Le banche di sviluppo escono senza vergogna – CIDSE

Le banche di sviluppo escono senza vergogna

Dichiarazione collettiva, 28 febbraio 2022:
Le banche di sviluppo escono spudoratamente dall'accaparramento di terre coloniali in Congo


Il 22 febbraio 2022, le banche di sviluppo – BIO del Belgio, CDC del Regno Unito, DEG della Germania e FMO dei Paesi Bassi – ha annunciato in cui avevano svenduto i loro restanti interessi finanziari Plantation et Huileries du Congo (PHC), la società colpita dallo scandalo che detiene oltre 100,000 ettari di concessioni per piantagioni di palma da olio nella Repubblica Democratica del Congo. Segue il exit della banca di sviluppo francese Proparco all'inizio del 2021.

Questo segna la fine di un periodo di nove anni in cui un consorzio di molte delle più grandi banche di sviluppo del mondo speso più di $ 150 milioni sostenere una società che ha acquisito le sue concessioni di terra attraverso un accaparramento di terre dell'era coloniale belga e così via è stato coinvolto al lordo violazioni dei diritti umani e crimini ambientali sia prima che durante gli investimenti delle banche di sviluppo. Costituisce uno degli esempi più sconvolgenti di complicità delle banche di sviluppo nell'impoverimento, espropriazione e repressione delle comunità locali nel Sud del mondo. 

Le banche hanno ignorato avvertenze ripetute dalle organizzazioni della società civile prima di finanziare la PHC e non ha indagato a fondo o affrontato gli abusi causati dalla sicurezza della PHC e le numerose lamentele presentate dalle comunità. Nonostante gli appelli diretti delle organizzazioni della società civile dei loro paesi d'origine e di quelle della Repubblica Democratica del Congo, hanno respinto le preoccupazioni e hanno insistito sul fatto che i loro "investimenti" avrebbero portato "sviluppo". Il loro eventuale ritiro dall'azienda arriva come una tragica non sorpresa, poiché la società non ha realizzato profitti e non ha mostrato miglioramenti nelle sue pratiche.

Negli ultimi anni, infatti, le comunità interessate dalle operazioni di PHC hanno percepito un marcato aumento di intimidazioni, molestie e violenze (si veda una descrizione dettagliata degli incidenti qui e informazioni sugli arresti di oltre 15 persone in totale e sull'uccisione di due abitanti del villaggio da parte della sicurezza del PHC all'inizio del 2021 qui e qui; comunicati più recenti sugli episodi di violenza sono disponibili sul sito web www.farmlandgrab.org).

Un pasticcio aziendale

Le banche di sviluppo hanno una pesante responsabilità per questo pasticcio. Per anni hanno detenuto la maggioranza della società, sono stati ampiamente rappresentati nel consiglio di amministrazione e detenevano quasi tutto il debito residuo della società. Tuttavia, durante questo periodo, non sono riusciti a portare le pratiche di PHC agli standard o a fermare le violazioni dei diritti umani e i danni ambientali. Si sono verificati casi di gravi violazioni dei diritti umani, violazioni del lavoro, crimini ambientali e persino omicidi non adeguatamente indagato, risultando nel contesto odierno di impunità. Ancora più importante, non hanno fatto nulla per affrontare le questioni legate alla terra in eredità al centro delle tensioni tra l'azienda e le comunità. Piuttosto loro peggiorato il problema frammentando le concessioni scadute in più titoli a garanzia dei loro prestiti, all'insaputa delle comunità locali e in violazione della legge della Repubblica Democratica del Congo.

Nel 2020 le banche di sviluppo hanno supervisionato a processo di ristrutturazione in cui l'ex proprietario di PHC, la società canadese Feronia Inc, ha dichiarato fallimento e PHC è stata sostanzialmente donata alla società di private equity Kuramo Capital. Le banche di sviluppo hanno cancellato l'80% del debito di PHC e cancellato tutte le loro azioni in Feronia. Il 22 febbraio 2022, le ultime parti dei loro interessi di debito sono state vendute per una somma non rivelata a Maku Holdings, una consociata di Kuramo Capital.

Il processo di ristrutturazione è iniziato poco dopo che l'International Complaints Mechanism (ICM) di DEG, FMO e Proparco ha formalmente accettato una denuncia presentata da 11 comunità per un processo di mediazione volto a risolvere lo storico conflitto terrestre. Le comunità si aspettavano che, attraverso la mediazione, i loro diritti sulla terra sarebbero stati finalmente riconosciuti e che avrebbero raggiunto un nuovo accordo con l'azienda su tale base, che avrebbe incluso il risarcimento dei danni causati. Le loro aspettative erano basate sul fatto che le banche di sviluppo avessero il controllo sulla PHC e queste banche avessero il mandato di proteggere gli interessi delle comunità locali e di essere responsabili nei confronti dei governi eletti nei loro paesi d'origine. 

Il ritiro completo delle banche di sviluppo europee dalla PHC indebolirà ulteriormente la fiducia della comunità nel processo di mediazione dell'ICM, che già soffriva a causa di un ritardo di tre anni e dell'incapacità dell'ICM di proteggere dagli abusi gli abitanti dei villaggi che partecipano alla prima fase del processo . 

La responsabilità del processo è ora affidata ai nuovi proprietari e dirigenti dell'azienda, che non ispirano fiducia. Il nuovo Direttore Generale di PHC, Monique Gieskes, lo era condannato nel 2021 da un tribunale della Repubblica Democratica del Congo a sei mesi di prigione e le è stato chiesto di rimborsare $ 780,000 che si dice abbia rubare da un'azienda di abbigliamento olandese che rappresentava nella Repubblica Democratica del Congo. Nell'ultimo anno del suo incarico alla PHC, le violente tensioni tra l'azienda e gli abitanti del villaggio sono aumentate, con gli abitanti del villaggio accusati di "rubare" frutti di palma dall'azienda che sono stati arrestati, picchiati e persino uccisi dalla polizia locale e dalle guardie di sicurezza del PHC. 

Nel frattempo, l'effettiva proprietà della società è ancora oggetto di contestazione in procedimenti giudiziari a New York, Delaware, Canada e Repubblica Democratica del Congo. La parte che sembra vincere è guidata da Kuramo Capital e dai suoi investitori, che comprende le dotazioni dell'Università del Michigan, della Washington University di St. Louis, della Northwestern University e delle scuole Kamehameha, nonché della Bill & Melinda Gates Foundation e del South African Government Employees Pension Fund e della Public Investment Corporation. 

I danni devono essere affrontati

È imperativo che i governi responsabili della supervisione delle banche di sviluppo si muovano rapidamente per garantire che vengano presi provvedimenti per riparare i danni causati alle comunità dal loro investimento in PHC e Feronia. L'uscita dalle banche di sviluppo, avvenuta senza la consultazione delle comunità locali, è una violazione degli obblighi extraterritoriali che queste istituzioni e i loro governi nazionali hanno di proteggere, rispettare e realizzare i diritti umani all'estero. Questi obblighi sono chiaramente esplicitati in un nuovo rapporto dell'Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Rimedio in finanza per lo sviluppo, pubblicato il 23 febbraio 2022. Come affermato da Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani: “In parole povere: se contribuisci al danno, dovresti contribuire a rimediare”. Come primo passo, i governi coinvolti nel finanziamento di Feronia e PHC devono effettuare una valutazione d'impatto comune e completa sui diritti umani.

L'ICM potrebbe ancora fornire uno spazio potenziale per rimediare ad alcune ingiustizie, ma ciò può avvenire solo se il processo diventa più trasparente, se consente alle comunità di riprendere il controllo delle loro terre e se alle comunità vengono fornite risorse sufficienti e tutte le informazioni necessarie per partecipare alla pari. Inoltre, i governi europei e le loro banche di sviluppo hanno l'obbligo di garantire che ciò avvenga e la responsabilità di rimanere parti nel processo di mediazione dell'ICM, poiché la petizione delle comunità riguardava i loro investimenti delle banche di sviluppo in PHC e Feronia. Non c'è modo che le questioni legate alla terra in eredità possano essere affrontate adeguatamente se le comunità sono lasciate ad affrontare solo i nuovi proprietari di PHC nella mediazione. 

Le banche di sviluppo possono essere uscite dalla PHC, ma rimaniamo impegnati a lavorare con le comunità della Repubblica Democratica del Congo nella loro secolare lotta per le loro terre ea chiedere alle banche di sviluppo di rendere conto dei danni che hanno causato. Per le comunità e l'ambiente, la lotta deve e continuerà. 

Firmato da:

  • Rete Africa Europa Fede e Giustizia (AEFJN)
  • Alliance for Food Sovereignty in Africa (AFSA)
  • CCFD-Terre Solidaire – Francia
  • CIDSE
  • Confédération Paysanne du Congo (COPACO) – Repubblica Democratica del Congo
  • Corner House – Regno Unito
  • Forum degli agricoltori su piccola scala dell'Africa orientale e meridionale (ESAFF)
  • Entraide et Fraternité – Belgio
  • FIAN Belgio
  • FIAN Germania
  • FOCSIV – Italia
  • GRANE
  • Rete globale di azione legale (GLAN)
  • Green Development Advocates (GDA) – Camerun
  • Scenario verde – Sierra Leone
  • Commissione Giustizia, Pace e Sviluppo (JPDC) del Simposio delle Conferenze Episcopali dell'Africa e del Madagascar (SECAM)
  • Milieudefensie – Paesi Bassi
  • Ambiente Muyissi – Gabon
  • Oakland Institute – Stati Uniti
  • Conferenza Episcopale Regionale dell'Africa Occidentale (RECOWA)
  • Réseau des Acteurs du Développement Durable (RADD) -Camerun
  • Réseau d'information et d'appui aux ONG nationales (RIAO-RDC) – Repubblica Democratica del Congo
  • Rettet den Regenwald – Germania
  • Rete Sierra Leone sul diritto al cibo (SiLNoRF)
  • Lotta per l'economia del nostro ambiente futuro (SEFE) – Camerun
  • Synergie nationale des paysans et riverains du Cameroun (Synaparcam) – Camerun
  • urgewald – Germania
  • Welthaus Graz – Austria
  • Radio testimone – Uganda
  • Movimento World Rainforest



Foto di copertina: piantagioni di PHC a Lokutu, Credit GRAIN

Condividi questo contenuto sui social media