Organizzazioni cattoliche della società civile Comunicato stampa: direttiva Corporate Sustainability Due Diligence – CIDSE

Organizzazioni della società civile cattolica Comunicato stampa: Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence


Le organizzazioni cattoliche della società civile accolgono con favore l'adozione da parte del Parlamento europeo della Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence.


Caritas Europa, CIDSE, COMECE, il Centro Sociale Europeo dei Gesuiti, Giustizia e Pace Europa ed il Movimento Laudato Si' – formando collettivamente il Alleanza Europea Laudato Si' - e Pax Christi International – accolgono con favore l'adozione da parte del Parlamento europeo della direttiva sul dovere di diligenza sulla sostenibilità delle imprese e restano fiduciosi che il testo proposto venga sostenuto e rafforzato nel corso del dialogo interistituzionale che dovrebbe iniziare la prossima settimana.

“Penso alle difficoltà che oggi, in diversi Paesi, affliggono il mondo del lavoro e delle imprese; Penso a quanti, e non solo giovani, sono disoccupati, molte volte a causa di una concezione puramente economica della società, che cerca il profitto egoistico, al di là dei parametri della giustizia sociale».

Papa Francesco


Siamo particolarmente lieti di constatare che con questo testo sono stati affermati principi importanti: l'estensione del dovere di diligenza degli amministratori d'impresa ai diritti umani, ai cambiamenti climatici e alle conseguenze ambientali, eventualmente responsabilizzandoli degli esiti derivanti dalle loro decisioni in materia di sostenibilità ; e un primo significativo passo per garantire l'accesso alla giustizia alle numerose vittime dell'avidità che troppo spesso caratterizza le pratiche commerciali, soprattutto nel Sud del mondo.

Il dovere di diligenza degli amministratori di società è un elemento chiave di una cultura della cura che sosteniamo e che deve essere estesa a tutta la catena del valore. Le aziende devono mantenere una bussola morale e i loro direttori aziendali devono sostenere gli standard più elevati dando l'esempio.

Ciò che si apprezza è che questo testo dia un segnale forte che le Istituzioni europee sono pronte ad allontanarsi da un modello economico basato unicamente sulla ricerca del profitto a scapito dell'intero Creato.

Inoltre, ci auguriamo che tutte le parti coinvolte nel trilogo continuino i negoziati in buona fede e nel migliore interesse dei più vulnerabili ed esclusi.

Li esortiamo ad affrontare la questione dell'inversione dell'onere della prova per le vittime di abusi aziendali, attribuendo l'onere alle società. Chiediamo a tutte le parti di sostenere la dignità umana, lo sviluppo umano integrale, la pace olistica e applicare un approccio ecologico integrale che possa consentire a tutti gli esseri viventi e all'ambiente di prosperare entro i confini del pianeta.

Riconosciamo inoltre che questo testo è un primo passo verso la garanzia di un lavoro dignitoso per tutti, promuovendo condizioni di lavoro sicure e un lavoro che non causi danni all'ambiente.

Infine, le migliori pratiche aziendali dovrebbero abbracciare la partecipazione delle parti interessate e mettere in atto misure per garantire che tutte le voci siano ascoltate, comprese le preoccupazioni delle comunità locali. Come ha detto Papa Francesco, “[…] Viviamo in un mondo così interconnesso che, alla fine, le azioni di ciascuno riguardano tutti […]”.

FINE


CONTATTO MEDIA CIDSES
Giorgio Gotra, Responsabile della comunicazione, CIDSE (gotra (at) cidse.org)
Giuseppe Cioffo, responsabile della regolamentazione aziendale e degli estrattivi, CIDSE (cioffo(at)cidse.org)

Informazioni aggiuntive
"Il testo CSDDD del Parlamento europeo è una pietra miliare cruciale verso la responsabilità e la giustizia delle imprese", Comunicato stampa CIDSE, 1 giugno 2023

Condividi questo contenuto sui social media