Alzare la posta in gioco per le persone e il pianeta - CIDSE

Alzare la posta in gioco per le persone e il pianeta

CIDSE E I SUOI ​​MEMBRI PUBBLICANO UN BREVE POLITICO PER FORNIRE SUGGERIMENTI PRATICI PER MIGLIORARE LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA PER LA DUE DILIGENCE SULLA SOSTENIBILITÀ AZIENDALE (CSDD)


Tre anni dopo il disastro che ha rubato la vita ad almeno 272 persone a Brumadinho, Minas Gerais, Brasile, CIDSE e la Commissione delle Conferenze episcopali dell'Unione Europea ospitate una carovana dell'America Latina, compresi i sopravvissuti a quella tragedia. Nonostante la violenza e il trauma senza precedenti che ha scatenato sulle generazioni presenti e future delle comunità locali, l'azienda che è stata la principale responsabile del disastro, la VALE, è stata in gran parte lasciata sfuggire alle proprie responsabilità. Tuttavia, la responsabilità della tragedia è condivisa a livello internazionale, poiché la società di revisione tedesca che ha certificato la sicurezza della diga gestita da VALE, TÜV SÜD, è attualmente citato in giudizio in Germania dalle vittime

Il 15 gennaio 2022, il Perù ha subito uno dei disastri ambientali più significativi della sua storia. Durante un'operazione di trasporto, circa 1.65 milioni tonnellate di petrolio greggio sono state versate nelle acque nazionali lungo la costa di La Ventanilla (regione di Callao), situata a 30 km a nord di Lima e famosa per la sua biodiversità marina ospitata da due riserve protette. Il petrolio era destinato a una raffineria di proprietà della società spagnola Repsol ed era trasportato dalla petroliera italiana Mare Doricum. Non è chiaro quali saranno gli effetti a lungo termine delle fuoriuscite, ma i pescatori e le comunità locali stanno già subendo una perdita di mezzi di sussistenza e la distruzione del loro ambiente. 

Gli impatti negativi delle attività aziendali sono una realtà per le persone e le comunità di tutto il mondo. Le imprese dell'UE, inserite nelle catene del valore globali di produzione ed estrazione, hanno responsabilità significative per tali abusi.

Per anni, CIDSE, i suoi membri e alleati si sono battuti per l'introduzione di una legislazione obbligatoria in materia di diritti umani e due diligence ambientale (mHREDD) nell'Unione Europea che faciliti anche l'accesso alla giustizia per le persone colpite da abusi aziendali. Nel 2020, più di 230 vescovi cattolici si unì a gruppi della società civile e cittadini nel chiedere una legislazione obbligatoria in materia di diritti umani e due diligence ambientale.

La proposta di Corporate Sustainability Due Diligence (CSDD) della Commissione Europea (CE) rappresenta un passo importante verso azioni legislative significative per affrontare la minaccia delle attività aziendali ai diritti umani e al pianeta. Tuttavia, non attiverà cambiamenti significativi e trasformativi se non verranno affrontate le principali carenze del testo.

Insieme ai suoi membri, CIDSE invita il Parlamento europeo e gli Stati membri a migliorare sostanzialmente il testo in modo da portare l'economia europea sulla buona strada verso una vera sostenibilità e dare un esempio globale.

Il CSDD potrebbe essere un punto di svolta, o potrebbe essere l'ennesima opportunità per le aziende di trasformare la sostenibilità e l'impatto sociale in strumenti di marketing, rispettando solo a parole le richieste delle popolazioni indigene, degli esperti, degli attivisti e delle organizzazioni non governative. Spetta ora ai colegislatori essere all'altezza delle loro aspettative.


LETTURA AGGIUNTIVA
Scheda informativa CIDSE sulla proposta di direttiva europea sulla due diligence per la sostenibilità aziendale (CSDD). (Maggio 2022)


Questo documento di sintesi è disponibile in inglese. Le versioni in italiano e spagnolo saranno disponibili a breve.

Condividi questo contenuto sui social media