Ricercato: Brave People (Imagining Sustainability - 2) - CIDSE

Ricercato: persone coraggiose (Immaginare la sostenibilità - 2)

Il membro olandese del CIDSE Cordaid ed Both ENDS hanno raccolto le visioni e le intuizioni di sette visionari del sud, ognuno con un approccio unico per trasformare il proprio sogno in iniziative locali concrete. Vi presentiamo la loro visione della sostenibilità basata sui valori ecologici e sui diritti umani in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile "Rio + 20" (20-22 giugno 2012). Oggi Janet Awimbo, ecologa del Kenya.

Contemporaneo chiacchiere Supporta l'autonomia locale

Chi cerca cittadini ben informati e impegnati? Non molti politici in Africa, in ogni caso. Quindi ci vuole coraggio per mostrare il proprio senso di responsabilità pubblica. Janet Awimbo insegna ai cittadini e alle organizzazioni come essere coraggiosi. Crede che ciò sia assolutamente necessario, perché i kenioti che si esprimono diventano creativi e si prendono più cura di ciò che li circonda. Il suo sogno è ripristinare l'antica chiacchierata africana, ma questa volta con la partecipazione delle donne e dei giovani di oggi!

Immagina persone ben informate, che sanno come presentare le loro idee e opinioni agli altri, che si ascoltano effettivamente a vicenda, che bilanciano tutti i loro interessi e visioni e prendono decisioni insieme. Nessuno vince il premio per chi vince prende tutto e, nel frattempo, tutti raggiungono un compromesso. Le autorità che sponsorizzano le attività di "giornata aperta" spiegano come governano le loro giurisdizioni. Per noi occidentali, tutto questo non sembra così incredibile - anche se molte cose vanno ancora storte anche qui - ma in molte parti del mondo questo è solo un ideale molto lontano.

Quando sognava i suoi sogni di una società trasparente e democratica, Awimbo si riferiva deliberatamente all'antico modello di consultazione africano del chiacchiere, che è una specie di incontro che spesso si svolge all'aperto, all'ombra di un albero alto come il baobab, dove si continua a parlare per tutto il tempo necessario fino a che tutti non si mettono d'accordo. La discussione non è ostacolata da ordini del giorno e orari. Il palaver è un metodo tipico africano e riflette il ritmo di vita africano.

Le chiacchiere non è scomparso; è ancora molto vivo nelle zone rurali, sebbene la relativa nozione di autogoverno sia passata in secondo piano. Da quando le potenze coloniali iniziarono a dominare l'Africa, i capi tradizionali - in quanto maggiori consulenti - sono passati sotto il controllo del governo molto tempo fa. Awimbo considera il discorso un'espressione di autogoverno. “In un certo senso, voglio recuperare questo modo tradizionale di prendere decisioni, con le persone che si governano. È un sistema abbastanza comprensibile. Gli anziani stabilirono quando i semi dovevano essere piantati, e quando era il momento di raccogliere il raccolto, come doveva essere diviso il raccolto e quale parte del raccolto era per i poveri. Ma il mondo è cambiato. Voglio anche che alle donne e ai giovani venga assegnato un posto ". Ride: "Non vogliamo più che un gruppo di vecchi prendano tutte le decisioni".

Tuttavia, questa forma di governo locale richiede coraggio, come osserva Awimbo: "Il coraggio di smettere di lamentarsi, di prendere la vita nelle proprie mani e di contribuire attivamente allo sviluppo del proprio vicinato, comunità e paese". Awimbo, che vive nella città portuale keniota di Mombasa, sostiene le organizzazioni dell'Africa orientale che svolgono un ruolo chiacchiere attività. Il "Capacità di coraggio"È quello che lei chiama, la capacità di essere coraggiosi. “Voglio rafforzare quella capacità. Ciò richiede che le persone siano informate e si sentano responsabili nel prendere decisioni su come vogliono vivere e dove ". Awimbo è convinto che le persone lo vogliano e, "poiché non si prestano alla pre-programmazione", i risultati sono impossibili da prevedere.

"Non siamo coraggiosi come dovremmo essere", osserva Awimbo. Quando dice "noi", significa: "noi, africani". Troppe persone preferiscono nascondersi dietro gli altri perché non devono agire da sole. "Se parli con loro, dicono:" Non lo sappiamo perché nessuno ce lo dice "". Incolpa anche chi è al potere, che è interessato a mantenere gli altri scarsamente informati. Questo trasforma la ricerca della verità in un compito quasi impossibile. "Ha tutto a che fare con il potere e il controllo." Alla maggior parte dei politici africani e dei capi locali tradizionali non piace condividere le informazioni. I funzionari a livello distrettuale e di governo centrale non sono disposti (o a malapena in grado) di fornire informazioni che consentirebbero alle persone di prendere decisioni informate sulla propria vita. Non è positiva nemmeno sui media: "Abbiamo radio, televisione e giornali, ma i giornalisti non ci forniscono le informazioni necessarie per colmare le lacune nelle nostre conoscenze". Il risultato, ritiene Awimbo, è che molte persone hanno una visione del mondo distorta. “Pensano che sia inevitabile che alcune persone dominino altre. O quel cambiamento è semplicemente impossibile. "

Agire in base alla verità

Di conseguenza, i problemi del nostro tempo continueranno a peggiorare. “Ormai tutti sanno che i ricorsi naturali sono rari. Ma poche persone sono disposte a cercare alternative. Hanno paura di dover cambiare le loro vite. Questo vale anche per il cambiamento climatico. Le persone negano che esista perché hanno paura delle conseguenze del riconoscimento di questo fenomeno. Quindi abbiamo bisogno di persone che siano in grado di accettare e agire dalla verità. Questo è ciò che intendo con "capacità di coraggio". Loro - e in effetti questo vale per tutti noi - devono imparare ad affrontare la verità e agire di conseguenza ".

Quando le persone hanno accesso a informazioni migliori e sono in grado di capire meglio come vengono governate, possono rispondere in modo creativo, suggerendo le proprie idee invece di aspettare. "E dovremmo avere il coraggio e la determinazione di chiedere lo stesso ai nostri fratelli e sorelle, bambini, vicini, amici e colleghi".

L'ideale di Awimbo è di avere "giornate aperte" durante le quali le autorità di tutti i livelli di governo spiegano cosa fanno, le decisioni che prendono e le loro prestazioni, e ne discutono anche con i loro datori di lavoro. Awimbo ritiene che ciò non implichi necessariamente, ad esempio, il numero di bagni pubblici costruiti, ma dovrebbe concentrarsi principalmente sull'informazione della cittadinanza. "In altre parole: cosa hanno fatto le autorità, di un ministero o di un ufficio del governo municipale, per aumentare la 'governance literacy' dei suoi cittadini?"

Allevamento

Anche i cittadini devono mettersi al lavoro. Awimbo li incoraggia a esprimere le loro idee su come la società dovrebbe essere governata e a testare quelle idee contro le opinioni degli altri. Lo definisce un terreno fertile: dove le persone hanno lo spazio necessario per discutere in sicurezza le proprie idee. “Se hai un'idea della tua città o del tuo quartiere, devi essere in grado di capire se funziona. Che sia un'idea buona o cattiva e senza dover automaticamente aderire a un partito politico. Le persone devono sentire che, attraverso la negoziazione e il compromesso, possono raggiungere forse il 70% invece del 100% dei loro desideri, ma che, in questo modo, anche le altre parti saranno soddisfatte ".

Perché non lasciare questo compito ai politici? Non è per questo che sono stati eletti? Awimbo: “Molte persone non capiscono che il governo è lì per attuare i desideri della gente. Non hanno idea di come esercitare la loro influenza. Dobbiamo assumerci la responsabilità delle nostre vite. Ma per la cronaca: i terreni fertili non sono lì per sostituire la politica, sono lì per influenzare i processi decisionali ".

La governance rafforzata non è l'obiettivo finale; Awimbo vuole migliorare la governance su tutte le risorse naturali della nazione. “È la nostra acqua, la nostra aria, il nostro paese: ciò che designiamo come terreno coltivato, di quale terra abbiamo bisogno per costruire case e attività commerciali, quanto dovrebbe essere estesa la produzione agricola. Quel tipo di decisioni. "

Le idee di Awimbo derivano dalla sua professione di ecologista; studia il rapporto tra piante, animali e esseri umani nel tentativo di creare armonia ecologica. Questo è abbastanza complicato perché ciascuno degli elementi ostacola gli altri. La soluzione è un compromesso in cui tutti cedono un po '. "Sono particolarmente interessato a come l'ecologia influisce sulla vita delle persone".

