Giustizia climatica - CIDSE

GIUSTIZIA CLIMA

La scienza del clima è chiara: mancano solo pochi anni alle attuali riserve di bilancio del carbonio per rimanere entro il limite di 1.5 ° C. Le emissioni di gas a effetto serra (GHG) continuano ad aumentare parallelamente a molteplici crisi di povertà energetica, ingiustizia della fame, disuguaglianza e violazioni dei diritti umani che sono radicate al centro del nostro attuale sistema sociale, economico e politico.

Poiché non possiamo risolvere una di queste crisi a scapito delle altre e poiché la finestra di opportunità per affrontare il cambiamento climatico si sta riducendo, dobbiamo agire con urgenza. Questi tempi richiedono proposte approfondite per una transizione ecologica - modelli alternativi in ​​grado di rispondere ai bisogni delle comunità vulnerabili che sono in prima linea nel cambiamento climatico, senza aver contribuito alle emissioni globali.

Il CIDSE non solo segue da vicino i negoziati alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), ma affronta anche la crisi climatica in tutte le nostre aree di lavoro. Riconosciamo che l'impunità delle imprese consente ai modelli economici estrattivi e ad alta intensità di carbonio di prosperare. La mitigazione e l'adattamento al clima sono obiettivi fondamentali al centro dei modelli che proponiamo per una produzione giusta e sostenibile di cibo ed energia. Stiamo mobilitando giovani volontari per diventare sostenitori nelle loro comunità per l'azione per il clima e le emissioni personali di carbonio.

Responsabile della giustizia climatica e dell'energia
Lydia Lehlogonolo Machaka
Senior Advisor
Chiara Martinelli
  • Vedi materiali correlati

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange