Firmato, sigillato ... ma non viene consegnato: il documento sugli investimenti agricoli responsabili è stato approvato ma fa scattare l'allarme per la società civile
Foto: Manos Unidas

Firmato, sigillato ... ma non riesce a consegnare: il documento di investimento agricolo responsabile è approvato ma genera campane d'allarme per la società civile

Foto: Manos Unidas

Un lavoro d'amore di due anni per il CIDSE si è concluso ieri, con l'approvazione dei Principi di investimento agricolo responsabile (rai).

Mentre noi e i nostri amici della società civile possiamo essere giustamente orgogliosi del nostro impegno costruttivo nel processo e del prodotto risultante, la versione finale del documento messa a letto ieri ha rivelato una mancanza di volontà politica o coraggio da parte dei decisori politici per agire nell'interesse di coloro i cui mezzi di sussistenza e benessere dipendono maggiormente da questo documento: produttori alimentari su piccola scala e comunità senza voce in tutto il mondo. Ancora una volta, il peso delle multinazionali si è fatto strada alla ribalta delle politiche alimentari e agricole globali, in questo caso con il commercio internazionale che trionfa sui diritti umani.

Forse l'omissione più evidente nel documento dal punto di vista della società civile è l'assenza di un impegno significativo per un approccio basato sui diritti. Mentre si potrebbe dire che un'ondata amichevole è stata data nella direzione generale dei diritti umani attraverso l'inclusione di un linguaggio basato sui diritti qua e là, una revisione del documento nella sua interezza rivela prontamente che tali riferimenti sono poco più che lip- servizio, dal momento che in realtà sono gli accordi commerciali internazionali che sono usciti vincenti in questo processo, aprendo la strada a maggiori investimenti irresponsabili antitetici al diritto al cibo.

Il fatto che i produttori di alimenti su piccola scala siano i principali investitori in agricoltura non è sufficientemente riflesso nel documento, con gli attori dietro investimenti su larga scala che hanno ottenuto il regno quasi gratuito per procedere a volontà. Mentre i punti relativi ai diritti dei lavoratori agricoli e dei diritti delle donne ci portano sicuramente a un passo avanti, la priorità data agli accordi commerciali intrinsecamente complici nel minare questi stessi diritti ci fa tornare indietro di due passi. La mancanza di supporto per l'agroecologia e i sistemi e i mercati alimentari locali, come riflesso dalla negazione del documento sui diversi impatti causati dai diversi sistemi agricoli, ci porta ulteriormente verso la fame e l'esclusione della povertà, aprendo le porte a pratiche agricole più consuete che sono più un ostacolo che un aiuto. Con il Canada che tenta di bloccare il preesistente, concordato a livello internazionale la lingua sul consenso libero, prioritario e informato per le popolazioni indigene alla fine non ha vinto alla fine, chiarendo che la società civile ha bisogno di vigilanza, anche su richieste politiche che, almeno sulla carta, sono state messe a riposo. Il monitoraggio continua quindi a svolgere un ruolo chiave. La politica pubblica è stata spostata ai margini dei principi, dando il via libera a soluzioni basate sul mercato, lasciando i produttori alimentari su piccola scala vulnerabili alle violazioni dei diritti umani e alla volatilità dei prezzi degli alimenti causata dalla speculazione. Infine, il ruolo assegnato per il monitoraggio a livello nazionale dei Principi è debole e deve essere ampliato se questo documento deve essere utile alle comunità povere sul campo.

Non possiamo mai avere investimenti responsabili in agricoltura fintanto che gli accordi commerciali sono posti al di sopra dei diritti umani
Meccanismo della società civile

Con i principi favorevoli al commercio e al mercato che prendono il posto di rilievo in questo documento, il braccio "responsabile" di quello che dovrebbe essere un nuovo vestito brillante è deludentemente sottile, offrendo scarsa protezione ai piccoli produttori alimentari e ai lavoratori agricoli nelle loro lotte quotidiane. Come CIDSE, uniti alla società civile e ai nostri fratelli e sorelle nella lotta contro la povertà, chiediamo ai governi di agire secondo i più alti standard stabiliti dai diritti umani concordati a livello internazionale e di monitorare in modo efficace e trasparente tutte le attività nel nome dei principi responsabili degli investimenti agricoli.

Di più:

  • Società civile dichiarazione sull'approvazione dei principi RAI (15th Ottobre 2014)
  • Società civile dichiarazione sul consenso libero, preventivo e informato (2nd Ottobre 2014)
  • Società civile posizione sui principi RAI (maggio 2014)
  • Il CSM e la RAI articolo di Philip McMichael (July 2014)
  • Contributo CIDSE alla consultazione RAI online (febbraio 2014)
  • CFS-41 su RAI (tra cui: versione finale per l'approvazione, documenti di consultazione e documenti di riferimento)

Torna a "La sicurezza alimentare sotto i riflettori " per ulteriori rapporti su Roma

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange