Proteggere la nostra casa comune dagli effetti dell'estrattivismo e dell'estrazione mineraria – CIDSE

Proteggere la nostra casa comune dagli effetti dell'estrattivismo e dell'attività mineraria

Un resoconto dell'evento “Ma lascia che la giustizia scorra come un fiume” con i rappresentanti delle aree colpite dell'America Latina

Le comunità dell'America Latina devono affrontare quotidianamente le conseguenze delle attività delle società transnazionali (TNC), tra le quali le industrie estrattive sono particolarmente dannose. L'estrazione di petrolio, i progetti di mega-dighe e le attività minerarie sottraggono alla regione le sue risorse naturali e portano alla perdita di biodiversità e diversità culturale, inquinamento ambientale e violazioni dei diritti umani.

Un ottimo esempio di questo è il caso di Brumadinho, Brasile, dove il crollo di una diga di sterili, causato da negligenza aziendale, ha provocato la morte di 272 persone nel 2019.

Per discutere questo e altri casi di territori colpiti dall'industria mineraria, una carovana latinoamericana di organizzatori di comunità e leader religiosi della rete Iglesias y Minería ha intrapreso una giro d'Europa. Il loro scopo è diffondere la consapevolezza della loro lotta contro l'estrattivismo e tenere incontri con membri del Parlamento europeo, responsabili politici, leader religiosi e alleati come CIDSE. L'arrivo della Carovana è stato legato agli attuali sviluppi politici, come la proposta della Commissione Europea per una Direttiva sulla Corporate Sustainability Due Diligence (CSDD) e i negoziati per un Trattato legalmente vincolante delle Nazioni Unite su Imprese e Diritti Umani.

Durante la tappa a Bruxelles, il 24 marzo, la delegazione ha partecipato a “Ma lascia che la giustizia scorra come un fiume”, evento co-organizzato da CIDSE, COMECE e Iglesias y Minería collegare i dibattiti politici nel campo della regolamentazione aziendale alle esperienze vissute della comunità latinoamericana e dei leader religiosi.

L'evento è stato moderato dalla Segretaria generale del CIDSE Josianne Gauthier, mentre il presidente della Comece S.Em.R. Il cardinale Hollerich ha pronunciato il discorso di apertura. Nel suo intervento, il Cardinale ha tracciato un collegamento alla proposta della Commissione Ue sulla regolamentazione aziendale, auspicando che venga rafforzata in modo significativo in termini di portata delle società coperte, facilità di accesso delle vittime alla giustizia e applicabilità degli obblighi delle imprese .

S.Em. Cardinale Hollerich e Josianne Gauthier

Il primo membro della Carovana a parlare è stato Mons. Vicente de Paula Ferreira, Vescovo Ausiliare dell'Arcidiocesi di Belo Horizonte e membro della Commissione Episcopale Speciale di Ecologia Integrale e Mineraria della Conferenza Episcopale Nazionale Brasiliana (CNBB). Mons. Vicente ha riconosciuto la resilienza della comunità in tempi di grande sofferenza e ha sottolineato la necessità di promuovere alternative all'estrattivismo a Brumadinho.

Vescovo Vicente de Paula Ferreira

FR. Juan Carlos Osorio Arenas, Direttore della Pastorale Sociale, diocesi di Caldas (Colombia), ha tracciato lo sviluppo di gruppi ambientalisti locali che difendono la regione ricca di risorse dell'Antioquia sudoccidentale dagli interessi delle corporazioni minerarie. Ha anche espresso preoccupazione per il grande squilibrio di potere tra le comunità e le multinazionali nelle loro controversie legali.

FR. Juan Carlos Osorio Arenas

Javier Martín Cerracin, responsabile della politica dei diritti umani presso il Servizio europeo per l'azione esterna, ha sottolineato che la proposta CSDD può innescare un cambiamento positivo nella cultura imprenditoriale in relazione ai diritti umani e all'ambiente. Allo stesso tempo, desiderava anche che ciò potesse portare a normative nazionali migliori al di fuori dell'UE.

Javier Martín Cerracin

Secondo Pedro Landa, membro del gruppo Iglesias y Minería di Tegucigalpa (Honduras), i paesi le cui società e banche traggono profitto dall'attività mineraria in America Latina hanno la responsabilità di regolamentare il comportamento aziendale. Iglesias y Minerìa “Disinvesti nella campagna mineraria” mira a fermare gli investimenti nel settore minerario che danneggiano le comunità latinoamericane.

Pedro Landa

Infine, Constanza del Pilar Carvajal Vargas, avvocato, membro dei collettivi Rios y Reconciliación e Territorio y Vida (Colombia), ha ricordato al pubblico che lo scorso anno la Colombia è stata il paese più letale per i difensori ambientali. Alla luce di ciò, ha sottolineato la necessità di ridurre il consumo globale di nuovi minerali.

Costanza del Pilar Carvajal Vargas

In sintesi, l'evento ha mostrato che l'estrattivismo ha effetti reali e dannosi sul terreno, che devono essere affrontati con nuove soluzioni e normative per proteggere la nostra Casa Comune. Ascoltare le voci di coloro che sono stati vittime di abusi aziendali è la chiave per costruire un mondo in cui il profitto non venga più prima dei diritti umani e dell'ambiente.


Foto: CIDSE e Iglesias y Minería

Condividi questo contenuto sui social media