Terra - CIDSE

DIRITTI DI TERRA

Gli ultimi vent'anni hanno visto la rapida acquisizione di grandi appezzamenti di terreno nel sud del mondo da parte delle élite nazionali e internazionali, spesso denominate land grabbing. L'accaparramento della terra può essere definito come il controllo della terra - tramite proprietà, locazione, concessione, contratti, quote o potere generale - a fini di speculazione, estrazione, controllo delle risorse o mercificazione. (Ecoruralis 2016) 

Il land grabbing è una violazione dei diritti umani minacciando l'accesso al cibo e ai mezzi di sussistenza. I nuovi proprietari terrieri spesso favoriscono l'esportazione redditizia delle loro colture o dei loro minerali rispetto all'alimentazione degli affamati. I contadini perdono l'accesso alla loro terra e quindi al reddito e all'alimentazione. La salute ambientale della terra è compromessa dal momento che vengono implementate le forme industriali di agricoltura.  

Il CIDSE sostiene la resistenza del land grabbing in Africa, collegando gli attori della chiesa ai movimenti sociali e organizzando spazi di scambio. In 2015, CIDSE ha contribuito all'organizzazione di una conferenza panafricana sull'accaparramento della terra e la giusta governance in Kenya, che ha riunito attori di chiesa e non ecclesiali per scambiare conoscenze e strategie sull'accaparramento della terra, dando vita alla creazione di una piattaforma permanente chiamata "La nostra terra è la nostra vita" per questi scopi. Una conferenza simile è stata nuovamente organizzata in 2017 ad Abidjan. La riflessione e la discussione sul land grabbing dal punto di vista di Laudato Si ' e gli insegnamenti sociali della Chiesa cattolica iniziati durante la conferenza di Abidjan sono stati concretizzati in un documento sulla teologia del land grabbing per facilitare l'apertura di un dialogo concreto sulle questioni relative alla terra con gli attori della chiesa. 

Responsabile dei diritti della terra
Manny Yap
Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange