Comunicato stampa: "I leader religiosi globali si uniscono in un appello urgente per una forte direttiva UE sulla dovuta diligenza" - CIDSE

Comunicato stampa: "I leader religiosi globali si uniscono nell'appello urgente per una forte direttiva UE sulla dovuta diligenza"


Bruxelles, 5 luglio 2023

In una potente dimostrazione di solidarietà, più di 160 leader religiosi in tutto il mondo, uomini e donne di varie fedi, si sono riuniti in una dichiarazione comune che esorta i legislatori dell'Unione europea ad adottare un solido quadro giuridico per ritenere le aziende responsabili dei danni ambientali e delle violazioni dei diritti umani. La dichiarazione, rilasciata dal CIDSE - la famiglia internazionale delle organizzazioni cattoliche per la giustizia sociale - sottolinea l'urgente necessità di un'economia globale sostenibile ed equa, evidenziando il ruolo cruciale che la bozza di direttiva dell'UE sulla dovuta diligenza aziendale sostenibile può svolgere nella salvaguardia dei diritti umani e del pianeta . Questa non è la prima volta che i leader religiosi si sono pronunciati a favore di leggi obbligatorie per prevenire e porre rimedio agli abusi delle imprese. Nel 2020, più di 230 vescovi cattolici hanno sollecitato una legislazione simile

Nel dichiarazione, i leader religiosi chiedono una legislazione dell'UE forte, in linea con gli standard internazionali, che copra un'ampia e sostanziale gamma di diritti umani e impatti ambientali attraverso l'intera catena del valore di un'azienda. Tra le rivendicazioni avanzate, un posto cruciale è dato alla responsabilità civile. Per i capi religiosi “quando le società causano o contribuiscono a un danno, non ci si dovrebbe aspettare che le vittime sostengano l'onere della prova”. Chiedono al Parlamento, al Consiglio e alla Commissione dell'UE di prestare particolare attenzione alle popolazioni indigene, alle donne, ai difensori dei diritti umani e dell'ambiente che soffrono maggiormente degli abusi delle imprese. 

"Sono convinto che non dobbiamo solo proteggere gli indigeni e altri popoli dagli abusi delle multinazionali, ma tutte le creature, in particolare alla luce della rapida perdita di biodiversità" ha affermato Kees Nieuwerth, quacchero ed ex vicepresidente del Consiglio delle Chiese dei Paesi Bassi; “EAnche qui nei Paesi Bassi, comunità – non solo umane, ma anche comunità vegetali e animali  – sono minacciati dal continuo inquinamento dell'ambiente naturale da parte delle grandi aziende”, Ha aggiunto.  

I Faith Leader del Sud del mondo sono spesso vicini alle comunità che sperimentano in prima persona gli impatti devastanti delle attività aziendali, soprattutto quando i grandi progetti estrattivi o agroindustriali violano i loro diritti.

Uno di loro è Dom Vicente Ferreira, attualmente Vescovo di Bahia (Brasile), già Vescovo ausiliare di Belo Horizonte. Quando nel 2019 una diga certificata sicura da una società dell'UE è crollata a Brumadinho, uccidendo 270 persone e causando danni ambientali di lunga durata, monsignor Ferreira e la sua comunità erano pronti ad aiutare le vittime.

“Questa è una chiamata a proteggere le persone e il pianeta, vivendo la nostra fede in relazione con tutta la creazione di Dio. Dobbiamo alzare la voce della base e portarla al tavolo dei decisori” ha dichiarato Sr. Maamalifar M. Poreku, Co-Segretaria Esecutiva della Commissione GPIC (Giustizia, Pace e Integrità del Creato) USG e UISG che ha ricordato le parole di una contadina di Apurimac in Perù, esprimendo il sentimento di molti di coloro che affrontano impunità: "Dobbiamo morire perché il nostro paese abbia soldi?" e chi ha aggiunto “Le persone devono morire perché le aziende facciano soldi senza pensare al pianeta e alle persone?

La Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence è attualmente oggetto di negoziati a tre, che dovrebbero concludersi entro la fine dell'anno. Le comunità religiose ripongono grandi aspettative sui responsabili delle decisioni dell'UE:  

“La nostra terra in Africa è quotidianamente minacciata dalle attività aziendali - spesso legati alle imprese nelle parti più ricche del mondo. Abbiamo bisogno che l'UE si assuma le proprie responsabilità e concordi su una legge forte", ha dichiarato Stephen Dami Mamza, Vescovo di Yola (Nigeria), Presidente della Commissione Giustizia, Pace e Sviluppo del SECAM.

"Questa potente affermazione non può essere ignorata dai decisori. I gruppi religiosi si stanno unendo a decine di migliaia di cittadini, gruppi della società civile e sindacati nel chiedere una direttiva forte", ha affermato Josianne Gauthier, segretario generale del CIDSE. “Siamo un'unica famiglia umana, tutti interconnessi e parte integrante della Creazione, riconoscere questo fatto è fondamentale per costruire un sistema economico sostenibile. Insieme, possiamo fare la differenza e cambiare in meglio l'economia globale", lei ha aggiunto.

FINE


NOTE PER GLI EDITORI 

Il Dichiarazione dei leader religiosi è disponibile in EN / ES / FR / DE.
A Scarica le immagini .zip con ulteriori informazioni è disponibile in EN / ES / FR / DE

Informazioni su CIDSE
CIDSE è una famiglia internazionale di organizzazioni cattoliche di giustizia sociale. Lavoriamo con partner e alleati globali per promuovere la giustizia, sfruttando il potere della solidarietà globale per ottenere un cambiamento trasformativo per le persone e il pianeta. Sfidiamo l'ingiustizia sistemica e i suoi impatti distruttivi collegando, mobilitando, influenzando e raccontando storie di cambiamento. Promuoviamo alternative ambientalmente e socialmente giuste per consentire a tutti di prosperare nella nostra casa comune. Il lavoro di CIDSE è guidato dall'insegnamento sociale cattolico e dai valori del Vangelo. www.cidse.org

Membri CIDSE: Broederlijk Delen (Belgio), CAFOD (Inghilterra e Galles), CCFD-Terre Solidaire (Francia), Cordaid (Paesi Bassi), Development & Peace (Canada), Entraide et Fraternité (Belgio), eRko (Slovacchia), Fastenaktion (Svizzera), FEC (Portogallo), FOCSIV (Italia), Partage Lu (Lussemburgo), KOO (Austria), Manos Unidas (Spagna), Maryknoll Office for Global Concerns (USA), MISEREOR (Germania), SCIAF (Scozia), Trócaire (Irlanda), Vastenactie (Paesi Bassi).

CONTATTI MEDIA

  • Giorgio Gotra, responsabile delle comunicazioni CIDSE, gotra(at)cidse.org
  • Giuseppe Cioffo, Responsabile della regolamentazione aziendale CIDSE, cioffo(at)cidse.org


Foto di copertina: Guilherme Cavalli

Condividi questo contenuto sui social media