Dove i femminismi indigeni e le sovranità alimentari si incontrano - CIDSE

Dove i femminismi indigeni e le sovranità alimentari si incontrano

In collaborazione con AgroecologiaOra alla Centro per l'agroecologia, l'acqua e la resilienza (CAWR) dell'Università di Coventry (Regno Unito), stiamo lanciando un nuovo episodio della nostra mini-serie di podcast 'Un viaggio attraverso l'agroecologia femminista'.

Nell' prima puntata, abbiamo esplorato la questione di come sarebbero i sistemi alimentari se fossero basati su valori femministi. In questo secondo episodio, continuiamo il nostro viaggio, esplorando sovranità alimentare e femminismi indigeni nel contesto del Nord America. Siamo guidati da Jessica Milgroom (AgroecologyNow) e dalla sua collega Csilla Kiss che hanno intervistato tre straordinarie donne native americane.  

Ascolta il secondo episodio:

In primo luogo, Lisa Ironnube ci racconta l'arte di macellare il bufalo, il suo personale viaggio di riconnessione con i cibi indigeni e come questo l'ha portata a iniziare a sostenere altre persone, soprattutto donne, in processi simili.

"Volevo saperne di più sui nostri cibi (tradizionali), non capendo in quel momento, che mi sarei trovata anch'io in quel processo (...) capire cosa significava essere Lakota, capire cosa significava essere una femmina (... ) Ho iniziato a mettere in discussione molti ruoli e cosa dicono che dovrebbe essere una donna.(…)”

"Ci siamo davvero disconnessi dai nostri cibi (...) Il nostro cibo è il nostro ombelico perché le cose iniziano ad avere un senso ogni volta che ci rientriamo e lo viviamo"

Priscilla Divano poi ci fornisce approfondimenti sull'eredità storica dietro la discriminazione e la violenza intersezionale e coloniale contro il cibo e le donne. La distruzione dei sistemi alimentari indigeni e delle donne indigene furono due potenti armi usate dai coloni per conquistare il continente.

“I colonizzatori hanno capito la forza delle donne e quindi sono entrati di proposito per indebolirla. (…) Distruggere la famiglia, disgregare le comunità e brutalizzare le donne indigene. Questa è un'eredità davvero potente che stiamo ancora decostruendo ".

Infine, Simone Senogles ci parla di come il femminismo indigeno sia intrecciato con il cibo, la terra, la spiritualità e la salute e della complessità del femminismo nel movimento per la sovranità alimentare indigena

“Nei femminismi indigeni c'è un'alta priorità sulla responsabilità più che sui diritti. Qual è la nostra responsabilità verso noi stessi, gli uni verso gli altri, verso la madre terra e le generazioni future e persino i nostri antenati. (…) Sappiamo che perché esista la sovranità alimentare, devono esserci rapporti intatti di rispetto, reciprocità, responsabilità. Quindi, si adatta molto bene a una visione del mondo indigena e ai femminismi indigeni (...) Tutti coloro che conoscono la sovranità alimentare, l'agroecologia sanno che non può funzionare se non ci sono relazioni sane, rispettose ed eque.

Le storie di queste tre donne straordinarie ci permettono di capire meglio come i ricordi del cibo indigeno siano intrecciati con esperienze di violenza sistemica contro le donne, così come le persone che si identificano come non binarie e bispiritiche.

Maggiori informazioni sugli intervistati

Lisa Iron Cloud (Dakota del Sud, USA) è Oglala Lakota che vive nel South Dakota, USA. Sta insegnando alle donne e alle ragazze indigene come macellare i bufali secondo la tradizione e come procurarsi, conservare e cucinare con cibi indigeni. Condivide le sue conoscenze e abilità per aiutare a guarire le profonde fratture create dal colonialismo all'interno delle comunità indigene e per rivendicare il posto delle donne indigene nella società.

Dr. Priscilla Divano (Casa Cumberland, Canada) è un'attivista delle Prime Nazioni (Swampy Cree) per i diritti degli indigeni, dei diritti delle donne e dei diritti ambientali che vive in Canada. È professoressa emerita di studi indigeni e vicepreside ad interim indigeno presso il College of Arts and Science dell'Università di Saskatchewan, in Canada. I suoi interessi di ricerca includono i sistemi di conoscenza indigeni, la protezione della biodiversità, il cibo e la politica indigeni, l'impatto della globalizzazione sui popoli indigeni, i diritti delle donne indigene, la sovranità alimentare indigena e il traffico di donne e bambini.

Simone Senogles (Minnesota settentrionale, USA) è Anishinaabe della Red Lake Nation nel nord del Minnesota, USA. È membro del gruppo dirigente dell'Indigenous Environmental Network (IEN) dove ha lavorato per oltre 20 anni. Il suo lavoro si concentra sulla leadership delle donne indigene e sull'importanza di elevare il loro lavoro e il loro potere. Ha fatto parte del comitato di convocazione per una serie di webinar sui femminismi indigeni. IEN è un'organizzazione di giustizia ambientale guidata e gestita dagli indigeni che lavora con le comunità e le nazioni indigene negli Stati Uniti e in Canada. IEN lavora su giustizia climatica, comunità sostenibili, una giusta transizione dall'economia dei combustibili fossili e altro ancora.

Nella puntata ci sono anche i Oshkii Gizhik cantanti. Sono un gruppo comunitario di cantanti donne native americane del Minnesota. Reclamano le canzoni degli Ojibwe e ne scrivono alcune proprie per i tempi di oggi. Cantano per costruire una comunità e consentire alle donne di usare la propria voce e aumentare la consapevolezza sui problemi che le donne native devono affrontare. I cantanti dell'episodio sono: Lyz Jaakola, Rebecca Gawboy, Darcey St. John.  

Il podcast è disponibile anche su Spotify e altri importanti ascolti piattaforme.  

Illustrazioni di: Virginia Pineda Ogalla.

Un ringraziamento speciale a: Lisa Ironcloud, Priscilla Settee, Simone Senogles, i cantanti Oshkii Giizhik, AgroecologyNow e BulleMedia.

Crediti fotografici: David Stobbe e Nedahness Greene.

Questa serie di podcast è stata cofinanziata dalla Commissione Europea. I suoi contenuti sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dell'Unione Europea. 

Condividi questo contenuto sui social media