e il Consiglio dell'UE devono ascoltare le voci dei leader religiosi, dei difensori dei diritti umani, indigeni e coloro che sono stati colpiti da azioni corporative dannose e garantire che il testo finale offra risposte concrete alle loro richieste di giustizia e rimedi".  


NOTE PER I REDATTORI: 
In questo cartella stampa (novembre 2021), analizziamo il significato di questa legge attraverso casi di studio e testimonianze. Il documento è disponibile in Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo.  

CIDSE e i suoi alleati hanno fornito un ampio contributo alla Commissione sul disposizioni principali che la legge dovrebbe includere e come può rendere giustizia alle vittime e proteggere efficacemente l'ambiente.  

In un glossario illustrato (disponibile qui in inglese, olandese, francese, italiano, tedesco, spagnolo) spieghiamo sette termini chiave e questioni relative alla proposta di legge europea.  

MEDIA CONTATTI:
Valentina Pavarotti, Responsabile Comunicazione CIDSE, Pavarotti(at)cidse.org
Giuseppe Cioffo, CIDSE Corporate Regulation and Extractive Officer, Cioffo(at)cidse.org

Foto di copertina di credito: Parolan Harahap/Flickr.

Condividi questo contenuto sui social media