Evento

Conferenza stampa online – Lancio del comunicato dei Dialoghi sul clima africano


dettagli dell'evento

  • Data: -

SECAM e i membri del comitato direttivo dei Dialoghi sul clima africano invitano i media a partecipare a una conferenza stampa online per il lancio del Comunicato sui dialoghi sul clima africano, un documento che raccoglie suggerimenti e richieste da una prospettiva africana in vista della conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP27.

Ora

8:00 GMT
9:00 BST
 10: 00 CEST

Programma della conferenza stampa:

  • Preghiera di apertura
  • Osservazioni di benvenuto
  • Presentazione del Comunicato con Sua Eminenza Fridolin Besungu Cardinale Ambongo
  • Convenuto uno: presidente del gruppo africano di negoziatori – Sig. Ephraim Shitima
  • Convenuto due: Tasneem Essop, Direttore Esecutivo di CAN-International
  • Convenuto tre: Ineza Umuhoza Grace, Direttrice della Loss & Damage Youth Coalition e negoziatrice con il governo del Ruanda
  • Domande e risposte con i media
  • Moderazione di Lucy Espila, Caritas Africa.

REGISTRAZIONE DELLA CONFERENZA STAMPA

 

Contatto per la conferenza stampa: Simson Mwale, Segreteria SECAM, jpdcprogram@gmail.com

Registrati qui

A proposito dei “Dialoghi sul clima africano”  

Il Dialoghi sul clima africano è un'iniziativa che riunisce attori e alleati della Chiesa e della società civile, comprese comunità e leader religiosi di tutto il continente africano e organizzazioni europee, per condividere le realtà africane, le esperienze personali e le prospettive su argomenti chiave relativi alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP27 che si terrà a Sharm el-Sheikh, Egitto, dal 7 al 18 novembre 2022. 

Trova ulteriori informazioni qui.

_________________________________________________________________________________________________________________________

  Questo evento è co-fondato dall'Unione Europea. I contenuti sono di esclusiva responsabilità degli organizzatori e dei relatori e non possono in alcun modo essere interpretati come un riflesso delle opinioni dell'Unione Europea.

 

Condividi questo contenuto sui social media