L'importanza della carovana GCLTE dell'Africa occidentale per le donne contadine – CIDSE

L'importanza della carovana GCLTE dell'Africa occidentale per le donne contadine

Dal 20 novembre all'11 dicembre 2021 la terza edizione della carovana dell'Africa occidentale Convergenza globale per le lotte per terra, acqua e semi (GCLTE-AO) ha viaggiato attraverso cinque diversi paesi dell'Africa occidentale (Gambia, Senegal, Guinea Bissau, Guinea Conakry e Sierra Leone). Questo evento biennale, guidato da una coalizione regionale di organizzazioni della società civile, attori religiosi e movimenti sociali, mira a sostenere e riunire le comunità che stanno resistendo all'appropriazione delle loro risorse naturali e alle sistematiche violazioni dei diritti umani che provoca. Durante la carovana, i partecipanti condividono le loro storie e lotte tra loro e interagiscono con funzionari governativi, leader tradizionali e religiosi per far sentire la loro voce.
In Gambia, dove è iniziato il viaggio, la carovana è stata ospitata dal National Coordinating Organisation of Farmer Associations the Gambia (NACOFAG). Questa è una rete di agricoltori e associazioni di produttori del Gambia che lavorano sui temi del buon governo, dell'advocacy e del lobbying.

In questo contributo sul blog, Burry Tunkara, Assistant Program Officer presso NACOFAG e Presidente di ADDAD Gambia, guarda alla Carovana dal punto di vista delle donne contadine e delle loro lotte per i diritti della terra. 

La carovana e le donne contadine lottano per i diritti sulla terra

Burry Tunkara al Caravan nel 2021

Molto partecipata la terza edizione della carovana della Convergenza Globale per le lotte per terra, acqua e semi. Ha mobilitato oltre 200 partecipanti, dal 60 al 70 per cento dei quali erano donne e giovani di diversi settori, inclusi produttori alimentari, allevatori, leader tradizionali e religiosi, organizzazioni della società civile e movimenti sociali. Ha anche attirato l'attenzione di molte persone, in particolare donne, che sono attivamente coinvolte nell'agricoltura.  
Per me è stata la seconda volta che ho partecipato alla carovana. La prima volta era dentro 2018 quando ero uno dei due delegati del Gambia che hanno partecipato attraverso la piattaforma NACOFAG. Ho potuto condividere e ascoltare esperienze di persone diverse in paesi diversi e ho incontrato molte donne contadine che lottano per ottenere l'accesso alla terra nella loro comunità. Questa esperienza ha motivato così tanto me e i miei colleghi di NACOFAG che ci siamo impegnati attivamente nella preparazione e nella logistica della terza edizione del Caravan, che è stata lanciata in Gambia. 
Le lotte delle donne contadine per accedere alla terra sono critiche. Nei paesi in via di sviluppo, le donne sono responsabili di circa il 70% della produzione alimentare, in particolare nell'Africa occidentale e molte donne dipendono dall'agricoltura per la propria sopravvivenza. Lavorano molto duramente per sostenere la loro comunità e per creare un ambiente in cui i loro figli abbiano accesso all'istruzione e le loro esigenze sociali siano soddisfatte. Tuttavia, trovano ancora molto difficile possedere un pezzo di terra nella loro comunità. In alcune comunità, le donne hanno meno o nessun diritto quando si tratta di proprietà della terra. Alla ricerca di un lavoro dignitoso per sopravvivere e prendersi cura dei propri figli, le donne spesso si sentono costrette a migrare da un paese all'altro o dalle aree rurali ai centri urbani. 

No all'ingiustizia sociale sui diritti alla terra per le donne contadine 

L'ingiustizia sociale dilaga nella nostra società, in particolare per le donne. Alcune di queste ingiustizie sociali sono rafforzate da norme e valori culturali, che mettono a tacere le donne e le costringono a obbedire a qualsiasi decisione decisa da uomini e anziani. Inoltre, rendono impossibile per le donne ereditare la terra del marito o della famiglia. Questo è del tutto ingiusto perché in molti casi le donne sono le capofamiglia nelle loro famiglie e sono in prima linea nella cura e nella ristorazione da parte dell'intera famiglia. Molte donne hanno anche avuto le loro terre e proprietà rubate senza compenso.  
Durante la carovana ho sentito una storia che mi ha particolarmente toccato. Era la storia di Alasan e di sua madre, che hanno rotto la 'cultura del silenzio' condividendo con noi le loro lotte. Alasan, un ragazzo di 13 anni, e sua madre hanno subito molte ingiustizie sociali dopo la morte del padre, che aveva sempre assicurato stabilità finanziaria e possedeva proprietà a suo nome. Dopo la sua morte, tuttavia, la sua famiglia ha negato a sua moglie e ai suoi figli l'accesso a questa proprietà. Dalla sua storia ho appreso che il caso è stato persino portato in tribunale perché voleva giustizia per se stessa e per i suoi figli. Tuttavia, ha perso la causa e ha detto: "deve essere perché sono una donna o perché non ho una famiglia che mi difenda a questo livello". Per Alasan, è incredibilmente difficile vedere sua madre soffrire e poiché non ha alcuna possibilità di pagare queste tasse scolastiche, ha dovuto cercare un lavoro, nonostante le responsabilità e i pericoli che questo comporta.  


