“Il cambiamento è in corso” – CIDSE

“Il cambiamento è in atto”

Broederlijk Delen in conversazione con Tocoma Sy sulla decolonizzazione

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in olandese sul sito web di Broederlijk Delen, l'organizzazione fiamminga del CIDSE. Hanno avuto una conversazione sulla decolonizzazione con Tocoma Sy, il loro rappresentante nazionale in Burkina Faso.

Tocoma Sy è il rappresentante nazionale di Broederlijk Delen in Burkina Faso dal 2019. Il senegalese è la persona perfetta per impegnarsi in conversazioni sulla decolonizzazione. Scambia regolarmente idee su questo argomento con i giovani e con i partner di Broederlijk Delen in Burkina Faso. Preparati per una conversazione ricca di sfumature in cui guarderemo al passato, al presente e, ovviamente, al futuro.

Cos’è essenzialmente il colonialismo

“Penso che il colonialismo sia nato dal capitalismo, perché un’economia che deve continuare a crescere ha un appetito insaziabile di materie prime. I paesi del Sud del mondo si sono rivelati ricchi di queste materie prime e quindi sono stati ridotti a fornitori. Gli stati europei stabilirono una struttura coloniale per importare le materie prime al prezzo più basso possibile”.

“Ciò è stato giustificato da pseudo-scienze, come il darwinismo sociale e le teorie razziali. Questi creavano una gerarchia tra gli esseri umani: i bianchi erano considerati superiori e i neri inferiori. Queste idee furono sostenute anche nelle chiese e nei cosiddetti “zoo umani”. Migliaia di famiglie europee sono andate in gita domenicale per vedere i selvaggi che vivono nelle capanne. Queste idee divennero dominanti non solo in Europa, ma si diffusero ampiamente anche nei paesi africani”.

“Il colonialismo non solo ha portato al noto furto di risorse naturali, ma ha anche spazzato via le antiche culture locali. Furono creati confini assurdi, le usanze e le strutture esistenti furono eliminate, le civiltà distrutte e le persone sterminate o ridotte in schiavitù”.

“Non possiamo recuperare questa ricchezza culturale, è stata distrutta per sempre”, sottolinea Tocoma. “La cosa più angosciante è che difficilmente riusciamo a ricordare com’era la nostra cultura prima della colonizzazione”.

"Il colonialismo non solo portò al noto furto delle risorse naturali, ma spazzò via anche le antiche culture locali. "

Tempo per nuove relazioni

“Una nuova élite intellettuale è gradualmente emersa in Africa in cerca di maggiore autonomia. Questa élite era consapevole dell’enorme divario che esisteva tra la loro realtà e il modo in cui gli africani venivano descritti nei libri. Sotto la loro influenza, i paesi africani colonizzati divennero politicamente indipendenti negli anni ’1960, solitamente dopo una feroce lotta”.

© Chris Henry/unsplash.com

“Ma le relazioni coloniali continuarono anche dopo la loro indipendenza, anche attraverso politiche commerciali, finanziarie ed economiche. Ciò ha permesso ai paesi e alle istituzioni occidentali di continuare ad avere influenza, ad esempio prestando denaro ai paesi del Sud del mondo e poi avanzando richieste. Anche le multinazionali minerarie e agroalimentari sono state in grado di guadagnare molti soldi senza condividerli con la popolazione locale”.


"I giovani hanno più accesso alla conoscenza grazie ai social media, quindi chiedono più diritti e uguaglianza. "

“Ma il cambiamento è in corso”, afferma Tocoma. “Un tempo le informazioni erano riservate solo alle élite, ma grazie alla trasformazione digitale è possibile condividere le informazioni con tutti. Le informazioni nella lingua locale stanno raggiungendo tutti attraverso video e social media. Perché i giovani sono più informati, chiedono più diritti e uguaglianza e si ribellano alla dominazione straniera”.

“Anche se dovremmo preoccuparci notizie false, che capitalizza anche su questo malcontento. Alcuni giovani sono male informati e vedono i russi, ad esempio, come salvatori piuttosto che come nuovi colonizzatori. Ad esempio, gli eventi attuali nel Sahel, con diversi colpi di stato in Gabon e Burkina Faso, tra gli altri, sono il risultato di un’élite militare che approfitta del malcontento sociale”.

La decolonizzazione riguarda il cambiamento delle strutture e l’azione

“Il risultato dovrebbe essere un sistema più equo e rispettoso. Non solo un cambio di padroni. Il potere deve essere ridistribuito. Dobbiamo relazionarci gli uni con gli altri come partner alla pari”.

“Dovrebbe essere chiaro che la decolonizzazione non significa solo usare parole diverse, ma cambiare le strutture e agire di conseguenza”.

“La decolonizzazione riguarda in definitiva un cambiamento sistemico: cambiare gli equilibri di potere, ma anche cambiare il ruolo del governo. Con più attenzione alla voce delle persone e meno regole scritte per soddisfare le aziende”.

Durante i "Deeldagen" (Giorni di condivisione) in Belgio, i colleghi si confrontano su cosa significhi decolonizzazione
per Broederlijk Delen. L’inizio di un processo che coinvolge tutta l’organizzazione. © Broederlijk Delen.

