La lotta al cambiamento climatico può essere guidata e decolonizzata dalle donne? – CIDSE

La lotta al cambiamento climatico può essere guidata e decolonizzata dalle donne?

Tquesta è la domanda sollevata da Axelle Fischer, Segretario generale di Entraide et Fraternité (EF), in an analisi pubblicato a febbraio 2022.


Per Entraide et Fraternité, decolonizzazione, lotta al riscaldamento globale e mainstreaming di genere sono intrinsecamente legati. “Non ci può essere un vero progresso nella protezione del nostro pianeta senza la piena partecipazione delle persone dei paesi poveri e senza tener conto della voce delle donnescrive Axelle Fischer, che avanza tre argomentazioni:

  • In primo luogo, perché queste tre domande sono questioni di giustizia. Sono diventati inevitabili e urgenti se non vogliamo vedere peggiorare la rabbia ei conflitti causati dall'esclusione deliberata e continua di donne e persone nei paesi poveri; se vogliamo proteggere il pianeta e gli esseri viventi che lo abitano… piante, animali e esseri umani.
  • In secondo luogo, perché il meccanismi di onnipotenza e paternalismo che storicamente guidano lo sfruttamento della natura e delle persone sono oggi contrastate con coraggio e libertà, in quanto sempre più presente nei media e quindi inevitabile nella sfera pubblica.
  • Infine, perché questi tre temi sollevano la questione del gli attori coinvolti: la costruzione di soluzioni sostenibili non sarà possibile senza l'inclusione delle donne, delle comunità della diaspora e delle persone dei paesi in prima linea nel riscaldamento globale.

Questo è ciò che EF ei suoi partner stanno cercando di fare in vari modi.

Verso un partenariato decolonizzato

L'idea che il quadro di sviluppo occidentale sia “superiore” è ancora prevalente e una sorta di inerzia intellettuale ci spinge a essere chiari su questo tema: la cooperazione allo sviluppo è in qualche modo radicata negli approcci coloniali. È possibile essere una ONG internazionale di solidarietà e sostenere l'empowerment imponendo unilateralmente vincoli amministrativi e culturali sempre più pesanti? In altre parole, come può il settore delle ONG essere un attore in questo processo di decolonizzazione delle nostre relazioni internazionali?

Affinché i cosiddetti partenariati (basati sull'uguaglianza) siano al centro delle lotte popolari per l'emancipazione e la liberazione nei paesi del Sud, è necessario tener conto della storia, della cultura, delle tradizioni, del patrimonio e delle forme specifiche di organizzazioni che diano alle persone la propria identità e il loro diritto all'autodeterminazione.

Imparare dal passato, disimparare ciò che forse è troppo radicato in noi e condividere il potere: questi tre approcci ci permetteranno di sbloccare a poco a poco i lucchetti di questa eredità coloniale che ancora ci opprime.

Lotte convergenti contro il riscaldamento globale

La questione climatica è una questione di giustizia. Questa ingiustizia è vissuta in ogni paese povero dove i più poveri sono sistematicamente i più colpiti dal cambiamento climatico.

Per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di "1.5°C", dobbiamo lavorare insieme: ONG, movimenti sociali, gruppi della diaspora e partner nei paesi poveri... Questo problema richiede un'ampia convergenza di forze e strategie, è una questione di corresponsabilità . EF traduce il suo impegno nei confronti del cambiamento climatico in un lavoro a lungo termine con i suoi partner per affrontare le cause profonde dei problemi. Questo significa anche collegare le lotte: giustizia climatica, giustizia sociale, sovranità alimentare, «gilets verts/gilets jaunes». Infine, significa dare voce alle persone interessate, piuttosto che parlare a nome delle persone. Questo dovrebbe essere fatto in una logica di decolonizzazione, come abbiamo sottolineato in precedenza.

E qual è il ruolo delle donne in tutto questo?

La parità di genere è una questione sistemica. Parlare pubblicamente di genere in una ONG cattolica non è facile. Renderlo un asse trasversale, e quindi sempre presente, del lavoro di EF è una sfida che ha senso, o piuttosto rischia di creare ambiguità?

Ci sembra che alcuni membri della Chiesa oggi si pongano in contraddizione con un elemento importante che ha ispirato la costruzione del pensiero e dell'azione cattolica: il riconoscimento delle vittime e degli esclusi nelle nostre società, che sono per lo più donne, ma anche il riconoscimento del loro ruolo nel cambiamento sociale e la protezione della nostra “casa comune”. Infatti, attualmente non c'è un vero dibattito all'interno della Chiesa sul fatto che le donne siano vittime. È una questione di credibilità per la Chiesa parlare su questo tema, affermare che la Chiesa si batte per l'uguaglianza e il rispetto della dignità umana.
La conversione integrale auspicata da papa Francesco nell'enciclica Laudato Si ' richiede armonia con tutti gli esseri viventi sulla Terra. In effetti, possiamo identificare molti sviluppi positivi, tra gli altri nel posto delle donne all'interno delle strutture della Chiesa. Papa Francesco, ad esempio, ha lanciato un movimento importante da elevare la posizione delle donne, ad esempio assegnando donne a ruoli con alti livelli di responsabilità. Ma ci sono ancora molti passi da compiere prima che il tema dell'uguaglianza e dell'equità tra donne e uomini diventi parte integrante della vita della Chiesa cattolica, che è ancora segnata da una logica patriarcale e gerarchica.

Come la questione della decolonizzazione, la questione del genere ci mette di fronte alle nostre ferite, alle ingiustizie di cui a volte ci sentiamo complici, alle quali ci siamo abituati e alle quali non ci sentiamo a nostro agio. Siamo di fronte a un dibattito su parole e concetti. Parlare di “genere” all'interno della Chiesa rischia di offendere la sensibilità etica. Il genere può essere inteso come direttamente collegato a questioni di moralità sessuale e alla non accettazione delle differenze biologiche. Allo stesso modo, parlare di genere scuote inevitabilmente il comfort del privilegio. Ci porta a parlare di vittime di ingiustizie, ma chi trae vantaggio da queste ingiustizie? Di fatto nella Chiesa i beneficiari sono uomini bianchi.

Il legame con il colonialismo è molto chiaro. Parlare di genere è parlare di giustizia, dignità, uguaglianza, riconoscere i sistemi di sfruttamento e le strutture istituzionali e umane, e vedere come smontarli. Per continuare a evolvere le nostre mentalità, la logica dell'apprendimento permanente è stimolante perché si tratta prima di osare parlare, riconoscere i fatti e capire come funzionano, per poi iniziare a decostruire le abitudini.
Per combattere efficacemente il riscaldamento globale, è necessario coinvolgere le principali persone interessate, ovvero i più poveri ed esclusi… La gente dei paesi poveri e in particolare le donne. Sulle questioni ambientali, il posto delle donne deve diventare centrale per due ragioni principali:

  1. Il cambiamento climatico aggrava le disuguaglianze di genere: le donne sono le principali vittime del cambiamento climatico. 
  2. Le donne sono le principali protagoniste di soluzioni innovative.

Conclusione

Entraide et Fraternité adotta un approccio positivo e proattivo e sostiene un mondo che combina prosperità, rispetto per i limiti del pianeta e giustizia sociale. È un'utopia, un sogno che può diventare realtà se c'è creatività e volontà di imparare dal passato, di disimparare ciò di cui dobbiamo liberarci e che è profondamente radicato in noi, e di accettare di condividere il potere.


Note: 
-Questo articolo è un riassunto non esaustivo di Axelle Fischer analisi documento a seguito dello studio”Agire per la giustizia sociale nel mondo” realizzato in occasione del 60° anniversario di Entraide et Fraternité. Questo summary è stato tradotto in inglese da CIDSE.
-Entraide et Fraternité è l'organizzazione membro belga di lingua francese del CIDSE.

Credito: F. Pauwels



Axelle Fischer lavora come Segretario generale di Entraide et Fraternité da febbraio 2018. In precedenza, è stata Segretario generale della Commission Justice et Paix-Belgique dal 2008 al 2018.



Foto di copertina  Credito: AC Dimatatac, 350.org – CC 2.0 Generico (CC BY-NC-SA 2.0)  

Condividi questo contenuto sui social media