Capovolgere la marea sui piani israeliani per l'annessione - CIDSE

Rovesciare i piani israeliani per l'annessione

Invito all'azione: invertire la tendenza sui piani israeliani per l'annessione di parti della Cisgiordania

Nell'accordo di coalizione, il nuovo governo di emergenza israeliano ha espresso la sua intenzione di annettere unilateralmente parti della Cisgiordania occupata dal primo luglio 2020 in poi. Questo passaggio segnerebbe l'inizio dell'effettiva attuazione del contestato Piano di briscola. L'imminente annessione israeliana è stata accolta con diffusa condanna. Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, Alto rappresentante e vicepresidente dell'UE  Josep Borrell, Nonché Patriarchi e Capi delle Chiese di Terra Santa tra l'altro, hanno espresso preoccupazione per l'annessione, avvertendo che sarebbe dannoso per una soluzione pacifica e basata sui diritti al conflitto, nonché per la stabilità della regione.

L'annessione costituisce un atto di aggressione ed è severamente vietata dal diritto internazionale in qualsiasi circostanza. Infrange la Carta delle Nazioni Unite, la risoluzione 2625 (XXV) dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, la risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e 497. Quando Israele annette Gerusalemme est e le alture del Golan negli anni '1980, le Nazioni Unite hanno condannato univocamente queste mosse, vietando fortemente l'acquisizione del territorio con la guerra, e ha invitato gli Stati a non riconoscere la sovranità israeliana in queste aree. Tuttavia, nel corso degli anni, il fallimento di stati terzi il rispetto del loro obbligo di porre fine alla situazione illecita ha portato all'impunità israeliana nei confronti di queste annessioni illegali. Se Israele procede con l'annessione di parti della Cisgiordania e non viene ritenuto responsabile, ciò comporterà una grave violazione del diritto internazionale che rischia di riverberarsi in altri conflitti territoriali.

Le organizzazioni partner dei membri del CIDSE in Israele e Palestina sono profondamente preoccupate per la possibile annessione e per il disprezzo del governo israeliano per il diritto internazionale sostenuto e incoraggiato dall'amministrazione statunitense. Sebbene l'esatta struttura dei piani non sia ancora chiara, i partner avvertono che una tale mossa porterebbe inevitabilmente a un deterioramento dei diritti umani palestinesi e del diritto palestinese all'autodeterminazione. L'annessione avrebbe un impatto devastante sulla vita quotidiana dei palestinesi che vivono nelle terre annesse. Se il modello di Gerusalemme est si rispecchia in Cisgiordania, dopo l'annessione possiamo aspettarci di vedere espropriazione di terra di massa e nazionalizzazione di proprietà e terre private palestinesi. Ciò a sua volta comporterebbe un aumento degli sfratti, demolizioni di case e trasferimenti forzati.

Un recente rapporto dei volontari israeliani per l'organizzazione dei diritti umani, Sì Din, avverte che l'annessione aggraverebbe la limitata libertà di movimento che i palestinesi già affrontano oggi. Il maggiore isolamento delle enclavi palestinesi, le nuove norme di sicurezza e la costruzione di strade secondarie supplementari per i coloni porterebbe ad un accesso ancora più limitato all'istruzione, all'assistenza sanitaria, ai mercati, ai luoghi di lavoro e, naturalmente, alla famiglia e ai parenti. Inoltre, l'annessione della Valle del Giordano, la fertile striscia di terra che corre lungo il confine con la Giordania, comporterebbe una significativa perdita di terreni agricoli palestinesi e, a sua volta, una perdita di reddito. L'annessione corroderebbe ulteriormente il tessuto economico e sociale della società palestinese, e ciò non si limiterà alla vita palestinese in Cisgiordania. Le maggiori restrizioni al movimento approfondirebbero ulteriormente il Politica israeliana di separazione in cui sia la circolazione delle persone che la circolazione delle merci tra Gaza, Gerusalemme est e la Cisgiordania sono limitate e persino utilizzate come misure punitive. Ciò avrà un ulteriore impatto negativo sulla già disastrosa situazione di Gaza.

