Dichiarazione della conferenza su "Land grabbing & just governance in Africa" ​​- CIDSE
Credito: AEFJN

Dichiarazione della conferenza su "Land grabbing & just governance in Africa"

Credito: AEFJN

In 2015, il CIDSE ha contribuito all'organizzazione di una conferenza panafricana sull'accaparramento della terra e la giusta governance in Kenya, insieme all'Africa Europe Faith and Justice Network (AEFJN), la sua controparte americana (AFJN) e il Simposio delle Conferenze episcopali dell'Africa e del Madagascar (SECAM). L'evento si è svolto in Kenya da 22 a 26 novembre e ha riunito oltre 100 partecipanti.

La conferenza ha messo in evidenza lo stato del land grabbing in Africa, con il presentazione di casi studio di resistenza in tutto il continente, così come le risposte della Chiesa e il suo crescente impegno nel problema del land grabbing. Mirava inoltre a sviluppare strategie per supportare e rafforzare le comunità locali nelle loro lotte per fermare questa minaccia alla sicurezza alimentare e costruire la resilienza.

La conferenza si è conclusa con il adozione di a dichiarazione congiunta e impegno di un piano d'azione.

 

(vedi sotto le versioni pdf di entrambi i documenti disponibili in EN - FR. A breve seguiranno le versioni portoghesi).


DICHIARAZIONE SULL'ACCOLTA DI TERRENI E SOLO GOVERNANCE

Noi, partecipanti alla conferenza di Nairobi sul "land grabbing and just governance in Africa", provenienti da oltre 100 organizzazioni di diverse tradizioni religiose e gruppi della società civile in Africa, Europa e Americhe, ci siamo incontrati a Limuru (Kenya) dal 22nd al 26th di Novembre 2015. Questa conferenza ha avuto luogo pochi giorni prima della visita di Papa Francesco, e tutti ci sentiamo sostenuti e mobilitati dalla sua audace posizione contro l'accaparramento della terra quando ha avvertito che "Per loro (comunità indigene), la terra non è un bene, ma piuttosto un dono di Dio e dei loro antenati che riposano lì, uno spazio sacro con cui devono interagire se vogliono mantenere la loro identità e valori. Quando rimangono sulla loro terra, loro stessi si prendono cura del meglio. Tuttavia, in varie parti del mondo, vengono esercitate pressioni su di loro per abbandonare le loro terre d'origine per fare spazio a progetti [industriali] agricoli o minerari che vengono intrapresi senza riguardo per il degrado della natura e della cultura. ”[1].

Riconosciamo che il land grabbing - così come le questioni strutturali che sono legate ad esso - e solo la governance ci impegna a camminare insieme dal basso verso il livello globale. Dal punto di vista africano, la terra è qualcosa di sacro e crediamo che una parte importante di qualsiasi successo futuro nella nostra lotta contro il land grabbing risieda nella nostra capacità di stabilire profondi legami con la nostra terra.

Abbiamo rivendicato le narrazioni sulle questioni relative alla terra dalla spiritualità biblica e africana tradizionale della terra e da casi reali di violazioni della terra.

Siamo contrari all'accaparramento di terre da parte di investitori, leader tradizionali e governi che parlano a nome del popolo e presumono che tutti abbiano qualcosa da guadagnare dall'accaparramento della terra e dai suoi successivi investimenti.

Poiché l'Africa è il principale obiettivo del land grabbing in tutto il mondo, le nostre principali preoccupazioni gravitano attorno al flagello del land grabbing e al suo impatto sulla sovranità alimentare e sulla sovranità degli stati africani. È venuto alla nostra attenzione che le multinazionali straniere sono i principali catalizzatori di questa vergognosa acquisizione di massa di terreni agricoli privilegiati che sta strappando all'Africa e alle sue generazioni future i suoi mezzi di sussistenza e identità. La maggior parte dei terreni a loro assegnati viene utilizzata per produrre beni destinati all'esportazione, principalmente beni non alimentari come minerali e materie prime (agricole) per industrie straniere, nonché per sviluppare infrastrutture. Siamo anche consapevoli che i locali, i governi e le istituzioni finanziarie svolgono un ruolo importante in questo fenomeno.

