Cinque anni dopo Parigi, l'allarme ecologico suona forte e chiaro: CIDSE

Cinque anni dopo Parigi, l'allarme ecologico suona forte e chiaro

Cosa abbiamo imparato dal pandemicrofono che potrebbe promuovere un'azione per il clima più ambiziosa? di Chiara Martinelli
Questo articolo è stato originariamente pubblicato in Earthbeat il 11 dicembre 2020.

Cinque anni fa, l'accordo di Parigi era adottato dai leader governativi: un risultato compromesso di lunghi negoziati e pressioni dell'opinione pubblica mondiale. L'accordo di Parigi non è l'ideale, ma è uno strumento importante per spingere i governi a passare dalle parole ai fatti.

Sfortunatamente, negli ultimi cinque anni, i governi hanno fallito gli obiettivi fissati il ​​12 dicembre 2015, ed eccoci qui oggi - alla vigilia del Vertice sulle ambizioni climatiche, dove i governi dovrebbero presentare i loro piani di implementazione (i cosiddetti Nationally Determined Contributions, o NDCs) - per gridare ancora una volta che sono necessari passi più ambiziosi e imminenti.

Dopo mesi passati a far fronte a COVID-19, un altro allarme ecologico suona forte e chiaro: l'eccessivo sfruttamento delle risorse naturali sta avendo conseguenze devastanti a lungo termine. In effetti, abbiamo un grande lavoro da fare; nonostante il Rinvio della COP26, gli impegni e l'azione per il clima non possono essere ritardati.

Le misure di blocco in molti paesi hanno “messo in pausa” il solito business: la nostra economia, i nostri consumi, i nostri viaggi, i nostri stili di vita frenetici. Mai prima d'ora la civiltà industriale ha preso una tale "pausa". Alcuni hanno persino "celebrato" l'insolita diminuzione delle emissioni, ma presto gli scienziati ci hanno avvertito che questa è solo una piccola flessione nel grafico delle emissioni a lungo termine. Abbiamo bisogno di un costante appiattimento della curva per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi. Abbiamo bisogno di un film completamente diverso, non solo per premere pausa o riprodurlo al rallentatore!

Mentre mettiamo in pausa i nostri stili di vita per rallentare durante la crisi del COVID-19, è stato impossibile "mettere in pausa" lo stato permanente di crisi climatica vissuta dalle comunità più vulnerabili e povere del mondo.

La pandemia del 2020 è stata solo un'altra minaccia per le centinaia di milioni di persone appese a un filo a causa di inondazioni, invasione di locuste, siccità e cicloni tropicali. Dovremmo dedicare tutto lo spazio mediatico a disposizione per riportare quelle storie, spesso ignorate. Daremo loro spazio qui.

Cinque tempeste martellato le Filippine in 30 giorni tra ottobre e novembre: dal tifone Molave ​​(chiamato localmente Quinta) il 25 ottobre a Vamco (Ulisse) il 23 novembre, che è arrivato meno di due settimane dopo la tempesta più forte della stagione, Tifone Goni (Rollo).

Per tutto il 2020, l'Africa orientale ha visto il suo peggiori sciami di locuste in molti decenni, con effetti devastanti sull'agricoltura e sulla sicurezza alimentare per la popolazione locale. La foresta pluviale amazzonica brasiliana lo è ancora in fiamme, con un incremento del 13% nei primi nove mesi dell'anno rispetto allo scorso anno.

Cosa abbiamo imparato dalla pandemia che potrebbe promuovere un'azione per il clima più ambiziosa e urgente?

Prima di tutto, la crisi sanitaria ha confermato il fallimento dell'attuale sistema economico dominante. L'epidemia di pandemia di un'altra malattia zoonotica - come COVID-19 - è un ulteriore esempio di invasione dell'attività umana sui confini della natura. L'armonia nella nostra relazione con la creazione è rotta.

E, come abbiamo ripetutamente affermato all'interno del Commissione vaticana COVID-19, creato da Papa Francesco per esprimere la cura della Chiesa per l'intera famiglia umana di fronte alla pandemia, c'è nessuna umanità sana su un pianeta malato. L'ambizione climatica deve quindi ripristinare una pacifica convivenza tra natura e umanità sul nostro pianeta.

In secondo luogo, abbiamo visto che i governi hanno il potere di fermare determinate attività economiche per mettere al primo posto la salute delle persone. In un anno iniziato con una profonda crisi di multilateralismo e una mancanza di fiducia nella cooperazione intergovernativa, i leader politici sono riusciti a trovare compromessi storici durante l'emergenza COVID-19, come il Fondo europeo per la ripresa.

Ambizione climatica significa quindi rafforzare la collaborazione tra i paesi all'interno dei processi internazionali, sostenendo gli sforzi reciproci, come i paesi industrializzati che finanziano l'adattamento dei paesi poveri ai cambiamenti climatici.

Nelle nostre società ricche, le restrizioni del blocco hanno portato molti di noi a scoprire un modo di vivere più sostenibile, sostenendo la produzione alimentare locale, evitando viaggi inutili, prendendosi cura l'uno dell'altro offrendo servizi di vicinato alle persone in quarantena e ai malati e mostrando solidarietà online, sui balconi e nelle proteste.

Ambizione climatica quindi significa muoversi verso un modo di vivere più sostenibile "in modo che gli altri possano semplicemente vivere".

