L'impegno del CIDSE nella 8a sessione del Trattato vincolante delle Nazioni Unite - CIDSE

L'impegno del CIDSE nella 8a sessione del Trattato vincolante delle Nazioni Unite

28 ottobre: ​​“Trattato sulle imprese e sui diritti umani: ripulire il pasticcio! "
Comunicato stampa finale CIDSE (Italiano)

Come parte del suo impegno a difendere i diritti umani al di sopra degli interessi aziendali, CIDSE sta seguendo da vicino i negoziati per un Trattato vincolante sulle società transnazionali e altre imprese. Il gruppo di lavoro intergovernativo a tempo indeterminato sulle società transnazionali e altre imprese nel rispetto dei diritti umani (OEIGWG), entra quest'anno nel suo 8a sessione a Ginevra dal 24 al 28 ottobre 2022. Una delegazione del CIDSE con organizzazioni partner sarà presente per fare pressioni su delegazioni ufficiali e unirsi a iniziative di alleati come Franciscans International e il Movimento dell'Alleanza del Trattato.

Qual è lo stato del processo del trattato?
La Missione permanente dell'Ecuador, a nome della Presidenza dell'OEIGWG, ha rilasciato nell'agosto 2021 il Terza bozza rivista di uno strumento giuridicamente vincolante per regolamentare le attività di cooperazione transnazionale e altre imprese commerciali. Nella relazione adottata al termine della 7a sessione, il presidente si è impegnato a portare avanti il ​​processo insieme a un gruppo di amici del presidente, Stati amici che lavorano insieme per raggiungere un testo di compromesso.
Tuttavia, il gruppo Friends of the Chair non si è formato fino a dopo l'estate. Composto da Francia, Portogallo, Azerbaigian, Indonesia e Uruguay, manca ancora un membro africano.
La Presidenza ha diffuso l'an progetto di compromesso informale su articoli selezionati solo alla fine di settembre di quest'anno, discostandosi radicalmente dai testi precedenti che non è il risultato del lavoro degli Amici della Cattedra. L'Alleanza del Trattato e altri gruppi della società civile chiedono agli Stati di impegnarsi sulla base del terzo progetto riveduto, compresi gli emendamenti ad esso proposto dagli Stati e la società civile durante l'ultima sessione.

La posizione di CIDSE
Il CIDSE ei suoi membri ritengono che la terza bozza rivista sia il prodotto di un impegno attivo e di negoziati da parte degli Stati e dovrebbe essere ancora il punto di partenza principale per loro durante i negoziati. Anche quest'anno, il CIDSE avanzerà a favore di un Trattato che avanzi le disposizioni che consentono ai titolari dei diritti interessati di accedere a rimedi e giustizia e di proteggere le comunità indigene, i diritti umani e i difensori dell'ambiente.

Leggi:
– CIDSE contributo per quanto riguarda i negoziati dello scorso anno con proposte testuali concrete per migliorare la 3a bozza rivista
- A analisi legale della terza bozza rivista del Dr. Prof Markus Krajewski, pubblicata da CIDSE

Il ruolo dell'UE
Insieme ai nostri membri e alleati, abbiamo sostenuto il coinvolgimento attivo nei negoziati dell'UE e dei suoi Stati membri. Negli ultimi anni, l'UE ha svolto il ruolo di spettatore, priva di un mandato ufficiale per negoziare. 
Con la proposta legislativa per una legge interna sui diritti umani delle imprese e la due diligence ambientale, è chiaro che ora c'è un forte motivo per l'UE di negoziare in blocco. Ma alcune delle questioni cruciali trattate nel Trattato riguardano le competenze degli Stati membri, il che significa che i governi nazionali non possono nascondersi dietro la Commissione e devono anche lavorare per migliorare il testo.
Il caso è chiaramente evidenziato da uno studio condotto da quattro esperti accademici pubblicato dal CIDSE e da altre sei organizzazioni della società civile.

Leggi:
- L' studio sulla complementarietà tra la Direttiva UE sul dovere di diligenza per la sostenibilità aziendale e uno strumento giuridicamente vincolante delle Nazioni Unite (LBI), e il take-away principali dalla società civile
– Articolo: Perché l'UE non è più coinvolta nei negoziati sul Trattato vincolante? Di Giuseppe Cioffo (CIDSE) e Jill McArdle (Friends of the Earth Europe)
-  Soluzioni globali a problemi globali: perché la legislazione dell'UE e uno strumento delle Nazioni Unite sulla responsabilità delle imprese devono essere complementari?”. Un briefing politico di CIDSE, ECCJ, ECCHR, FIDH e Friends of the Earth-Europe

Delega CIDSE
Quest'anno la nostra delegazione sarà composta da personale di segreteria con le seguenti organizzazioni membri: CAFOD, CCFD-Terre Solidaire, Fastenaktion, KOO/DKA, Misereor e Trócaire e partner provenienti da Brasile, Colombia e Africa. CIDSE parteciperà come membro della Treaty Alliance, una coalizione globale di società civile, movimenti sociali e ONG che lavorano per un Trattato sulle società transnazionali.

Dichiarazioni CIDSE:
-Dichiarazione orale generale, 24 ottobre
-Dichiarazione orale del CIDSE sull'articolo 6, 25 ottobre
-Dichiarazione orale del CIDSE sull'articolo 8, 25 ottobre
-Dichiarazione orale del CIDSE sull'articolo 10, 26 ottobre
-Dichiarazione orale CIDSE sul preambolo, 26 ottobre
-Dichiarazione orale del CIDSE sull'articolo 14, 27 ottobre
-Dichiarazione orale del CIDSE sull'articolo 15, 27 ottobre

Altre dichiarazioni:
-Dichiarazione FIAN International a nome dell'Alleanza del Trattato, La campagna globale per rivendicare la sovranità dei popoli, smantellare il potere aziendale e porre fine all'impunità; La rete ESCR; le Femministe per il Trattato Vincolante e i Giovani Amici del Trattato (YouFT) (Sono disponibili versioni in inglese e spagnolo), 24 ottobre
-Dichiarazione di RECOWA (Riunione delle Conferenze Episcopali dell'Africa Occidentale) di don Vincent de Paul, 24 ottobre

Attività del CIDSE, dei suoi membri, alleati e partner
Lunedì 17 ottobre: Evento collaterale DKA/KOO – Evento collaterale virtuale sull'approccio sui diritti dell'infanzia al progetto di strumento giuridicamente vincolante su imprese e diritti umani, 13-14.30:XNUMX.

Lunedì 24 ottobre: L'illusione dell'abbondanza – La difesa dei territori dell'America Latina dall'estrattivismo predatorio, 1:30– 2.45:XNUMX CEST, Palais des Nations, Sala XXVII.


Martedì 25 ottobre: Proiezione pubblica del documentario L'illusione dell'abbondanza a Ginevra al Cinemas du Grütli, 19.00-21.00. Registrati per saperne di più, clicca qui.


Martedì 25 ottobre: Evento collaterale di Franciscans International – Verso la giustizia ambientale: il ruolo dello strumento giuridicamente vincolante per la responsabilità delle imprese nella lotta alla triplice crisi planetaria, 6.45:8.00-XNUMX:XNUMX.

Risorse aggiuntive:

Risorse video:
-Caso Repsol: la peggiore fuoriuscita di petrolio al largo delle coste del Perù

Ulteriori informazioni sul caso Repsol per saperne di più, clicca qui e leggi l'articolo "Repsol: ¡Carico Hazte!": Il Perù sta vivendo uno dei peggiori casi di fuoriuscita di petrolio nella sua storia.

-Caso SIAT: Violazioni dei diritti fondiari comunitari nell'Africa occidentale dal punto di vista delle donne

Leggi l' colloquio con Rita Uwaka e Gladys Omorefe Osaghae sulle violazioni dei diritti delle comunità in Africa occidentale da parte della società sussidiaria della SIAT, Presco Plc.

-Caso Espinar, miniere tossiche, Perù

Video “Espinar non può aspettare”:  

Registrazione dell'evento il 22 giugno 2022, Parlamento europeo, “ Difendere l'ambiente dagli abusi aziendali” :


Contatti CIDSE a Ginevra:  
Giuseppe Cioffo: Cioffo(at)cidse.org   
Elise Kervyn: Kervyn(at)cidse.org    

Condividi questo contenuto sui social media