Evento

Trasformare la finanza per il clima per trasformare radicalmente le società: il caso dei finanziamenti del Green Climate Fund


dettagli dell'evento


#CIDSEatCOP26 – Evento collaterale ufficiale

OROLOGIO LA REGISTRAZIONE


Come seguire l'evento?

La sala eventi collaterali assegnata ha una capienza molto limitata e non consente l'ingresso dei partecipanti. Potete quindi seguire l'evento tramite la piattaforma COP26 se possiedi un badge COP6 per la zona blu, oppure segui il webcast sul Canale YouTube degli eventi collaterali della COP26 se non hai un distintivo. Tieni presente, tuttavia, che non sarà possibile ricevere alcuna domanda dal pubblico di YouTube. È possibile ricevere domande solo dai partecipanti che aderiscono tramite la piattaforma COP 26.

Quando ? 13:15-14:30 GMT- 14:15-15:30 CET

Lingua: Inglese

sfondo

Nel contesto di COVID-19, l'ambizione climatica comporta non solo la riduzione delle emissioni di gas serra, ma anche un recupero efficace affrontando gli impatti climatici, la sicurezza alimentare, la povertà e la disuguaglianza in modo olistico. Il cambiamento climatico ha un impatto diretto sulle comunità, sui produttori alimentari (su piccola scala) e sulle organizzazioni della società civile (OSC) che operano a livello locale in molti paesi in via di sviluppo. Poiché si basano sulle realtà locali, comprese le esigenze e le conoscenze degli attori locali, le misure innovative di risposta al clima guidate a livello locale sono altamente efficaci nel promuovere l'adattamento e la resilienza al clima, il recupero degli ecosistemi, le emissioni a basse emissioni di carbonio e lo sviluppo sostenibile.  L'aumento dei finanziamenti per il clima sarà una questione urgente alla COP26, con la revisione del secondo periodo di impegno particolarmente importante. Il GCF si è impegnata a diventare un fondo di cambiamento di paradigma e di trasformazione per lo sviluppo a basse emissioni e resiliente al clima, dedicato esclusivamente al finanziamento del clima nei paesi in via di sviluppo, con particolare attenzione sia alla mitigazione che all'adattamento. Tuttavia, i nostri studi hanno dimostrato che le barriere per le organizzazioni della società civile per accedere ai fondi GCF esistono e sono sistemiche, massicce. I nostri studi dimostrano anche che agroecologia riceve un sostegno minimo dal fondo mentre ora è riconosciuto come la chiave per la trasformazione del sistema alimentare abbiamo drammaticamente bisogno e per far fronte alle molteplici crisi che affrontiamo. Affrontare, ridurre e superare queste barriere oltre ad aumentare la qualità dei finanziamenti per l'agricoltura sarà essenziale affinché il Fondo adempia alla sua missione di cambiamento trasformativo.

Ulteriori informazioni:
Andate a Studio CIDSE: “Migliorare l'accesso limitato della società civile al Green Climate Fund” e infografica.
Controlla anche i nostri ultimi aggiornamenti su: CIDSE@COP26.

Contattaci: Lydia Machaka, CIDSE responsabile della giustizia climatica, machaka(at)cidse.org

 

  Questo evento è co-fondato dall'Unione Europea.  I contenuti sono di esclusiva responsabilità degli organizzatori e non possono in alcun modo essere presi per riflettere le opinioni dell'Unione Europea. 

 

 

Condividi questo contenuto sui social media