Comunicato stampa COP27: un barlume di speranza nel peggioramento dei tempi climatici - CIDSE

Comunicato stampa COP27: un barlume di speranza nel peggioramento dei tempi climatici 


In questo anno cruciale, la 27a conferenza sul clima della Conferenza delle parti (COP27) ha rappresentato un'opportunità storica per aumentare l'ambizione climatica, dare il via all'azione per il clima e ripristinare la speranza di metterci sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di temperatura di 1.5°C al di sopra del pre- livelli industriali. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha avvertito che “siamo su un'autostrada per l'inferno climatico con il piede ancora sull'acceleratore“. Se i governi continuano a spianare la strada a un futuro con buone intenzioni e dichiarazioni ambiziose, ampliando al contempo il divario con l'attuazione e il follow-up necessari, ci rinchiuderanno davvero sui percorsi verso il disastro. Sono necessari atti ambiziosi se miriamo a rimanere al di sotto di un aumento della temperatura di 1.5°C. Vista la profondità dei danni ci ha già provocato un aumento di 1.1°C; questo è più urgente che mai.  

Sono passati 30 anni dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e quasi un decennio dall'adozione dell'accordo di Parigi, ma le parti non hanno ancora rispettato gli impegni richiesti per evitare il perdurare dei pericolosi effetti del cambiamento climatico. Alcuni progressi sono stati comunque compiuti in questa COP: dopo 30 anni di lavoro, la decisione di quest'anno di creare il Fondo Sinistri e Danni è un vero passo avanti. Questo è un primo passo molto importante per riconoscere differenze storicamente ingiuste tra coloro che hanno causato la crisi climatica e coloro che ne hanno pagato le conseguenze. “Sfortunatamente, questo faro di speranza rischia di essere l'albero che nasconde la foresta come questo COP, che doveva essere un "COP di attuazione" non ha fornito un'azione significativa e il livello richiesto di ambizione e urgenza.” ha affermato Lydia Machaka, responsabile per la giustizia climatica e l'energia del CIDSE. Quest'anno, nonostante i colloqui che si sono svolti in un'era di perdite e danni, un periodo di crisi alimentari, energetiche e sanitarie aggravate che sono direttamente collegate alla crisi climatica, i leader sembravano incapaci di colmare questo divario critico. Non solo le parti non sono riuscite a realizzare l'eliminazione graduale dei combustibili fossili, ma hanno anche perso credibilità facendo pochissimi progressi nell'attuazione dell'accordo di Parigi, di cui abbiamo urgentemente bisogno se vogliamo prenderci cura di tutto il creato e del nostro casa comune. Un fondo per perdite e danni senza l'impegno a mitigare e eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili non è sufficiente.  

Sebbene la COP27 abbia adottato un programma di lavoro di mitigazione pluriennale, questo è il minimo necessario per mantenere vivo l'obiettivo di 1.5°C. Ora dipende dai paesi che traducono i loro impegni in azioni per il clima reali e attuate. Affinché ciò accada, i paesi ricchi devono aumentare i loro finanziamenti per il clima, mantenendo le loro promesse finanziarie poiché ciò ha un impatto diretto sulla sopravvivenza di molti che vivono nella maggior parte dei paesi vulnerabili dal punto di vista climatico. “Le voci africane della chiesa e della società civile hanno costantemente chiesto giustizia climatica, in particolare negli African Climate Dialogues comunicato'. Ma a questa COP, la speranza della Chiesa cattolica in Africa, che le nazioni ricche assumessero un ruolo guida nell'aumentare l'ambizione e l'azione per il clima, purtroppo non è stata soddisfatta. È ora di alzarsi e agire con coraggio e solidarietà gli uni con gli altri, come un'unica famiglia umana attraverso i continenti, e dimostrando questo attraverso misure concrete.", ha affermato Josianne Gauthier, segretario generale del CIDSE.  

Nel complesso, per CIDSE il viaggio collettivo verso il raggiungimento dell'obiettivo di temperatura di 1.5°C ai sensi dell'Accordo di Parigi per mantenere in vita gli ecosistemi e le persone rimane una battaglia in salita poiché ci stiamo dirigendo verso un aumento di 2.7°C. La lotta diventa sempre più critica perché abbiamo ancora molta strada da fare e il tempo non è a nostro favore. Nel complesso, i risultati della decisione della COP27 sono ancora tutt'altro che sufficientemente audaci e trasformativi, anche quando riconosciamo un buon passo nella giusta direzione per quanto riguarda perdite e danni. Dobbiamo anche sottolineare che la perdita e il danno non è un atto di beneficenza, è una pura e semplice questione di giustizia. Noi, come CIDSE, insieme ai nostri membri, partner e alleati della società civile e della Chiesa, facciamo parte della comunità più ampia che continuerà a lotta per la giustizia climatica dentro e fuori la COP 27 e in ogni spazio dove possiamo essere ascoltati. Molto di più può e deve ancora essere fatto. 