In un colloquio alla fine di maggio, il primo ministro Netanyahu ha dichiarato che i palestinesi non riceveranno la cittadinanza e rimarranno contenuti in enclave controllate militarmente da Israele. Anche se l'Autorità Palestinese teoricamente continuasse a governare queste enclavi, la sua autonomia sarà seriamente minata dal controllo israeliano sull'accesso, la mobilità e la sicurezza. I piani del governo israeliano testimoniano la sua spinta a massimizzare il territorio sotto la sua sovranità escludendo i palestinesi. Anche se ai palestinesi nei territori annessi fosse concessa la cittadinanza e le rimanenti enclavi diventassero indipendenti, il territorio palestinese sarebbe fortemente frammentato e ancora sotto il controllo israeliano. In pratica, ciò si tradurrebbe in un regime di controllo discriminatorio, in cui, in base all'etnia, alcune persone avranno piena cittadinanza e diritti civili e politici e altre no. Relatore speciale delle Nazioni Unite Michael Lynk ha sottolineato questo rischio affermando che "il piano cristallizzerebbe un apartheid del 21 ° secolo, lasciando dietro di sé la fine del diritto dei palestinesi all'autodeterminazione ”. A tale proposito, dovremmo tenere presente che il rispetto dei diritti umani e l'autodeterminazione dei palestinesi non devono dipendere dalla loro posizione, ma dovrebbero essere perseguiti per tutti.

Due componenti sono essenziali per trovare una via costruttiva in avanti e prevenire un grave deterioramento del conflitto e lo stato dei diritti umani e del diritto internazionale. Innanzitutto, Israele deve essere ritenuto responsabile e responsabile delle sue gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani dei palestinesi. Pur riconoscendo il diritto israeliano all'autodeterminazione e alla sicurezza, lo stesso deve essere esteso ai palestinesi. Pertanto, è fondamentale promuovere il sostegno internazionale ai meccanismi esistenti di responsabilità. Questi includono il Database UNHCR delle società che operano negli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata e nella Gerusalemme est e nel Indagine ICC in crimini commessi nel territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme est. In secondo luogo, i diritti collettivi e internazionali dei palestinesi devono essere al centro dei negoziati. Un approccio basato sui diritti può offrire una via d'uscita dal fallimento del paradigma di Oslo. A questo proposito, la mancanza di legittimità dell'autorità palestinese dovrebbe essere affrontata incoraggiando il rinnovo della leadership palestinese attraverso elezioni e unificazione da tempo attese. Ciò potrebbe dare ossigeno e spazio alle legittime rivendicazioni, ambizioni e visioni del popolo palestinese per il futuro.

È innegabile che la mancanza di volontà politica internazionale di agire ci abbia ampiamente portato a questo punto. Di recente, l'UE e i suoi stati membri sono stati più espliciti contro l'annessione israeliana. Alto rappresentante e vicepresidente dell'UE Josep Borrell ha sottolineato tale annessione "Impossibile passare incontrastato". Nel caso dell'annessione russa della Crimea, l'UE ha dimostrato la propria disponibilità a reagire fortemente contro l'annessione illegale. Ancora una volta, l'UE dovrebbe essere all'altezza dei suoi standard interni e mostrare la stessa forza nell'opporsi alle rivendicazioni israeliane di sovranità sulla Cisgiordania palestinese. L'UE dovrebbe iniziare attuando vigorosamente la legislazione esistente in materia di differenziazione tra Israele e gli insediamenti illegali in Cisgiordania e applicando la corretta etichettatura dei prodotti insediativi come stabilito dal Corte di giustizia europea. È giunto il momento per l'UE di assumere un ruolo attivo atteso da tempo come mediatore e giungere a un accordo multilaterale. Questo può e dovrebbe essere un momento cruciale per invertire la tendenza.


Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange