Femminismo all’interno del movimento per l’agroecologia e la sovranità alimentare – CIDSE

Il femminismo nel movimento per l’agroecologia e la sovranità alimentare

Il movimento per la sovranità alimentare e l’agroecologia riproduce le stesse relazioni di potere che dicono di lavorare per sradicare? Questa è la domanda centrale del terzo e ultimo episodio della nostra miniserie podcast'Un viaggio attraverso l’agroecologia femminista'. In questo episodio esploriamo le complessità e le sfide del femminismo all'interno di questi movimenti.  

Due ospiti stimolanti, Leonida Odongo e Paula Gioia, condividono con noi come sperimentano il comportamento patriarcale all'interno del movimento, ciascuno dalla propria prospettiva unica. Le loro esperienze dimostrano che i movimenti per la sovranità alimentare e l’agroecologia non sono di per sé femministi. In questi movimenti, ad esempio, è prevalente anche la riproduzione di comportamenti patriarcali e maschilisti. All’interno del movimento agroecologico, vogliamo cambiare il sistema, ma è altrettanto importante trasformare il nostro modo di lavorare dall’interno. 

Leonida e Paula evidenziano quali valori e pratiche femministe vedono già tradotti in questi movimenti e forniscono alcuni esempi concreti di come questi possano essere ulteriormente rafforzati. 

Clicca qui per ascoltare.


BIOS OSPITE 

Leonida Odongo viene dal Kenya nell'Africa orientale. È la fondatrice di Haki Nawiri Afrika, un'iniziativa che promuove la giustizia sociale e crea connessioni tra le comunità in Kenya, Africa e oltre. È attiva nel movimento contadino a livello locale, nazionale, regionale e internazionale, dove coinvolge fortemente le realtà locali di genere delle comunità con cui lavora.  

Paula Gioia è un contadino e apicoltore con sede in Germania, che vive e lavora in una fattoria comunitaria. Paula è nata nelle aree urbane del Brasile ed è emigrata successivamente in Germania. Fu in Germania che scoprirono l'agricoltura contadina. Come Leonida, Paula è attiva nel movimento contadino a livello locale, nazionale, europeo e internazionale, dove porta attivamente alla luce questioni legate alla discriminazione delle persone LGBTTIQ+ in agricoltura e alla sovranità alimentare.
Paula è una persona di genere non binario, che non si identifica né come donna né come uomo. In questo episodio e articolo del podcast, utilizzeremo quindi i pronomi loro/loro quando ci riferiremo a Paula.  

BACKGROUND

In collaborazione con AgroecologiaOra alla Centro per l'agroecologia, l'acqua e la resilienza (CAWR) dell'Università di Coventry (Regno Unito), CIDSE ha intrapreso un viaggio attraverso l'agroecologia femminista. Nel primo episodio, abbiamo esplorato la questione di come sarebbero i sistemi alimentari se fossero basati su valori femministi. Nel secondo episodio, abbiamo esplorato la sovranità alimentare e il femminismo indigeno nel contesto del Nord America. La miniserie podcast è disponibile su Spotify e sulle altre principali piattaforme di ascolto.  

**** 

RINGRAZIAMENTI SPECIALI A i nostri due ospiti, Leonida Odongo e Paula Gioia, a Jessica Milgroom e Csilla Kiss a AgroecologiaOrae ad Antoine, Alexander e Jeremy dell'agenzia di produzione di podcast  BulleMedia.  

ILLUSTRAZIONE DIVirginia Pineda Ogalla

*** 

LISTEN al nostro primo episodio”Cosa c’entra il femminismo con il cibo che mangi?" (anche disponibile in spagnolo) e al nostro secondo episodio “Dove il femminismo indigeno e le sovranità alimentari si incontrano”.  

LEGGI 'Femminismo e agroecologia: trasformare l’economia e la società – un numero speciale della rivista Farming Matterspubblicato da La rete AgriCultures, CIDSE e della gestione della Coltivare!

OROLOGIO La breve animazione di Agroecologia Now 'Per le agroecologie femministe' (disponibile con sottotitoli in più lingue, Francese narrazione e Spagnolo narrazione). 

 Questa serie di podcast è stata cofinanziata dalla Commissione Europea. I suoi contenuti sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dell'Unione Europea.

Condividi questo contenuto sui social media