Elenco delle citazioni dei membri CIDSE: 

“Questo è un momento fondamentale che è stato raggiunto dopo anni di richieste da parte delle comunità colpite che hanno subito gli impatti dannosi della crisi climatica e l'ingiustizia di essere stati spinti a indebitarsi per pagare una crisi non provocata da loro. Finalmente, dopo anni di ritardo, stiamo assistendo a un certo impegno da parte dei paesi più ricchi a pagare il nostro debito ecologico”. Siobhan Curran, Trocaire 

“La COP27 ha raggiunto un accordo storico nella creazione di un fondo per Loss & Damage – pagamento per gli impatti climatici spesso subiti dalle comunità meno responsabili di questa crisi. Questo sarebbe stato impensabile solo pochi mesi fa, e finalmente realizza quanto proposto per la prima volta dai piccoli stati insulari 30 anni fa. Il successo su questo tema è dovuto al duro lavoro e all'unità dei negoziatori del sud globale e della società civile di tutto il mondo. Ovviamente, il lavoro ora deve essere svolto per garantire che il fondo sia efficace e possa fornire risultati per le comunità. Quel lavoro andrà avanti. Ma oggi possiamo celebrare una vittoria importante per la giustizia climatica”. Ben Wilson, SCIAF 

“L'adozione di un programma di lavoro pluriennale sulla mitigazione era un obiettivo minimo di questa conferenza per mantenere vivo l'obiettivo di 1.5 gradi. Ora è importante aumentare anche i finanziamenti per la riduzione delle emissioni nei paesi in via di sviluppo, altrimenti gli obiettivi non possono essere raggiunti”. David Knecht, Fastenaktion 

“Senza una forte leadership da parte della presidenza della COP, sostenuta da interessi sui combustibili fossili e paesi che traggono profitto dal petrolio, non si sarebbe potuto ottenere altro che mantenere in vita il Patto di Glasgow e i suoi obiettivi. Potrebbe presentare un enorme rischio in quanto potrebbero lottare per i propri profitti piuttosto che per l'umanità e la creazione ". Anika Schroeder, MISEREOR. 

Per ottenere cambiamenti trasformativi e giustizia climatica in linea con il principio di equità e “responsabilità comuni ma differenziate e rispettive capacitàIl CIDSE si aspettava progressi e azioni reali su questioni politiche chiave come perdite e danni, mitigazione, finanziamenti per il clima, nonché clima, agricoltura e sistemi alimentari. Di seguito sono riportati alcuni punti chiave che sono stati analizzati nella decisione finale: 

Su perdite e danni  

  • Per la prima volta viene presa in considerazione una nuova proposta relativa agli accordi di finanziamento in risposta alle perdite e ai danni associati agli impatti negativi dei cambiamenti climatici. Le parti hanno inoltre convenuto di stabilire le disposizioni istituzionali della rete di Santiago in modo che possa essere pienamente operativa per prevenire, ridurre al minimo e affrontare le perdite e i danni associati agli impatti negativi dei cambiamenti climatici, anche sostenendone il ruolo per facilitare il supporto tecnico per gli approcci pertinenti a locale, nazionale e regionale nei paesi in via di sviluppo, specialmente quelli più vulnerabili. 
  • Tuttavia, a questo risultato manca l'intenzione delle parti di fornire un sostegno finanziario nuovo e aggiuntivo e l'urgenza di renderlo operativo. Includere gli impatti di Loss & Damage nelle valutazioni globali dell'inventario e la sua incorporazione nel New Collective Quantified Goal (NCQG) sarebbe stata una mossa coraggiosa per accelerare l'azione per il clima e per comprendere meglio i nostri progressi collettivi verso il raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi.  