"Oggi Broederlijk Delen intrattiene un dialogo molto più stretto con i nostri partner. "


Decolonizzazione e Broederlijk Delen

“Broederlijk Delen pensa alla decolonizzazione da diversi anni. Il nostro dialogo con i nostri partner è molto più stretto, ma dobbiamo davvero cambiare il modo in cui lavoriamo insieme”, afferma Tocoma. “È essenziale che Broederlijk Delen ascolti innanzitutto le persone e le organizzazioni partner sul campo: quali sono le loro esigenze e come possiamo svilupparle insieme? I partenariati paritari riguardano, ovviamente, le risorse. Se uno finanzia l’altro, c’è ancora uno squilibrio di potere. Il modo in cui noi, come Broederlijk Delen, affrontiamo questo problema è una sfida importante”.

Tocoma (a sinistra) al lavoro in Burkina Faso. © Broederlijk Delen.


Le insidie ​​della decolonizzazione

“Ciò che non dobbiamo assolutamente fare è chiuderci in noi stessi. Viviamo tutti sul pianeta Terra, quindi dobbiamo continuare a dialogare e cooperare tra loro. L’Europa non può permettersi di ritornare nel suo guscio, e l’Africa non può farlo da sola. Dobbiamo farlo insieme, con tutti i Paesi del mondo”.

Per Tocoma e Broederlijk Delen, decolonizzazione significa chiaramente un modo diverso di lavorare. Per migliorare le sue operazioni, Broederlijk Delen sta esplorando come lavorare in modo più decoloniale in aree quali partenariati, comunicazione, movimenti internazionali e strutture decisionali.

L'approccio del CIDSE alla decolonizzazione dei sistemi di potere
 
La decolonizzazione dei sistemi di potere è una delle cinque lenti sistemiche trasversali del CIDSE nel nostro Quadro strategico (2023-2028) e guiderà tutto il nostro lavoro tematico e gli obiettivi nei prossimi anni. A lungo termine, vogliamo vedere sistemi politici e decisionali radicati nella sovranità e nell’autodeterminazione delle persone. Per raggiungere questo obiettivo, le comunità e le organizzazioni della società civile (OSC) del Sud del mondo hanno bisogno di essere sostenute nella loro lotta per la giustizia e la dignità. Devono avere maggiore accesso e partecipazione agli spazi politici ed essere in una posizione migliore per gestire azioni indipendentemente dalle organizzazioni della società civile nel Nord del mondo. Ciò richiede anche che le organizzazioni della società civile nel Nord del mondo sviluppino le loro azioni di co-formazione con le organizzazioni della società civile nel Sud del mondo.
 
La nostra attenzione sistemica alla decolonizzazione dei sistemi di potere è il risultato di un processo continuo, con i nostri membri, partner e alleati, in cui abbiamo iniziato a mettere in discussione e sfidare le pratiche della nostra stessa rete, riconoscendo che il cambiamento inizia da noi. Ciò implica lavorare insieme su questioni difficili e scomode, oltre i confini organizzativi, e avere il coraggio di sfidare le strutture di potere e allontanarsi dal paradigma Nord-Sud.
 
Durante vari incontri sul cambiamento sistemico del CIDSE, abbiamo iniziato a riflettere sugli atteggiamenti di decolonizzazione, sfidando le narrazioni coloniali e le nostre stesse partnership globali. Ciò può essere ottenuto innanzitutto analizzando chiaramente le cause profonde delle narrazioni coloniali. Impegnarsi in partenariati trasformativi richiede il rafforzamento e l’approfondimento di partenariati basati sul rispetto reciproco, sull’ascolto, sulla condivisione del potere, dello spazio e della fiducia e sulla promozione della leadership localizzata/locale nelle arene politiche e nel processo decisionale.
 
Nei prossimi anni, insieme ai nostri membri, continueremo a sfidare noi stessi per affrontare le questioni del potere e della decolonizzazione nel nostro linguaggio, analisi e pratica, sviluppando allo stesso tempo capacità e rafforzando la nostra rete per massimizzare l’impatto della nostra voce collettiva.

"La solidarietà internazionale riguarda la partnership paritaria e la responsabilità condivisa. La solidarietà internazionale non è unidirezionale; è un atto di unità tra alleati che lottano per una causa comune. L’uguaglianza nei nostri partenariati dovrebbe essere evidente e costituire la mentalità di tutte le nostre interazioni umane e istituzionali. "

Lieve Herijgers, direttrice di Broederlijk Delen, ex presidente del CIDSE,
durante l' 2° Forum sul cambiamento sistemico CIDSE nel giugno 2021.


Informazioni aggiuntive
Broederlijk Delen organizzerà a webinar sulla decolonizzazione in Burkina Faso con Tocoma Sy il 7 marzo 2024.


Foto di copertina: Tocoma Sy, rappresentante nazionale di Broederlijk Delen in Burkina Faso. Credito: Broederlijk Delen

Condividi questo contenuto sui social media