Awimbo collabora con le organizzazioni della comunità locale per esaminare attentamente come preservare habitat naturali speciali, senza che ciò abbia un effetto negativo sulle persone che dipendono da queste aree per il loro sostentamento. In altre parole, con e da queste persone. “In Africa, le riserve naturali sono spesso esattamente dove le persone vivono. La cosa peggiore che può accadere - e che spesso accade davvero! - è che le decisioni riguardanti la protezione dei siti ecologicamente importanti sono prese a livello di governo nazionale, e quindi esclude le persone più colpite dalle decisioni. La domanda quindi diventa: a beneficio di chi proteggi queste zone? Gli interessi della natura ovviamente non sempre coincidono con quelli delle persone. Quindi è necessario trovare un equilibrio tra i due e scendere a compromessi. Una foresta dove una comunità raccoglie il miele è essenziale per le persone che ci vivono: è il loro modo di vivere tradizionale. Vendono il loro miele nelle comunità vicine. Se la foresta diventasse una riserva totalmente protetta, i residenti locali non potranno più utilizzarla per coltivare il loro miele e sarebbe loro vietato abbattere alberi per creare aree per i loro alveari. Forse altri possono farlo, ma proteggendo rigorosamente la foresta da tutti, impedisci anche alle persone che hanno un interesse acquisito nel proteggerla effettivamente di accedervi ".

'Nairobi era solita decidere tutto'

Il processo decisionale dall'alto verso il basso è una pratica normale in gran parte dell'Africa. Ma Awimbo ha osservato alcuni cambiamenti. Il governo del Kenya si trova a Nairobi, la capitale, ma è in procinto di trasferire sempre più potere alle province. “Nairobi era solita decidere tutto. Anche la nozione di "locale" era definita a livello di governo centrale. Ciò non funziona in un paese grande e diversificato come il Kenya. Non si può governare una grande città nello stesso modo in cui si fa una comunità agricola. Una soluzione perfetta per tutte le diverse regioni non è fattibile ".

Il governo keniota ne ha istituite numerose Associazioni di foreste comunitarie insieme alle comunità locali nella regione costiera paludosa del Kenya. Danno alla popolazione locale il potere di gestire e proteggere le proprie foreste di mangrovie. Possono anche analizzare se la protezione dell'habitat naturale è possibile senza influire negativamente sulla pesca locale. “Questo è ciò che stiamo negoziando ora. Vent'anni fa questo sarebbe stato impossibile in Kenya. Ma dopo molte pressioni da parte della gente, ora funziona. Chi detiene il potere ha sempre considerato il popolo keniota come una fonte di manodopera a basso costo, ma mai come parte del processo decisionale. Questo sta cambiando adesso. Questo mi dà molta speranza. "

Ciò che la rende anche piena di speranza è come stanno cambiando i mass media nel suo paese. “Cinquant'anni fa, i media erano totalmente controllati dal governo e da ricchi uomini d'affari. Ora chiunque può esprimere la propria opinione. Quindi il cambiamento è possibile. "
-

Janet Awimbo, ecologa, Kenya
Janet Awimbo (1964) protegge la natura e coinvolge le persone in questo sforzo da oltre vent'anni. Si concentra sull'istruzione e la formazione delle persone (rafforzamento delle capacità), in modo che possano utilizzare meglio i loro talenti e le loro abilità per prendere in mano le loro vite. Insegna anche ai governi (locali) come negoziare tra loro e come raggiungere compromessi. Si occupa anche di giustizia sociale e ambientale, anche attraverso il Global Greengrants Fund, che coordina in Africa orientale. Questo fondo fornisce piccole sovvenzioni a gruppi locali. “Ad esempio, abbiamo dato soldi a un gruppo di persone che stanno proteggendo una foresta di mangrovie vicino alla costa. Hanno aperto un ristorante con questi soldi. Ciò attrae persone che possono sperimentare il valore e la bellezza della foresta ".

Awimbo ha precedentemente lavorato per organizzazioni come il Kenya Forestry Research Institute (KEFRI), il World Agroforestry Center (ICRAF), Impact Alliance, Pact Kenya e NGO Resource Center (Zanzibar). Ora è consulente senior di Casework Equatorial, aiutando individui e organizzazioni nel Kenya costiero a diventare agenti di cambiamento positivo.

Condividi questo contenuto sui social media