Questa è solo una delle tante storie in quanto le lotte per la terra e altre risorse naturali sono una preoccupazione fondamentale per tutte le donne coinvolte nella carovana. La carovana è stata una grande opportunità per loro di parlare; sensibilizzare e sostenere la terra, l'acqua e le sementi e impegnarsi attivamente in azioni per la giustizia sociale e ambientale. In tal modo, hanno potuto entrare in dialogo con le autorità governative, i leader tradizionali e religiosi, chiedendo loro di contribuire all'emancipazione delle donne nel settore agricolo garantendo loro l'accesso alla terra e ad altre risorse naturali. Li hanno esortati a considerare le loro lotte e ad essere inclusi nel processo decisionale dalla base.


Coinvolgimento dei capi locali nel sostegno ai diritti fondiari

Il capo Dawda York, un capo locale del distretto di Nianija in Gambia, era direttamente coinvolto nella carovana. Per lui è stato un grande piacere far parte di questo movimento che autorizza gli agricoltori, in particolare le donne contadine, nelle loro attività agricole e nel garantire terra, acqua e sementi per la produzione agricola. Parlando a nome di tutti i capi del Gambia, ha riconosciuto che, mentre per la maggior parte delle donne l'occupazione principale è l'agricoltura, non possono ancora avere/possedere la propria terra. Questa proprietà, tuttavia, è fondamentale in quanto consentirebbe loro di fare agricoltura commerciale, che offre maggiori opportunità rispetto all'agricoltura di sussistenza. Questo perché la maggior parte delle donne fa giardinaggio nella propria residenza o nel cortile di casa per coltivare verdure solo per il consumo.  
In vari casi, lui, come capo locale, aveva già sostenuto le donne nell'assicurarsi la terra per l'agricoltura. Le lotte del Movimento di convergenza globale per la terra, l'acqua e i semi lo hanno ispirato e lo hanno reso più consapevole delle lotte che le donne contadine devono affrontare. Questa consapevolezza è stata condivisa con altri capi, che li ha portati a partecipare a varie piattaforme in diversi paesi africani le cui attività sono incentrate sulle donne contadine, sulla sicurezza della proprietà della terra e su una maggiore partecipazione al processo decisionale. Queste attività, inclusi seminari e campagne, lo hanno motivato a sostenere oltre 130 donne nel suo distretto per assicurarsi e possedere terreni per l'agricoltura e altre attività agricole.  


Guadagnare fiducia per lottare per i diritti  

Il Libro Verde della CGLTE, che è il documento di advocacy che articola le richieste delle comunità, sottolinea che “il futuro è nelle mani delle donne”, che dovrebbero essere leader nella nostra transizione verso sistemi agricoli e alimentari sostenibili. Nella maggior parte dei casi, costituiscono la maggioranza della comunità agricola. Pertanto, supportarli nell'acquisizione di terreni e autorizzarli a svolgere le loro attività è fondamentale. Ciò include buone pratiche di governo del territorio e l'omissione di norme e valori culturali sfavorevoli che ostacolano l'emancipazione delle donne.  
Grazie alla carovana e al Movimento di convergenza globale per la lotta per la terra, l'acqua e i semi dell'Africa occidentale, le donne che hanno partecipato hanno acquisito la fiducia necessaria per lottare per i loro diritti alle risorse naturali. Hanno chiesto alle autorità governative e ai leader tradizionali e religiosi di intervenire e di fornire politiche fondiarie favorevoli e una buona governance fondiaria per consentire alle donne contadine di accedere e possedere la terra.  



Crediti fotografici: Convergenza globale dell'Africa occidentale per le lotte per terra, acqua e semi (GCLTE-AO) e ADDAD Gambia.

Condividi questo contenuto sui social media