Sulla mitigazione  

  • Le parti hanno convenuto di accelerare i loro sforzi verso la graduale riduzione dell'energia a carbone senza sosta e l'eliminazione graduale dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili per ottenere sistemi energetici a basse emissioni, fornendo al contempo un'assistenza mirata ai più poveri e ai più vulnerabili in base alle circostanze nazionali e al necessario per il sostegno verso un solo transizione. Ciò include un rapido aumento della diffusione di misure di generazione di energia pulita e di efficienza energetica. Il programma di lavoro sulla mitigazione che mira ad aumentare urgentemente l'ambizione e l'attuazione della mitigazione è stato adottato e contribuirà alla COP su base annuale almeno fino al 2026. Le parti che non hanno ancora comunicato l'NDCS nuovo e aggiornato dovrebbero farlo il prima possibile in vista della prossima COP. Coloro che non hanno ancora rafforzato i propri obiettivi per il 2030 nei propri NDC per allinearsi all'obiettivo di temperatura dell'AP devono farlo entro la fine del 2023 in base alle diverse circostanze nazionali. 
  •  L'obiettivo di accelerare gli sforzi verso la riduzione graduale dell'energia a carbone senza sosta e l'eliminazione graduale dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili per ottenere sistemi energetici a basse emissioni è una ripetizione dei risultati della COP26. Questo non è abbastanza ambizioso e crea l'opportunità per le parti di continuare a emettere e investire in più combustibili fossili in quanto non mira a eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili entro un periodo specificato. Tuttavia, non stabilisce nemmeno una tempistica e un meccanismo di supervisione per l'eliminazione graduale dei combustibili fossili e dei sussidi ai combustibili fossili, né offre un processo di responsabilità degli impegni settoriali delle Parti. 

Sulla finanza per il clima  

  • Le parti sono preoccupate per il mancato raggiungimento da parte dei paesi sviluppati dell'obiettivo di 100 miliardi di dollari all'anno entro il 2020 e sono state sottolineate le sfide affrontate da molti paesi in via di sviluppo nell'accesso ai finanziamenti per il clima È stata presa la decisione di adottare un nuovo obiettivo quantificato sui finanziamenti per il clima e le parti sono state incoraggiate sforzi per semplificare l'accesso ai meccanismi finanziari operativi. Inoltre, gli azionisti delle banche multilaterali di sviluppo e delle istituzioni finanziarie internazionali sono stati chiamati a riformare le loro pratiche e priorità per allineare e aumentare i finanziamenti, compreso l'utilizzo di un'ampia varietà di strumenti, dalle sovvenzioni alle garanzie e agli strumenti diversi dal debito. Le parti dei paesi sviluppati sono state invitate a fornire risorse per la seconda ricostituzione del Fondo verde per il clima, mostrando anche progressi nel tempo a seconda della capacità di programmazione del Fondo. 
  • I paesi sviluppati hanno avuto l'opportunità di rispondere alle grida di coloro che subiscono gli impatti irreparabili del cambiamento climatico, ma alla COP27 non sono riusciti a concordare un obiettivo chiaro di 100 miliardi di dollari all'anno, compresi gli investimenti previsti nel periodo 2020-2025. Inoltre, non sono riusciti a impegnare una quantità sostanziale di nuovi flussi globali di finanziamenti per il clima che rimangono piccoli rispetto alle loro esigenze complessive. Inoltre, la tabella di marcia tanto necessaria per i paesi sviluppati per adempiere al loro impegno da Glasgow, per raddoppiare l'Adaptation Finance fino al 2025, non è stata stabilita.   

Su clima, agricoltura e sistemi alimentari  

  • Nell'ambito del lavoro congiunto sono stati istituiti un lavoro congiunto quadriennale di Sharm el-Sheikh sull'attuazione dell'azione per il clima in materia di agricoltura e sicurezza alimentare e un portale online.  
  • Sfortunatamente, non è stato riconosciuto e sostenuto l'agroecologia come quadro appropriato per adattarsi ai cambiamenti climatici e trasformare il sistema alimentare verso uno più sostenibile, giusto e resiliente; e non sono stati offerti dettagli per garantire che le risorse siano orientate a sostenere i piccoli agricoltori, compresi gli agricoltori di sussistenza e le popolazioni indigene, e a fornire servizi di divulgazione, formazione, ricerca e sviluppo basati su metodi agroecologici. 

Note agli editori:  

  1. Breve politica CIDSE COP27 per saperne di più, clicca qui
  1. La decisione della COP27 pubblicata oggi è disponibile per saperne di più, clicca qui
  1. È possibile trovare un riepilogo delle attività di CIDSE alla COP27 per saperne di più, clicca qui.  
Condividi questo contenuto sui social media