UE-CELAC: verso un vero partenariato politico rinnovato – CIDSE

UE-CELAC: verso un vero partenariato politico rinnovato

In vista del Vertice UE-CELAC (Bruxelles, 17-18 luglio), le organizzazioni della società civile del gruppo di lavoro della società civile UE-ALC, tra cui il CIDSE, i sindacati, i governi locali e le loro associazioni, propongono congiuntamente l'istituzione di un meccanismo ufficiale di follow-up multilaterale per garantire una lunga impegno a lungo termine con la società civile nel rinnovato partenariato UE-CELAC.


In una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Michel, all'alto rappresentante/vicepresidente Borell, al commissario Urpilainen, al presidente spagnolo Sánchez e al primo ministro belga De Croo, il gruppo UE-ALC sottolinea che, in base agli obiettivi dichiarati nella Nuova agenda UE-ALC, è necessario un meccanismo ufficiale per continuare gli spazi, le consultazioni e i dialoghi aperti con la società civile oltre il vertice UE-CELAC.

A tal fine, le organizzazioni della società civile suggeriscono le seguenti raccomandazioni:

  • Le condivisione di informazioni strategiche sul partenariato UE-CELAC dovrebbe essere condiviso in modo proattivo in anticipo, in modo trasparente, inclusivo e accessibile.
  • Il dialogo regolare dovrebbe essere promosso attraverso un meccanismo ufficiale multilaterale, per monitorare e consentire contributi all'attuazione degli impegni del Vertice.
  • Le La Dichiarazione Congiunta che sarà adottata al Vertice, deve includere un paragrafo che riconosca la società civile, i sindacati, i governi locali e le loro associazioni questioni chiave di preoccupazione e raccomandazioni politiche, con il impegno politico dei leader dell'UE e della CELAC per istituire uno spazio ufficiale per il dialogo multilaterale.
  • Vanno dati la società civile, i sindacati, i governi locali e le loro associazioni status di osservatore durante il Vertice e l'opportunità di presentare direttamente i messaggi chiave ai capi di Stato e di governo e ad altri funzionari.
  • La Commissione dovrebbe organizzarsi riunioni di briefing e debriefing con la società civile, i sindacati, i governi locali e le loro associazioni, prima e dopo gli incontri ad alto livello previsti dopo il Summit.


Informazioni dettagliate sulla posizione della società civile sul partenariato UE-CELAC in vista del vertice UE-CELAC del 2023 sono disponibili nel documento di posizione comune "America Latina e Caraibi e Unione Europea: verso un vero partenariato politico rinnovato. Proposte della società civile per rafforzare il rapporto biregionale”.

Condividi questo contenuto sui social media