Dialoghi sul clima africano – Verso COP27 – CIDSE

Dialoghi sul clima africano – Verso la COP27

NUOVO! STAMPA PUBBLICATO IL 17 OTTOBRE

Un gruppo di attori della Chiesa e della società civile ha lanciato i Dialoghi sul clima africano, un processo per riflettere su temi chiave che interessano l'Africa verso il Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP27) a Sharm el-Sheikh, Egitto.

L'African Climate Dialogues è un'iniziativa che riunisce attori della Chiesa e della società civile, nonché alleati tra cui comunità e leader religiosi di tutto il continente africano e organizzazioni europee. Durante questi dialoghi, condivideremo le realtà africane, le esperienze personali e le prospettive su temi chiave relativi alla COP27 in programma dal 7 al 18 novembre 2022.

Prenderanno la forma di una serie di incontri su argomenti chiave per tutto l'agosto-settembre 2022, quando i partecipanti esperti saranno invitati a condividere le loro prospettive, discutere le priorità e proporre soluzioni. I risultati di questi dialoghi saranno condivisi prima e durante la COP27 attraverso a comunicato congiunto, che sosterrà l'advocacy in corso con una voce comune (composta da input dalle realtà climatiche sul campo, riflessioni spirituali e tecniche) diretta ai governi a livello nazionale, regionale e internazionale.

Ispirato dall'appello di papa Francesco sinodalità (viaggiando insieme nel dialogo), questi dialoghi partecipativi rifletteranno sulle realtà climatiche attraverso la lente degli insegnamenti sociali cattolici, nonché sulla scienza del clima, distillando risultati politici concreti per la COP27 a Sharm el-Sheikh. Le sessioni di dialogo saranno accessibili su invito. Non esitare a contattare i contatti chiave di seguito se sei interessato a prendere parte alla sessione.

Saranno parte dei dialoghi le seguenti sessioni:

  • False soluzioni e bacino del Congo – 19 luglio - Leggi per saperne di più, clicca qui la newsletter successiva a questa sessione.
    Vi è una crescente preoccupazione per il fatto che molte delle soluzioni climatiche proposte per e in Africa non proteggano e preservano l'integrità ambientale né promuovano la resilienza climatica come previsto, ma continuino invece a minacciare le restanti risorse naturali in Africa, in particolare il bacino del Congo. Questa sessione è incentrata sull'identificazione e sull'interrogatorio di varie forme di false soluzioni sempre più supportate che causano distrazioni nel discorso climatico globale da foreste e biodiversità, cibo e agricoltura, energia ed estrattivi e settori economici tra rappresentanti del governo, attori della Chiesa, media, e la base. Sarà data loro l'opportunità di evidenziare false soluzioni già esistenti e di fornire un'analisi critica delle loro scappatoie. Le voci della comunità saranno amplificate dedicando un'altra sessione all'ascolto delle testimonianze dal campo. In particolare, i mobilitatori di base provenienti da Congo, Mozambico, Nigeria e Sud Africa avranno l'opportunità di condividere le loro storie su come sono stati colpiti dalle false soluzioni già identificate nella prima sessione.
    Contatto chiave: Caroline Kiiru – Movimento Laudato Si' (caroline(at)laudatosimovement.org).
  • Sistemi alimentari, agricoltura e adattamento – 10 agosto- Leggi per saperne di più, clicca qui la newsletter successiva a questa sessione.
    L'agricoltura è un attore fondamentale nel sistema climatico. Gli esperti hanno scoperto che contribuisce per il 19-29% alle emissioni totali di gas serra. Questa non è l'unica preoccupazione; l'agricoltura è vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici. Attualmente, milioni di persone nel Sahel, nel Corno e nell'Africa orientale sono colpite da una grave insicurezza alimentare a causa di piogge inaffidabili. Inoltre, l'attuale sistema alimentare è ulteriormente minacciato a seguito degli impatti della guerra in Ucraina che hanno messo in luce la profonda vulnerabilità dei paesi a basso reddito attraverso interruzioni della catena di approvvigionamento e picchi dei prezzi alimentari. Con l'aumento della popolazione mondiale, la domanda di cibo aumenta. Le esperienze degli attori locali in Africa mostrano che la sovranità alimentare attraverso la promozione dell'agroecologia offre soluzioni alla crisi climatica e può aiutare a trasformare i sistemi alimentari per far fronte ai cambiamenti climatici. Poiché la COP27 riguarderà la finanza e l'attuazione, è fondamentale dimostrare perché l'agroecologia dovrebbe essere inclusa come approccio ai sistemi alimentari nei contributi determinati a livello nazionale pur essendo sostenuta dai finanziamenti per il clima. Questo evento virtuale fornirà una piattaforma per discutere del contesto africano e delle possibili soluzioni locali che possono essere ampliate per affrontare l'attuale crisi climatica. Gli organizzatori dell'evento riconoscono l'importanza di localizzare l'azione per il clima garantendo che le voci dei piccoli agricoltori siano ascoltate. I partecipanti discuteranno soluzioni locali trasformative che migliorano l'adattamento ai cambiamenti climatici nel rispetto del clima, della biodiversità e dei diritti umani.
    Contatto chiave: Lucy Esipila – Caritas Africa (lucy.esipila(at)caritas-africa.org)

  • Finanza per il clima – 31 agosto – Leggi per saperne di più, clicca qui la newsletter successiva a questa sessione.
    Gli attuali impegni di finanziamento del clima non si avvicinano al soddisfacimento del fabbisogno stimato, la mobilitazione dei fondi è molto indietro rispetto agli impegni assunti, i fondi mobilitati spesso si presentano in forme inadeguate (prestiti agevolati o non agevolati anziché sovvenzioni) e meno della metà dei finanziamenti stanziati viene effettivamente erogato. Inoltre, c'è una forte necessità di finanziamenti per il clima per molti paesi in via di sviluppo per soddisfare le loro azioni di mitigazione e adattamento, in particolare in Africa, ma i finanziamenti disponibili non stanno raggiungendo i paesi e le comunità più vulnerabili dove è più necessario. Per un'azione per il clima efficace e giusta, i finanziamenti per il clima devono essere compresi nel più ampio contesto finanziario africano. C'è una forte necessità di finanziamenti per il clima per i paesi in via di sviluppo per raggiungere i loro obiettivi di mitigazione e adattamento, in particolare in Africa, ma i finanziamenti disponibili non stanno raggiungendo i paesi e le comunità più vulnerabili dove è più necessario. Gli attuali impegni di finanziamento del clima non si avvicinano al soddisfacimento del fabbisogno stimato, la mobilitazione dei fondi è molto indietro rispetto agli impegni assunti, i fondi mobilitati spesso si presentano in forme inadeguate (prestiti agevolati o non agevolati anziché sovvenzioni) e meno della metà dei finanziamenti stanziati viene effettivamente erogato. Lo scopo di questa sessione è esplorare l'importanza dei finanziamenti per il clima per l'Africa, evidenziando la necessità di raggiungere gli obiettivi esistenti, il ruolo del debito e l'accesso ai finanziamenti.
    Contatto chiave: Bryan Galligan – JENA ( jeoresearchpolicy(at)jesuits.africa)

  • Perdite e danni – 8 settembre – Leggi per saperne di più, clicca qui la newsletter successiva a questa sessione.
    La questione di Loss & Damage ha ricevuto un colpo al braccio alla COP26 di Glasgow. Non più solo una priorità dei paesi più colpiti, Loss & Damage sta ora attirando l'attenzione degli attori climatici di tutto il mondo. Per molti sostenitori dell'azione su questo tema, questo spostamento dell'attenzione verso Loss & Damage è un gradito riorientamento dell'attenzione all'interno dell'UNFCCC per vedere la crisi climatica attraverso la lente delle persone che ne stanno già subendo gli impatti. Questo evento esplorerà il concetto di perdita e danno in modo accessibile, a beneficio di decisori politici, attivisti, professionisti e cittadini di tutto il mondo, riflettendo su cosa significa dal punto di vista delle comunità già colpite dagli impatti climatici attraverso il lente dell'Insegnamento Sociale Cattolico e offrendo una piattaforma per l'espressione di una visione chiara di ciò che deve accadere alla COP27 su questo tema.
    Contatto chiave: Ben Wilson – SCIAF (bwilson@sciaf.org.uk)
    Lettura di base: Rispondere ai segni dei tempi: una riflessione teologica su perdita e danno

  • Migrazione e sfollamento indotti dal clima – 15 settembre – Leggi per saperne di più, clicca qui la newsletter successiva a questa sessione.
    Questa sessione dei Dialoghi sul clima africano mira a discutere tra le ONG e le organizzazioni religiose di Africa, Europa e altre regioni come affrontare le cause profonde degli sfollamenti ambientali e indotti dai cambiamenti climatici, dell'adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici e della protezione dei diritti umani delle persone sfollati con la forza dalle loro case, anche attraverso meccanismi di perdita e danno.
    La sessione mira a elaborare messaggi chiave di advocacy per l'imminente COP27 in Egitto, evidenziando quali decisioni e azioni coraggiose gli Stati parti dell'UNFCCC dovrebbero intraprendere per affrontare le cause profonde e gli impatti dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale sia sulle persone che sul pianeta, in particolare sui più poveri e vulnerabili, come donne e ragazze, bambini e giovani, persone con disabilità, comunità locali e indigeni. Ciò porterà a collegare l'approccio ambientale alle questioni sociali concentrandosi in particolare sulle voci del futuro. Si concentrerà anche sul ruolo speciale delle persone di fede nel realizzare una COP27 di successo e nel mettere il pianeta sulla strada della resilienza.
    Contatto chiave: Alphonce Munyao – CYNESA (alphoncemunyao94(at)gmail.com)

Per domande generali sui dialoghi, contattare: Lydia Machaka, responsabile per la giustizia climatica e l'energia, CIDSE (machaka(at)cidse.org)


Questo progetto è co-fondato dall'Unione Europea. I suoi contenuti sono di esclusiva responsabilità degli organizzatori e non possono in alcun modo essere interpretati come un riflesso del punto di vista dell'Unione Europea. 

Credito fotografico: CYNESA.

Condividi questo contenuto sui social media