Abbiamo anche imparato che il lavoro più essenziale nella nostra civiltà globalizzata, come la produzione di cibo, l'assistenza sanitaria, l'istruzione, la produzione di beni essenziali e la conservazione dei nostri ecosistemi, è sostenuto dalle persone più prive di potere, spesso donne, persone di colore. e comunità indigene.

La pandemia si è abbattuta su una società già profondamente disuguale. Inoltre, le persone già vulnerabili che svolgevano un lavoro essenziale sono state ulteriormente private dei servizi sociali essenziali, esposte a maggiore violenza e oppressione, licenziate con poco preavviso o si prevede che svolgano straordinari in condizioni antigeniche.

Le persone che quotidianamente pagano il prezzo delle disuguaglianze sono anche le più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Ambizione climatica quindi significa proteggere i diritti e responsabilizzare i più vulnerabili, nonché imparare dalla loro conoscenza tradizionale e spiritualità della cura del creato.

Molte proposte politiche per affrontare la pandemia erano chiaramente guidate da interessi economici e ignoravano fondamentalmente il bene comune. Queste misure miravano semplicemente a "tornare alla normalità", invece di ricostruire meglio, invece di prepararsi a resistere alle crisi future.

E oggi, cinque anni dopo l'adozione dell'accordo di Parigi, non tollereremo di perdere altro tempo o di accettare promesse a lungo termine. La nuova normalità deve iniziare adesso. Non possiamo uscire da una crisi globale come eravamo prima e perdere l'opportunità di cambiare rotta. Non possiamo perdere lo slancio: vediamo chiaramente i sistemi dietro la crisi. Riforme ambientali, economiche o sanitarie in silos non affronteranno le cause profonde del problema.

Abbiamo bisogno di un approccio chiaro e olistico, della coerenza delle politiche tra i settori ea tutti i livelli, che possano unire le forze per dare forma a un nuovo paradigma in cui le persone e il pianeta sono la priorità centrale. Perché sappiamo che il percorso che stavamo percorrendo a tutta velocità sta solo perpetuando le disuguaglianze e il collasso ecologico.

Allora, a che punto siamo oggi sulla nostra road map per il 2030? Ci sono passi verso gli obiettivi di Parigi da celebrare (ad esempio, gli sforzi per il disinvestimento dai combustibili fossili da parte di molte istituzioni, i divieti sulla plastica monouso in alcune regioni, l'avvio di processi verso "accordi verdi", basati su una visione di interconnessione tra diverse agende, ecc.).

In molti di questi, gli attori locali hanno chiaramente svolto un ruolo chiave. Questo è un segno che il cambiamento può avvenire solo se le comunità locali sono leader o partecipano.

Sfortunatamente, la scienza ci dice che è stato fatto troppo poco - e troppo lentamente - per affrontare veramente la crisi climatica, soprattutto nelle regioni più vulnerabili. Abbiamo quasi raggiunto un aumento medio della temperatura di 1.2 gradi Celsius a livello globale.

Mentre le misure per una ripresa giusta e sostenibile sono dibattute, la "crescita a tutti i costi" rimane la mentalità principale della maggior parte dei leader politici e le società rimangono intrappolate in una "cultura dello scarto".

Oggi, e il prossimo anno, è un'opportunità, mentre costruiamo piani per una ripresa post-COVID-19 giusta e sostenibile, per valutare dove si trova l'impegno di ciascun paese, per guardare a quegli accordi del 2015 e onorare l'impegno di Parigi.

La chiamata morale alla coscienza in questo momento potrebbe davvero portare a un decennio di trasformazione senza precedenti. Questi sono gli ingredienti essenziali per la vera ambizione:

  • Gli impegni per il clima dovrebbero essere radicati in un imperativo morale per salvare la vita delle persone e proteggere i loro diritti;
  • Gli impegni per il clima dovrebbero essere basati sulle riduzioni delle emissioni raccomandate dai dati scientifici per evitare l'estinzione;
  • Gli impegni per il clima dovrebbero includere misure per affrontare e limitare gli effetti sociali ed economici della transizione sulle parti più vulnerabili della società nel mondo;
  • Gli impegni per il clima dovrebbero guardare oltre il business as usual ad alternative che seguono la natura ciclica degli ecosistemi (ad esempio, sostenere l'economia circolare, sistemi alimentari sostenibili come l'agroecologia, ecc.);
  • Gli impegni per il clima dovrebbero proteggere e imparare dalla conoscenza tradizionale, specialmente dalle popolazioni indigene, i primi guardiani della Madre Terra.

È complesso, ma è possibile. È nostra responsabilità ritenere i leader responsabili dell'attuazione della loro azione per il clima.

Cinque anni fa, nelle strade di Parigi, abbiamo appreso che è fondamentale per tutti noi - per i movimenti della società civile, gli attori della chiesa, le comunità, i giovani, i media e gli organismi scientifici - lavorare insieme per contribuire a realizzare un decennio di restaurazione verso Il 2030, un decennio di giubileo, un decennio che può ispirare, può dare forza al cambiamento, un decennio che è già iniziato.

Chiara Martinelli, Senior Advisor, CIDSE

Foto di copertina: un uomo porta un bambino sulle spalle attraverso una strada allagata a Manila, nelle Filippine, a seguito del tifone Vamco. (CNS / Reuters / Lisa Marie David)

Condividi questo contenuto sui social media