Attualmente molte politiche e strutture pubbliche sviluppate dai governi e dalle maggiori potenze africane - come il G8 e le istituzioni internazionali come la Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale del commercio e il Forum economico mondiale - facilitano direttamente o indirettamente enormi acquisizioni di terreni sfruttando le risorse della terra e la terra in modo insostenibile.

La narrativa dominante dei land grabber su come affrontare le principali sfide del nostro tempo - i cambiamenti climatici, la povertà, la sicurezza alimentare - è imperfetta.

Durante la conferenza abbiamo avuto l'opportunità di costruire, passo dopo passo, come appare la nostra visione di una società della vita in abbondanza. Siamo davvero alla ricerca di quadri che consentano:

• Comunità per mantenere o riguadagnare accesso, controllo e proprietà sulla loro terra e altre risorse naturali al fine di nutrire le loro famiglie, le loro comunità e, infine, per nutrire il mondo
• Il diritto al cibo e all'acqua di essere pienamente realizzato come parte indivisibile dei diritti umani
• investimenti della proprietà della comunità locale e spinti a prosperare
• Le comunità investono altri livelli della catena alimentare (scorte, trasformazione, distribuzione, ...) nei propri paesi
• Un aumento della resilienza delle comunità rurali evitando esodi rurali e sfratti forti e disumani
• Parità di genere e opportunità per i giovani
• Diritto delle comunità a proteggere la loro identità e il loro patrimonio culturale

Mentre riconosciamo anche la necessità di valutare le nostre responsabilità in questo fenomeno come capi spirituali tradizionali, chiese e leader, facciamo appello a tutti i responsabili delle decisioni, agli individui e alle organizzazioni della società civile a fare i loro migliori sforzi per raggiungere questa visione attraverso l'organizzazione di comunità, consapevolezza innalzamento, mobilitazione non violenta e attraverso qualsiasi altro mezzo disponibile.

Facciamo inoltre appello ai decisori affinché:

• Rafforzare l'autonomia dell'Africa sul proprio sviluppo e non essere soggetti all'agenda straniera guidata dal profitto a breve termine guidata da istituzioni internazionali, governi e multinazionali che lavorano insieme
• Mettere le comunità, i produttori alimentari su piccola scala e le donne al centro delle politiche che le incidono e includerle nel processo decisionale
• Governare responsabilmente la terra e le risorse africane in modo che le generazioni future possano godere dei frutti della terra
• Impedire che tutte le forme di acquisizione di terra voluminosa nociva abbiano un impatto negativo sulla sovranità alimentare, sui mezzi di sussistenza e sull'ambiente
• Sostenere pienamente il lavoro del gruppo di lavoro intergovernativo delle Nazioni Unite su un trattato giuridicamente vincolante su società transnazionali, imprese e diritti umani.
• Ritenere le aziende responsabili delle violazioni dei diritti umani, dei flussi finanziari illeciti dall'Africa e di qualsiasi violazione delle leggi sul lavoro e sull'ambiente

Vogliamo sottolineare che molti quadri giuridici esistenti includono già disposizioni che consentono di soddisfare tali raccomandazioni e che il primo passo è rafforzare la loro attuazione.

Mentre facciamo appello a diversi attori, noi partecipanti alla conferenza di Limuru (Kenya), ci impegniamo a lavorare per un cambiamento positivo di mentalità. Abbiamo definito gli impegni che adotteremo individualmente e collettivamente, con una forte convinzione che insieme vinceremo. [2]

FINE

________________________________________
[1] Papa Francesco, Enciclica «Laudato Si '», 146
[2] Vedi anche il documento di impegno approvato dalla conferenza

Guarda anche comunicato stampa rilasciato il 23 di novembre 2015. (disponibile in EN - FR - PT)

EN-Statement_Nairobi_land_grabbing__governance_conference_Nov_2015.pdf
IT-Commitment_to_a_PoA-_Nairobi_Conference_Nov_2015.pdf
FR-Statement_Nairobi_land_grabbing__governance_conference_Nov_2015.pdf
FR-Engagements_PA_conference_Nairobi_Nov_2015.pdf

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange